Goldman Sachs pagherà 215 milioni di dollari per risolvere una causa contro la discriminazione di genere

8 maggio (Reuters) – Goldman Sachs Group Inc (GS.N) ha accettato di pagare 215 milioni di dollari per risolvere una causa per diffuso pregiudizio nei confronti delle donne sia nella retribuzione che nella promozione. I firmatari hanno detto.

I querelanti, ex dipendenti della banca di Wall Street, hanno affermato che Goldman Sachs pagava sistematicamente le donne meno degli uomini e forniva alle donne recensioni di scarso rendimento che ne ostacolavano l’avanzamento di carriera.

Il caso è uno dei più importanti in una serie decennale di cause legali contro le banche che prendono di mira la presunta disparità di trattamento delle donne di Wall Street.

L’accordo copre circa 2.800 donne associate e vicepresidenti che lavorano nelle divisioni investment banking, gestione degli investimenti e titoli di Goldman Sachs.

“Dopo più di un decennio di intenso contenzioso, entrambe le parti hanno concordato di risolvere la questione. Continueremo a concentrarci sulle nostre persone, sui nostri clienti e sulla nostra attività”, ha affermato Jacqueline Arthur, Global Head of Human Capital Management di Goldman Sachs.

Come parte dell’accordo, Goldman Sachs assumerà esperti indipendenti per condurre ulteriori analisi sulle valutazioni delle prestazioni e sui divari retributivi di genere, ha aggiunto la dichiarazione.

Kelly Dermody, co-consulente dei querelanti, ha affermato di ritenere che l’accordo “fornisca recuperi sostanziali e certi per tutti i membri della classe e promuova l’uguaglianza di genere alla Goldman”.

Urvi Duggar fa rapporto a Bangalore; Montaggio di Sonali Pal

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  L'investitore attivista Starboard rivela una partecipazione in Salesforce, vede opportunità significative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *