ESCLUSIVO: la russa Gazprom dice all’Europa gas fuori dal suo controllo

Uno schermo con il logo di Gazprom viene mostrato al Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) il 17 giugno 2022 a San Pietroburgo, in Russia. REUTERS/Anton Vaganov/

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

LONDRA, 18 lug. (Reuters) – La russa Gazprom ha detto ai clienti in Europa che non può garantire forniture di gas a causa di circostanze “straordinarie”, secondo una lettera vista da Reuters, che stimolano l’impegno economico con l’Occidente. L’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Una lettera del monopolio statale russo del gas, datata 14 luglio, affermava che sarebbe stato costretto a rifornirsi a partire dal 14 giugno.

Conosciuta come clausola di “atto divino”, la forza maggiore è standard nei contratti commerciali e indica circostanze estreme che esonerano una parte dai suoi obblighi legali.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Gazprom Inc (GAZP.MM) Non ci sono stati commenti immediati.

Uniber, il più grande importatore tedesco di gas russo, è stato uno dei clienti che ha affermato di aver ricevuto una lettera e ha formalmente respinto l’affermazione in quanto irragionevole.

RWE (RWEG.DE)Il più grande produttore di energia della Germania e un altro importatore di gas russo hanno dichiarato di aver ricevuto un avviso di forza maggiore.

“Vi preghiamo di comprendere che non possiamo commentare i suoi dettagli o la nostra opinione legale”, ha affermato la società.

Una fonte commerciale, che ha chiesto di non essere identificata a causa della delicatezza del problema, ha affermato che la forza maggiore ha coinvolto forniture attraverso il gasdotto Nord Stream 1, una via di rifornimento chiave per la Germania e oltre.

READ  Open di Francia: Rafael Nadal perde la finale e vuole fare una nuova tappa

Il flusso attraverso il gasdotto è a zero poiché il collegamento è in fase di manutenzione annuale a partire dall’11 luglio e termina giovedì. leggi di più

L’Europa teme che Mosca possa mantenere indenne l’oleodotto come rappresaglia per le sanzioni imposte alla Russia per la guerra in Ucraina, esacerbando una crisi energetica.

Ritardo turbina

Già il 14 giugno, Gazprom ha ridotto la capacità del gasdotto al 40%, citando i ritardi in una turbina gestita dal fornitore di apparecchiature Siemens Energy in Canada. (ENR1n.DE).

Il 17 luglio il Canada ha trasportato in aereo una turbina per il gasdotto Nord Stream in Germania dopo che le riparazioni erano state completate, ha riportato il quotidiano Kommersant lunedì. leggi di più

Se non ci sono problemi con la logistica e le dogane, ci vorranno altri cinque o sette giorni prima che la turbina raggiunga la Russia, afferma il rapporto.

Il ministero dell’Economia tedesco ha dichiarato lunedì di non essere in grado di fornire dettagli sull’ubicazione della turbina.

Ma il portavoce del ministero ha affermato che si trattava di un pezzo di ricambio che era in uso solo da settembre, il che significa che la sua assenza non potrebbe essere la vera ragione del calo del flusso di gas prima della manutenzione.

“Questa sembra la prima indicazione che le forniture di gas tramite NS1 non riprenderanno dopo la manutenzione di 10 giorni”, ha affermato Hans van Cleef, economista senior dell’energia presso ABN Amro.

“A seconda di quali sono le circostanze insolite, per dichiarare forza, se queste questioni sono tecniche o politiche, questo segnerà la prossima fase di escalation tra Russia ed Europa/Germania”, ha aggiunto.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale e notizie sulla Crimea

Gruppo austriaco del petrolio e del gas OMV (OMVV.VI)Tuttavia, le forniture di gas dalla Russia attraverso il gasdotto Nord Stream 1 dovrebbero riprendere come previsto dopo l’interruzione di lunedì. leggi di più

Le forniture di gas russe sono in diminuzione da mesi attraverso rotte chiave attraverso l’Ucraina e la Bielorussia, nonché attraverso il Nord Stream 1 sotto il Mar Baltico.

L’Unione Europea, che ha imposto sanzioni economiche a Mosca, punta a porre fine al suo uso di combustibili fossili russi entro il 2027, ma vuole che le forniture continuino per ora mentre sviluppa fonti alternative.

Per Mosca e Gazprom, i flussi di energia sono un flusso di entrate chiave poiché le sanzioni occidentali sull’invasione russa dell’Ucraina, che secondo il Cremlino è una “operazione militare speciale”, hanno messo a dura prova le finanze russe.

Secondo il ministero delle Finanze russo, il bilancio federale ha ricevuto 6,4 trilioni di rubli (115,32 miliardi di dollari) dalle vendite di petrolio e gas nella prima metà dell’anno. Ciò si confronta con i 9,5 trilioni di rubli previsti per il 2022.

Un periodo di grazia per i pagamenti delle due obbligazioni internazionali di Gazprom scade il 19 luglio e, se i creditori esteri non vengono pagati entro tale data, la società sarà tecnicamente inadempiente.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Julia Payne; Rapporti aggiuntivi di Christoph Steitz a Francoforte, Bozorg Sharafedin a Londra, Nina Chestney a Londra; Montaggio di David Goodman, Edmund Blair e Barbara Lewis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.