I leader della UAW spingono per l’accordo con Ford mentre i colloqui con GM si trascinano

DETROIT, 29 ottobre (Reuters) – Il presidente della United Auto Workers Sean Fine ha incontrato domenica pomeriggio i leader sindacali locali alla Ford (FN) per avviare il processo di ratifica di un nuovo contratto, mentre proseguono le contrattazioni alla General Motors (GM.N). Sabato di ripiego.

Sabato Fein ha ordinato uno sciopero presso lo stabilimento di motori e assemblaggio di GM di Spring Hill, Tennessee, criticando il “rifiuto inutile e sconsiderato del management di raggiungere un accordo ragionevole”.

Non è chiaro cosa abbia deragliato i progressi di GM e UAW verso un accordo siglato dopo accordi precedenti tra Ford e Stellantis, proprietario di Chrysler (STLAM.MI). Tali accordi hanno dato ai lavoratori un aumento salariale record del 25% rispetto al contratto di 4 anni e mezzo e hanno permesso alle case automobilistiche di riavviare le loro redditizie linee di assemblaggio di camion.

Il contratto UAW di Ford include un bonus di approvazione di 5.000 dollari, pacchetti speciali di incentivi pensionistici e un percorso più rapido verso lo status a tempo pieno e una retribuzione sindacale più elevata per i lavoratori temporanei appena assunti, secondo un documento riepilogativo visto da Reuters. I lavoratori ricevono inoltre un voucher da 1.500 dollari per l’acquisto di un veicolo e contributi aziendali più elevati per le prestazioni pensionistiche.

Gli attuali lavoratori temporanei della Ford diventano immediatamente dipendenti a tempo indeterminato con un percorso verso salari più alti entro tre anni, e l’accordo apre la strada alla sindacalizzazione dei lavoratori delle joint venture, degli impianti di batterie e del complesso di veicoli elettrici Ford a Blue Oval, nel Tennessee. Un accordo quadro, hanno detto fonti a Reuters.

Le azioni di Gm e Ford sono crollate di circa un quinto dall’inizio dello sciopero il 15 settembre. Le azioni di Stellantis sono scese solo dell’1%.

READ  L'incidente critico è stato segnalato dopo che l'uomo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco

GM ha detto di essere rimasto deluso dalla decisione della UAW di colpire Spring Hill.

Lo sciopero di Spring Hill potrebbe fermare la produzione del grande pick-up GM e l’assemblaggio di altri popolari veicoli GM. La società ha annunciato la settimana scorsa che gli effetti a catena dello sciopero prolungato di Spring Hill sono costati a GM uno stallo di oltre 400 milioni di dollari a settimana.

Il consulente della UAW Benjamin Dichter ha postato domenica mattina sul sito di social media X, precedentemente noto come Twitter: “Tutti i miei amici odiano le aziende che non accettano contratti equi per i loro lavoratori”. Successivamente ha cancellato il post.

GM è ora l’unica casa automobilistica di Detroit senza accordo. Stellandis ha raggiunto un accordo con la UAW sabato e con Ford mercoledì.

Il presidente del sindacato United Auto Workers Shawn Fine si unisce al picchettaggio dei membri UAW presso lo stabilimento Ford Michigan Assembly di Wayne, Michigan, Stati Uniti, il 15 settembre 2023. REUTERS/Rebecca Cook Ottieni i diritti di licenza

I progressi nella risoluzione della controversia tra UAW e GM potrebbero rallentare domenica, poiché Fein dovrebbe partecipare a incontri con i funzionari locali Ford nella periferia di Detroit, Michigan, e dare un annuncio video sull’accordo Ford alle 19:00 ET (23:00 GMT). .

I leader sindacali partecipano poi alle riunioni regionali per spiegare i contratti ai membri, che poi votano se ratificarli.

I leader della UAW non possono più dare per scontati i voti di appoggio. Il mese scorso, i lavoratori della UAW presso le operazioni statunitensi di Mack Truck hanno rifiutato a stragrande maggioranza un contratto proposto da Fein, mentre Mack ha dichiarato giovedì che non erano previste nuove negoziazioni. Nel 2015, i membri dell’UAW, ora conosciuti come Stellandis, hanno rifiutato un contratto approvato dalla leadership sindacale.

READ  Il tunisino Ones Japier ha fatto la storia a Wimbledon

Fein ha detto sabato che i leader sindacali locali degli stabilimenti Stellandis verranno a Detroit il 2 novembre per un contratto inviato ai membri per la ratifica.

Un grosso libretto degli assegni

La multa è stata particolarmente dura nei confronti della Ford durante le trattative contrattuali, nonostante la casa automobilistica abbia sviluppato in passato un rapporto di collaborazione con la UAW.

Ad un certo punto, ha detto all’amministratore delegato della Ford Jim Farley di “prendere un grosso libretto degli assegni”, dichiarando che “i giorni in cui UAW e Ford combattevano contro altre società sono finiti”.

Oltre all’aumento salariale generale, Fine ha affermato che i lavoratori temporanei meno pagati della Ford godranno di un aumento di oltre il 150% durante il periodo contrattuale, e che i dipendenti raggiungeranno salari più alti dopo tre anni. Il sindacato ha inoltre ottenuto il diritto di sciopero per le future chiusure degli stabilimenti.

La UAW è riuscita a eliminare i livelli salariali più bassi per i lavoratori in alcune parti delle attività della Ford – una questione evidenziata fin dall’inizio del processo di contrattazione.

L’accordo con Ford sostituirebbe le concessioni che il sindacato aveva accettato in una serie di contratti dal 2007, quando GM e l’ex Chrysler stavano scivolando verso la bancarotta.

“Abbiamo detto a Ford di darsi una mossa e lo hanno fatto”, ha detto Fine in un video post la scorsa settimana.

Reportage di Joe White a Detroit e David Shepherdson a Washington; Scritto da Sayantani Ghosh; Montaggio di Lisa Schumacher e Deepa Babington

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Joe White è un corrispondente automobilistico globale per Reuters con sede a Detroit. Joe copre una vasta gamma di argomenti relativi al settore automobilistico e dei trasporti e scrive per The Auto File, una newsletter tre volte alla settimana sull’industria automobilistica globale. Joe è entrato a far parte di Reuters nel gennaio 2015 come redattore capo dei trasporti per aerei, treni e automobili, e in seguito è diventato redattore automobilistico globale. In precedenza, ha lavorato come redattore automobilistico globale per il Wall Street Journal, dove ha supervisionato la copertura dell’industria automobilistica e ha diretto l’ufficio di Detroit. Joe è il coautore (con Paul Ingrassia) di Comeback: The Fall and Rise of the American Automobile Industry, e lui e Paul hanno condiviso il Premio Pulitzer nel 1993 per Beat Reporting.

READ  Muore a 86 anni il fondatore dei Panthers, Jerry Richardson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *