Il branco di balene assassine intrappolate nel ghiaccio marino in Giappone è fuggito, dice un funzionario locale

L’orca è stata avvistata per la prima volta da un pescatore locale martedì mattina.

Un branco di orche che sembrava essere intrappolato nel ghiaccio marino alla deriva al largo della principale isola settentrionale del Giappone, Hokkaido, è fuggito da un recinto ghiacciato, ha detto un funzionario locale.

Ryoji Onuma ha detto ad ABC News che le autorità della città di Rasu hanno condotto una ricerca a terra delle balene per circa due ore mercoledì, ma più di 10 orche non sono state trovate da nessuna parte.

“Sembra che siano scappati, ma non possiamo esserne sicuri”, ha detto Onuma, che sta guidando la risposta a Rause. Il loro gruppo è arrivato a meno di un chilometro dall’ultima posizione nota delle orche, ha detto Onuma, mentre gli elicotteri della stampa ronzavano sopra le loro teste e la gente del posto pilotava i droni, catturando la scena.

Onuma ha confermato ad ABC News che il ghiaccio si sta sciogliendo e che non sono necessari ulteriori sforzi di salvataggio. “Per noi è tutto,” ha detto Onuma.

“Anche se non possiamo confermarlo con certezza, sono sicuro che queste balene hanno trovato la loro strada e sono libere dal ghiaccio. Crediamo che lo siano sicuramente”, ha aggiunto Onuma.

Organizzazioni per la fauna selvatica di paesi come gli Stati Uniti e la Russia si sono fatte avanti per aiutare, ma Onuma ha affermato che l’intervento umano diretto nell’area avrebbe messo a rischio sia l’uomo che gli animali.

Martedì sera è stata una situazione difficile, ha detto Onuma.

READ  Le azioni Instacart iniziano a essere negoziate sul Nasdaq

“Eravamo giù prima del tramonto. Non avevano abbastanza spazio. Non potevano uscire”, ha detto Onuma delle balene.

Onuma ha descritto la lotta concertata degli animali mentre il sole tramontava, dicendo ad ABC News: “Sembravano respirare a turno, come nell’ordine in cui stavano andando”.

Anche la Guardia costiera giapponese era a bordo per aiutare, ha detto Onuma.

“Abbiamo discusso dell’arrivo dei rompighiaccio per liberare le creature. C’era la possibilità che i rompighiaccio spingessero dentro il ghiaccio e li mantenessero ancora più affollati”, ha detto Onuma. Onuma ha affermato che questo approccio potrebbe aver inavvertitamente danneggiato le orche coprendo il loro foro di respirazione.

“Apprezziamo davvero tutte le idee e il sostegno che sono arrivati”, ha aggiunto Onuma, riconoscendo la preoccupazione diffusa.

Onuma, chiarendo il suo status di non esperto, ha detto a ABC News: “Ognuno di questi animali ha caratteristiche distinte e segni naturali e riconoscibili. Sono lunghe distanze. Qualcuno potrebbe essere stato su una barca turistica da qualche parte lungo la strada. […] Il ritrovamento e l’identificazione di uno di questi animali dalle immagini diffuse è la prova che sono fuggiti vivi.”

Martedì, Wildlife Pro LLC ha condiviso su Facebook il filmato girato da Seiichiro Tsuchiya con il drone delle orche intrappolate, dove gli spettatori potevano vedere le orche dondolare la testa dentro e fuori dall’acqua ghiacciata. Tsuchiya ha detto che le orche facevano fatica a respirare e non potevano nuotare liberamente.

“Ho visto circa 13 orche che sporgevano la testa da un buco nel ghiaccio”, ha detto Tsuchiya. Emittente pubblica giapponese NHK. “Sembravano che stessero lottando per respirare e sembrava che coprissero tre o quattro vitelli.”

READ  Le azioni di Warren Buffett nel Berkshire acquistano e registrano una perdita di $ 43,8 miliardi

Secondo la NHK, un incidente simile si è verificato a Rausu nel 2005, dove nove orche sarebbero morte dopo essere rimaste intrappolate nel ghiaccio alla deriva.

Anthony Trotter di ABC News ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *