Fonti – Jim Harbaugh accetta il lavoro di capo allenatore dei Chargers

LOS ANGELES – Jim Harbaugh lascerà il campione nazionale Michigan Wolverines per assumere l’incarico di capo allenatore con i Los Angeles Chargers della NFL, hanno detto mercoledì fonti ad Adam Schefter di ESPN.

Harbaugh era considerato una delle prospettive più desiderabili dei Chargers in questo ciclo di allenatore, poiché eccelleva a ogni livello. Da quando la sua carriera da capo allenatore è iniziata all’Università di San Diego nel 2006, Harbaugh ha avuto successo a Stanford, Michigan e nella NFL, con tappe con i San Francisco 49ers. C’è anche un legame con i Chargers di Harbaugh: ha giocato come quarterback per la squadra per due stagioni (1999-2000).

Come allenatore del college, Harbaugh ha un record di 144-42, ha vinto tre campionati Big Ten e ha vinto il primo titolo nazionale del Michigan dal 1997.

Harbaugh ha trascorso quattro stagioni (2011-14) come allenatore dei 49ers, dove è stato nominato allenatore dell’anno della NFL nella sua prima stagione. Harbaugh condusse i 49ers al Super Bowl XLVII, dove persero contro i Baltimore Ravens, allenati da suo fratello John.

Harbaugh lasciò i 49ers dopo la stagione 2014 con un record di 44-19-1 nella stagione regolare.

I Chargers giocheranno contro i Ravens la prossima stagione al Sophie Stadium, che ora sarà ufficialmente una rivalità tra John e Jim Harbaugh.

Quando Harbaugh prese il controllo dei 49ers, ricostruì una squadra che era caduta dall’élite della NFL e aveva mancato i playoff per otto stagioni consecutive.

Affronterà una sfida simile con una squadra dei Chargers che ha chiuso 5-12 la scorsa stagione e ha vinto tre playoff dal 2008. Un altro compito per Harbaugh è quello di costruire il roster dei Chargers la prossima stagione, dato che si prevede che la squadra ammonterà a 27,5 milioni di dollari. milioni oltre il tetto salariale della lega, secondo il sistema di gestione del roster di ESPN.

READ  La Russia afferma che l'attacco al porto ucraino colpisce obiettivi militari

Harbaugh e i Chargers sono stati collegati sin dall’inizio della offseason. Tuttavia, una delle potenziali sfide per una riunione di Harbaugh-Chargers è se il proprietario Dean Spanos è disposto a pagare ad Harbaugh uno stipendio competitivo che potrebbe allontanarlo dal Michigan e da altre squadre della NFL.

Sebbene i Chargers abbiano firmato con i giocatori contratti da record, l’organizzazione ha sviluppato la reputazione di non pagare gli allenatori. Gli Spano hanno negato tale affermazione, con il presidente della squadra John Spanos che ha detto ai giornalisti a dicembre che non sapeva “da dove provenissero le storie” e che la squadra non ha mai avuto limiti di spesa.

Dopo la sconfitta per 63-21 contro i Las Vegas Raiders nella settimana 15, l’11 dicembre Il 15, i Chargers licenziarono l’allenatore Brandon Staley e il direttore generale Tom Delesco.

I Chargers hanno condotto una ricerca approfondita dopo aver licenziato Staley, intervistando 15 candidati ai vertici della lega. L’ex coordinatore difensivo dei Bills Leslie Frazier, il coordinatore difensivo dei 49ers Steve Wilks, il coordinatore offensivo dei Bengals Brian Callahan, i Raiders D.C. Patrick Graham, Raiders DC Patrick Graham, ex coordinatore di Bengalston D.C. Patrick Graham, Bengalston, ha iniziato internamente con l’allenatore ad interim Kiff Smith e il coordinatore offensivo Kellen Moore prima di intervistare l’ex coordinatore difensivo dei Bills Leslie Frazier. Vrabel, l’ex allenatore di Stanford David Shaw, il coordinatore offensivo dei Lions Ben Johnson, il coordinatore difensivo dei Lions Aaron Glenn, il coordinatore offensivo dei Ravens Todd Mongan e il coordinatore difensivo dei Ravens Mike McDonald.

Staley ha concluso il suo mandato di 48 partite ai Chargers con un record di .500, insieme a un’apparizione nei playoff che si è conclusa con una sconfitta storica contro i Jacksonville Jaguars.

READ  Almeno due persone sono state uccise e almeno 44 ferite in un tifone nel nord del Michigan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *