4 numeri di un sondaggio che spiegano la vittoria di Trump alle primarie del New Hampshire

Il predominio dell’ex presidente Donald Trump tra gli elettori delle primarie repubblicane ha alimentato la sua vittoria nelle primarie del New Hampshire di martedì, secondo i risultati dell’exit poll di NBC News.

Ex ONU L’ambasciatrice Nikki Haley è riuscita a conquistare gli elettori indipendenti o “non dichiarati”, e gli ampi margini di Trump tra gli elettori repubblicani e conservatori autoidentificati si sono rivelati troppo insormontabili. Come i caucus dell’Iowa della scorsa settimana, le primarie del New Hampshire hanno sottolineato come gli estremisti di Trump abbiano conquistato la base repubblicana.

Ecco quattro numeri tratti da un exit poll di NBC News che aiutano a spiegare la vittoria di Trump:

1. Il vantaggio repubblicano di Trump

4 Tre su quattro elettori repubblicani delle primarie del New Hampshire che si sono autoidentificati come repubblicani hanno sostenuto Trump e rappresentavano la metà dell’elettorato (50%). Haley ha vinto con il 58% degli elettori che si sono detti indipendenti, ma con un margine di 22 punti rispetto ai 49 punti di vantaggio di Trump tra i repubblicani.

2. I conservatori hanno dominato l’elettorato

I sedicenti conservatori hanno dominato gli elettori delle primarie, con il 67% degli elettori che si descrive come tale. Trump ha ottenuto il 71% dei voti. Haley ha vinto con il 72% dei sedicenti moderati, battendo Trump con un rapporto di circa 3 a 1, ma si trattava di una quota minore dell’elettorato (28%).

3. La nuova base repubblicana pro-Trump

Durante gli anni di Trump, il GOP ha visto il successo tra gli elettori senza istruzione universitaria, e Trump ha vinto facilmente quel gruppo martedì sera. Gli elettori senza laurea costituiscono la maggioranza degli elettori (52%).

READ  Le elezioni in Argentina si concludono con le primarie mentre l'inflazione a tre cifre scatena la rabbia

Tra gli elettori senza laurea, Trump ha vinto con il 67%, mentre solo il 31% ha votato per Haley. La performance di Trump tra questi elettori è aumentata di 245 punti percentuali rispetto al 2016, quando ne vinse il 42%.

Sebbene costituissero quote minori dell’elettorato, Trump ha vinto tra gli altri gruppi che compongono la base repubblicana, tra cui il 66% degli elettori con reddito inferiore a 50.000 dollari, il 70% degli elettori bianchi evangelici o rinati e il 53% degli elettori. Sopra i 65 anni.

4. Il vantaggio di Trump sulle questioni chiave

Le due questioni principali per gli elettori delle primarie repubblicane sono state l’economia (37%) e l’immigrazione (30%) – e Trump ha battuto Haley su entrambi.

L’ex presidente ha conquistato il 55% degli elettori che hanno affermato che l’economia è la questione principale e il 79% che ha affermato che l’immigrazione è la cosa più importante per il loro voto.

I risultati del sondaggio mostrano anche che uno dei messaggi chiave di Haley nel percorso elettorale non è stato una priorità per gli elettori delle primarie. Haley ha sostenuto di essere nella posizione migliore per sconfiggere il presidente Joe Biden a novembre, ma il 14% degli elettori delle primarie ha affermato che per loro è più importante. Anche tra questi elettori, Trump ha comunque ottenuto il maggior sostegno, con il 59% che lo sostiene e il 39% che sostiene Haley.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *