L’avvocato speciale Biden conclude l’indagine fiscale riservata, ma rifiuta le richieste dei testimoni di riscattare il rapporto

Il procuratore generale Merrick Garland ha detto ai capi delle commissioni Giustizia della Camera e del Senato che il procuratore speciale Robert Hurr ha concluso la sua indagine sui documenti riservati trovati in una casa collegata al presidente Joe Biden.

Garland ha detto che Harr ha presentato il suo rapporto al Dipartimento di Giustizia lunedì e si è impegnato a “rendere il rapporto del procuratore speciale il più pubblico possibile”.

Il procuratore generale ha detto ai leader del Congresso che la revisione dei suoi contenuti da parte della Casa Bianca per l’autorità esecutiva non è ancora completa.

Secondo Garland, Hurr ha offerto all’ufficio legale della Casa Bianca e al consulente personale di Biden l’opportunità di fornire un feedback sul rapporto.

Tuttavia, ABC News ha appreso che i testimoni che hanno collaborato al caso stanno implorando privatamente Hoor di consentire loro di rivedere una bozza del rapporto prima del rilascio pubblico, secondo gli avvocati che rappresentano 20 di quei testimoni.

Secondo l’avvocato Michael Bromwich, ha suggerito più volte al team di Hurr nell’ultimo mese che, senza tale revisione, Hurr avrebbe perso “il giusto contesto fattuale” per le informazioni fornite da ciascuno dei suoi clienti.

Ma, come ha raccontato Bromwich, l’ufficio di Harr gli ha ripetutamente detto che nessuno dei testimoni del processo avrebbe potuto vedere il rapporto prima che diventasse pubblico.

READ  Una squadra sconosciuta ha fatto un'offerta migliore ai Bears rispetto agli Steelers

“Questo è un enorme errore procedurale e non è nell’interesse pubblico”, ha detto Bromwich alla ABC News.

Un avvocato che rappresenta gli altri testimoni è d’accordo, dicendo che Hur potrebbe rivedere una bozza del rapporto prima che i suoi clienti lo pubblichino.

La disputa in corso sottolinea la crescente preoccupazione tra i più stretti collaboratori di Biden e gli avvocati che li rappresentano.

ABC News aveva precedentemente riferito che la squadra di Harin aveva scoperto episodi di indiscrezioni legate a Biden.

Parlando con ABC News mercoledì, Bromwich ha detto che si aspetta che il rapporto di Harin includa aneddoti e informazioni fornite da molti dei suoi clienti – dai membri dello staff junior ai consulenti senior – ma ha rifiutato di fornire dettagli.

Bromwich ha osservato, tuttavia, che l’indagine di Harr potrebbe aver portato gli investigatori a intervistare i camerieri che hanno lavorato a un evento a casa di Biden negli ultimi anni, rivelando documenti riservati.

“Si tratta di un rapporto atteso da tempo e sarà ampiamente letto”, ha affermato Bromwich, ex ispettore generale del Dipartimento di Giustizia. “Più importante del rapporto medio di un ispettore generale è che i fatti siano riportati accuratamente… I testimoni che hanno collaborato volontariamente e hanno dedicato il loro tempo alle indagini non sono meno degni.”

Secondo Bromwich, negli ultimi tre decenni, i testimoni le cui informazioni o testimonianze sono incluse nei rapporti generali degli ispettori del Dipartimento di Giustizia hanno potuto rivedere le bozze dei rapporti prima che fossero rilasciati. Ma Harr, un avvocato speciale, non riceve la stessa deferenza, e nemmeno gli altri avvocati speciali, ha detto Bromwich.

Garland ha nominato Harr consigliere speciale nel gennaio 2023 dopo che gli assistenti presidenziali avevano scoperto una serie di dieci documenti presso il Centro Ben-Biden di Washington, DC.

READ  I mercati asiatici salgono, le azioni della Corea del Sud esplodono in vista del rapporto sull'IPC statunitense

Una seconda scoperta di ulteriori documenti nel garage di Biden a Wilmington, nel Delaware, fece precipitare la decisione di Garland di nominare Har come consigliere speciale, riferì all’epoca ABC News.

Gli investigatori hanno intervistato 100 funzionari attuali ed ex, tra cui il segretario di Stato Anthony Blinken, l’ex capo dello staff della Casa Bianca Ron Klein e il figlio del presidente, Hunter Biden. A ottobre, la squadra di Harin ha trascorso due giorni a intervistare Biden.

La Casa Bianca ha insistito fin dall’inizio sulla collaborazione con gli investigatori. Biden ha ripetutamente negato ogni illecito personale e si è detto “sorpreso” nell’apprendere dell’esistenza dei documenti.

Il processo Hur si è svolto in sordina sullo sfondo delle indagini del procuratore speciale Jack Smith sulla gestione dei documenti riservati da parte dell’ex presidente Donald Trump, culminate lo scorso anno in un atto d’accusa di 40 capi di imputazione in cui Trump si è dichiarato non colpevole.

Trump ha cercato di collegare le sue circostanze a quelle di Biden cercando di trovare un equilibrio tra il loro comportamento e definendo la sua accusa il risultato di un sistema giudiziario che ha preso di mira in modo improprio i repubblicani.

Ma i documenti rilasciati dagli Archivi nazionali indicano che il team legale di Biden ha collaborato con i funzionari degli Archivi nazionali, mentre i pubblici ministeri federali hanno accusato Trump di aver deliberatamente nascosto documenti riservati agli investigatori degli Archivi nazionali e successivamente all’FBI.

Fonti hanno riferito ad ABC News che i funzionari hanno scoperto episodi di indiscrezione sin dalla vicepresidenza di Biden, ma che, sulla base di ciò che i testimoni hanno detto agli investigatori, sembravano essere lo smaltimento improprio di documenti riservati quando Biden ha lasciato la Casa Bianca. Il 2017 è un reato minore piuttosto che un atto criminale.

READ  I colpi di richiamo del coronavirus per gli under 50 sono stati sospesi durante la spinta verso un nuovo vaccino accelerato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *