Gli studi stanno preparando una nuova offerta per gli attori

I quattro amministratori delegati torneranno martedì al quartier generale della SAG-AFTRA con una nuova offerta che sperano possa rompere l’impasse nello sciopero del cast di 102 giorni.

Tra questi c’è Bob Iger della Disney, che sabato ha chiamato Duncan Crabtree-Ireland, il principale negoziatore di SAG-AFTRA, per invitare il cast a tornare al tavolo delle trattative.

Gli amministratori delegati – che includono anche David Zaslau di Warner Bros. Discovery, Ted Sarandos di Netflix e Donna Langley di NBC Universal – sono ansiosi di concludere un accordo il prima possibile nella speranza di salvare il botteghino della prossima estate e parte del 2023. 24 stagioni televisive.

Lunedì, la Paramount ha annunciato che il prossimo capitolo di “Mission: Impossible” è stato posticipato da giugno 2024 a maggio 2025. Ulteriori ritardi potrebbero verificarsi se lo sciopero non verrà risolto presto.

L’appello di Iger ha sollevato lo spirito della leadership di SAG-AFTRA, confermando che il sindacato ha la leva per vincere un contratto trasformativo.

“Abbiamo il vento a favore”, ha detto un funzionario sindacale.

In un’intervista, Crabtree-Ireland ha affermato che anche lei è ottimista.

“Non c’è modo di andare avanti senza parlare”, ha detto. “È importante averli nella stanza. Se c’è un movimento significativo nei pezzi chiave, è ancora meglio.

Il sindacato punta ad un aumento dell’11% delle protezioni dell’intelligenza artificiale e dei minimi di base. Ma l’ostacolo principale è la richiesta di SAG-AFTRA di tagliare le entrate dello streaming.

Le trattative si sono interrotte l’11 ottobre dopo che il sindacato ha proposto una tariffa per abbonato del 57% su tutte le piattaforme di streaming, che costerebbe agli studi 500 milioni di dollari all’anno. L’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi ha affermato che imporrà un “onere economico inaccettabile”.

READ  Guarda gli astronauti Crew-4 di SpaceX tornare sulla Terra oggi (13 ottobre).

Fran Drescher, presidente della SAG-AFTRA, ha sostenuto che un cambiamento drammatico nel modello di business dell’intrattenimento richiede un sistema di compensazione notevolmente migliorato.

attori Ricevuto Ciò ha lasciato 91,7 milioni di dollari in streaming nel 2019: più di quanto guadagnato dai riavvii della rete, ma inferiore all’importo guadagnato dai canali TV via cavo o a pagamento di base come HBO e Showtime. Il sindacato ha ricevuto un aumento nel 2020 e il totale è cresciuto fino a circa 126 milioni di dollari nel 2022, ha affermato il sindacato.

Gli amministratori delegati hanno già concordato di aumentare nuovamente tale numero per tenere conto degli abbonati stranieri e di offrire anche il resto del bonus basato sul pubblico sulla base di un accordo con la Writers Guild of America.

Quest’ultimo viene pagato circa 20 milioni di dollari all’anno, ha affermato SAG-AFTRA. Il sindacato ha detto che era troppo basso e che il contratto negoziato dalla WGA non sarebbe stato sufficiente per gli attori.

Martedì gli amministratori delegati dovrebbero presentare la nuova offerta, che si ritiene costituisca un miglioramento significativo rispetto alla proposta precedente.

Sebbene i colloqui siano stati sospesi per quasi due settimane, entrambe le parti stanno ancora lavorando sugli elementi dell’accordo. AMPTP ha fornito una risposta sull’IA giovedì scorso.

Il sindacato sta cercando di stabilire termini minimi per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, inclusi compenso e consenso. Il sindacato vuole limitare la pratica dell’intelligenza artificiale nel lavoro degli attori. La WGA ha cercato di vietare tale pratica, ma tale provvedimento non è stato adottato.

Da parte dello studio, c’è speranza, se non speranza, che un accordo venga raggiunto presto. Gli amministratori delegati sono frustrati da Drescher, che nella sala delle trattative ha parlato della disuguaglianza dei redditi e della sua ambizione di cambiare la vita degli attori.

READ  Brock Birdie Glove Enigma offre una preziosa lezione sulla vittoria contro Packers - NBC Sports Bay Area e California

“Mi sembra che siano più preoccupati per la propria eredità che per porre fine al disastro di Hollywood sotto il loro controllo”, ha detto Jeff Rutheiser, da lungo tempo vicepresidente senior delle relazioni sindacali della ABC. Dolori.” “Non riuscivano proprio a capire come finirla con grazia e annunciare la vittoria che avevano già ottenuto.”

L’umore ottimista nel campo del cast ha segnato un cambiamento rispetto alla scorsa settimana, quando la leadership ha ricevuto pressioni da George Clooney e altri membri di alto profilo per respingere sui social media un contratto e linee guida che limitano i costumi di Halloween dei membri.

Anche nella migliore delle ipotesi, nessuno si aspetta che un accordo venga raggiunto martedì. Con decine di questioni irrisolte, possono essere necessari giorni, una settimana o più per raggiungere un accordo globale.

Il sindacato chiede diverse voci, tra cui limiti ai contributi pensionistici e sanitari, un limite di una pagina per le audizioni autoregistrate e indennità di lavanderia per gli attori secondari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *