I combattimenti si sono intensificati in tutta Gaza da quando gli Stati Uniti hanno posto il veto al cessate il fuoco

  • Recenti sviluppi:
  • Abbas, membro dell’Autorità Palestinese, accusa Washington di complicità nei crimini di guerra israeliani a causa del veto dell’ONU
  • Israele afferma che i militanti hanno lanciato l’attacco dalle scuole nel nord di Gaza
  • L’ospedale Deir al-Balah è stato danneggiato durante lo sciopero, che ha demolito la moschea accanto

GAZA/CAIRO, 9 dicembre (Reuters) – Israele ha colpito sabato la Striscia di Gaza da nord a sud, in una fase crescente della sua guerra di due mesi contro Hamas. Dalla richiesta universale di un cessate il fuoco.

Tredici dei quindici membri del Consiglio di Sicurezza hanno votato a favore di una risoluzione che chiedeva un cessate il fuoco umanitario immediato, che è stata bloccata da Washington. La Gran Bretagna non ha votato.

Da quando il cessate il fuoco è crollato la scorsa settimana, Israele ha ampliato la sua campagna di terra nel sud della Striscia di Gaza. Allo stesso tempo, è stato riferito che i combattimenti tra le due parti sono aumentati nel nord.

I residenti di Khan Yunis hanno detto sabato che le forze israeliane stavano ordinando alla gente di evacuare da un altro distretto a ovest di dove gli israeliani avevano attaccato all’inizio di questa settimana, suggerendo che un ulteriore attacco potrebbe essere imminente.

La maggior parte dei 2,3 milioni di residenti di Gaza sono già stati costretti a lasciare le proprie case, molti dei quali sono fuggiti più volte. Mentre scoppiavano combattimenti in tutto il territorio, i residenti e le Nazioni Unite Le agenzie dicono che non c’è nessun posto dove andare sicuro, anche se Israele lo nega.

Israele ha bloccato la fuga lungo la principale rotta nord-sud lungo la spina dorsale della stretta regione, spingendoli verso la costa del Mediterraneo.

A Khan Yunis, morti e feriti continuarono ad arrivare all’ospedale Nasser per tutta la notte. Dall’ambulanza corse fuori un medico con il corpo inerte di una bambina in tuta rosa. All’interno, i bambini feriti si rotolavano sul pavimento piastrellato e piangevano mentre le infermiere correvano a consolarli. Fuori, i corpi erano allineati avvolti in coperte bianche.

READ  Le azioni salgono per il terzo giorno, Dow guadagna 400 punti mentre Wall Street subisce un calo indotto dalla Fed

Una casa in città ha preso fuoco nella notte.

Zainab Khalil, 57 anni, che si è trasferita con 30 dei suoi parenti e amici a Khan Yunis, a ovest delle posizioni israeliane, ha detto che le truppe hanno ordinato alle persone nella vicina Jalal Street di andarsene, “quindi è ora che anche loro si muovano contro la nostra zona. Noi” ho sentito bombardamenti tutta la notte.”

“Non dormiamo la notte, stiamo svegli, mettiamo a dormire i bambini, stiamo svegli per paura che bombardino la piazza, dobbiamo portare fuori i bambini e scappare. Di giorno inizia un’altra tragedia, ed è quella : come dare da mangiare ai bambini?”

Nasser e un altro ospedale del sud, Al Aqsa a Deir al-Balla, hanno riferito di 133 morti e 259 feriti tra loro nelle ultime 24 ore, portando già il bilancio ufficiale a quasi 17.500, con molte altre migliaia di dispersi e presunti morti.

I filmati ottenuti dalla Reuters dall’interno dell’ospedale di Jaffa, un altro ospedale di Deir al-Balah, hanno mostrato ingenti danni causati dallo sciopero in una moschea vicina. Le rovine distrutte della moschea erano visibili attraverso le finestre.

Sabato non sono emersi nuovi dati sui morti e sui feriti in altre parti di Gaza, compresa l’intera regione settentrionale, dove gli ospedali hanno smesso di funzionare e le ambulanze spesso non sono in grado di raggiungere i morti.

READ  Venerdì i futures S&P 500 sono scesi leggermente mentre gli investitori attendevano i dati sul lavoro negli Stati Uniti.

“Crediamo che il numero dei martiri sotto le macerie potrebbe essere superiore a quello accolto negli ospedali”, ha detto a Reuters il portavoce del ministero della Sanità, Ashraf al-Qitra.

I combattimenti nel nord sono più intensi in alcune parti della città di Gaza e negli insediamenti al confine settentrionale, dove si possono osservare grandi esplosioni oltre la recinzione israeliana.

Le famiglie del nord di Gaza hanno pubblicato messaggi online, chiedendo alle squadre di emergenza di salvare i propri cari ancora intrappolati nella città di Gaza.

“Facciamo appello alla Croce Rossa e all’emergenza civile affinché si rechino immediatamente alla casa di Attalla. Le persone sono intrappolate nella loro casa vicino all’edificio Zaharna in Jala Street a Gaza City. La casa è in fiamme”, hanno scritto i membri della famiglia Attalla.

L’esercito israeliano ha affermato di aver combattuto i militanti che hanno attaccato le truppe provenienti dalle scuole nei distretti di Beit Hanoun e Shejaya, all’estremità settentrionale della città di Gaza. Ha pubblicato filmati in cui si dice che un tenente colonnello era solito riporre armi all’interno di un’aula di scuola elementare.

Il veto statunitense rende Washington complice

Israele ha iniziato la sua campagna per distruggere i governanti di Hamas a Gaza. I militanti del gruppo islamico sostenuto dall’Iran hanno preso d’assalto la recinzione del confine di Gaza il 7 ottobre, uccidendo 1.200 persone e prendendo 240 ostaggi in una furia nelle città israeliane.

Le forze israeliane affermano che stanno limitando le vittime civili fornendo mappe che mostrano le aree sicure e accusano Hamas di nascondersi in mezzo a loro e di danneggiare i civili, un’accusa che i militanti negano. I palestinesi affermano che la campagna si è trasformata in una guerra di vendetta contro un’intera popolazione densamente popolata come Londra.

READ  Le 25 migliori spiagge del mondo su TripAdvisor per andare in vacanza

Washington afferma di aver chiesto a Israele di fare di più per proteggere i civili nella prossima fase della guerra. Questa settimana, il ministro degli Esteri Anthony Blinken ha affermato che esiste un “gap” tra le promesse di Israele di proteggere i civili e i risultati sul campo. Ma Washington continua a sostenere la posizione di Israele secondo cui un cessate il fuoco andrebbe a vantaggio di Hamas.

“Non sosteniamo l’appello di questa risoluzione per un cessate il fuoco insostenibile, che getterà solo i semi per la prossima guerra”, ha detto Robert Wood, vice ambasciatore americano all’ONU, al Consiglio di Sicurezza prima che venisse invocato il veto di Washington.

Ezzat El-Reshiq, membro dell’ufficio politico di Hamas, ha condannato il veto americano definendolo “disumano”. Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas, che ha perso il controllo di Gaza a favore di Hamas nel 2007, ha affermato che il veto ha reso gli Stati Uniti complici dei crimini di guerra israeliani.

L’ambasciatore israeliano all’ONU Gilad Erdan ha dichiarato in un comunicato: “Un cessate il fuoco sarà possibile solo se tutti gli ostaggi verranno restituiti e Hamas sarà distrutto”.

Bassam Massoud e Salem Mohammed a Gaza, Nidal al-Mughrabi e Dan Williams al Cairo, Emily Rose e Henriette Sacker a Gerusalemme, Humera Pamuk e Simon Lewis a Washington, Michael Nichols a New York e Reuters Bureau of Photography Montaggio di William Maclean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Un reporter veterano con quasi 25 anni di esperienza nel coprire il conflitto israelo-palestinese, comprese diverse guerre e la firma del primo storico accordo di pace tra le due parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *