Il Canada dichiara il diplomatico cinese “persona non grata”

(CNN) Il Canada ha deciso di espellere un diplomatico cinese lunedì, a seguito di un tumulto nel paese per le accuse di interferenza politica che Pechino nega con veemenza.

“Il Canada ha deciso di declassificare il signor Zhao Wei”, si legge in una dichiarazione del ministro degli Esteri Melanie Jolie.

“Non tollereremo interferenze straniere nei nostri affari interni. Gli ambasciatori in Canada sono stati avvertiti che saranno rimandati a casa se si comporteranno in questo modo”.

Il messaggio è il seguente Settimane di tumulto in Canada Il quotidiano Globe and Mail ha riferito per la prima volta che il Canadian Security Intelligence Service ha scoperto che un diplomatico cinese accreditato in Cina ha preso di mira il parlamentare dell’opposizione Michael Chong e i suoi parenti in seguito alle sue critiche al trattamento riservato da Pechino alla minoranza uigura.

L’intelligence ha anche affermato che Pechino ha cercato di influenzare l’esito delle elezioni federali canadesi nel 2019 e nel 2021.

Chong ha ripetutamente chiesto la cacciata di Zhao da quando è uscito il rapporto del Globe.

Pechino ha negato le accuse di interferenza politica in Canada. Lunedì una dichiarazione dell’ambasciata cinese in Canada ha condannato l’espulsione del diplomatico e ha avvertito delle “conseguenze”.

“Viola gravemente le norme fondamentali del diritto internazionale e delle relazioni internazionali, viola gravemente i pertinenti accordi bilaterali tra Cina e Canada e mina deliberatamente le relazioni Cina-Canada”, ha dichiarato l’ambasciata cinese in Canada in una nota.

“La Cina condanna fermamente e si oppone fermamente e ha presentato una solenne rappresentanza con il Canada. La Cina prenderà risolutamente contromisure e il Canada ne pagherà tutte le conseguenze”.

READ  Il campione degli US Open Matt Fitzpatrick ricambia l'insulto dell'USGA

La dichiarazione aggiungeva: “La Cina non interferirà mai negli affari interni di altri paesi. Le affermazioni di ‘ingerenza cinese negli affari interni del Canada’ sono prive di fondamento”.

Le accuse sono diventate un crescente problema politico per il governo Il primo ministro canadese Justin Trudeauche ha detto di non essere stato informato dalle agenzie di intelligence sul presunto obiettivo di Chong.

Chong ha concentrato gran parte delle sue critiche sul governo di Trudeau, che secondo lui è stato troppo lento ad agire.

La scorsa settimana, Jolie ha previsto la possibilità di ritorsioni contro la Cina, ma ha avvertito che il Canada dovrebbe valutare attentamente come la Cina potrebbe reagire.

Segnalazione di Shan Deng a Toronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *