Donald Trump: l’ex presidente incriminato dal Grand Jury di Manhattan

(CNN) Donald Trump L’accusa da parte di un gran giurì di Manhattan – la prima volta nella storia degli Stati Uniti – un attuale o ex presidente ha affrontato accuse penali, secondo diverse fonti a conoscenza della questione.

Un foglio di accusa sarà depositato con sigillo e sarà reso noto nei prossimi giorni. Le accuse non sono al momento pubbliche. Trump dovrebbe comparire in tribunale all’inizio della prossima settimana, secondo il suo avvocato difensore, Joe Tacobina.

C’è l’ufficio di un procuratore distrettuale Interrogando l’ex presidente Era presumibilmente coinvolto in uno schema di pagamento sotto copertura che coinvolgeva la star del cinema per adulti Stormy Daniels prima delle elezioni presidenziali del 2016. procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg’Il suo ufficio contatterà gli avvocati di Trump per discutere della sua resa.

La decisione manderà sicuramente ondate di shock in tutto il paese, facendo precipitare l’establishment politico statunitense – che non ha mai visto uno dei suoi ex leader affrontare accuse penali, figuriamoci candidarsi di nuovo alla presidenza – in acque inesplorate.

Trump ha rilasciato una dichiarazione in risposta all’accusa, definendola “il più alto livello di molestie politiche e interferenze elettorali nella storia”.

“Sono sicuro che questa caccia alle streghe provocherà un enorme contraccolpo per Joe Biden”, ha detto l’ex presidente. “Il popolo americano capisce esattamente cosa stanno facendo qui i Democratici di estrema sinistra. Tutti possono vederlo. Quindi il nostro movimento e il nostro partito — uniti e forti — prima sconfiggeremo Alvin Bragg, poi lo faremo sconfiggeremo Joe Biden, e lo faremo anche noi. Questi democratici corrotti. Butteremo tutti fuori dall’incarico in modo da poter rendere di nuovo grande l’America!”

READ  Almeno 39 persone sono morte in un incendio in un centro di immigrazione vicino al confine tra Stati Uniti e Messico

In una dichiarazione, l’avvocato di Trump, Alina Hubba, ha affermato che Trump “è stato vittima di una versione corrotta e distorta del sistema giudiziario e della storia americana. Sarà vendicato”.

Colto alla sprovvista dalla decisione del gran giurì di incriminare Trump, una persona che ha parlato direttamente con lui ha detto di aver iniziato a credere alle notizie secondo cui un possibile atto d’accusa avrebbe richiesto settimane quando l’ex presidente stava finalizzando un atto d’accusa la scorsa settimana. E… via.

“È uno shock oggi? Diavolo sì”, ha detto la persona, parlando a condizione di anonimato, mentre il team di Trump valutava la sua risposta.

L’ufficio di Praga ha detto di essere in contatto con gli avvocati di Trump.

“Questa sera abbiamo contattato l’avvocato del signor Trump e coordinato la sua consegna all’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan sull’accusa della Corte Suprema, che rimane sigillata”, ha dichiarato giovedì l’ufficio del procuratore distrettuale in una dichiarazione. “La guida verrà emessa quando verrà selezionata la data per l’esame.”

L’azione legale contro Trump spinge la campagna presidenziale del 2024 in una nuova fase mentre l’ex presidente giura di continuare a candidarsi nonostante le accuse penali.

Trump ha spesso definito le varie indagini che lo circondano una “caccia alle streghe”, cercando di influenzare l’opinione pubblica presentandosi come vittima di quelle che, secondo lui, sono indagini politiche condotte dai pubblici ministeri democratici. Poiché si dice che le accuse siano imminenti, Trump ha esortato i suoi sostenitori a protestare contro gli arresti, una mossa che ha chiesto mentre cerca di invertire la sua perdita contro il presidente Joe Biden dopo le elezioni del 2020.

READ  I Rangers sono passati alla finale orientale

Trump ha a lungo evitato conseguenze legali nella sua carriera personale, professionale e politica. Nel corso degli anni ha risolto diverse cause civili private ed è fuori dalle controversie relative alla sua omonima azienda, la Trump Organization. In qualità di presidente, è stato messo sotto accusa due volte dalla Camera a guida democratica, ma ha evitato la condanna da parte del Senato.

A dicembre, la Trump Organization è stata giudicata colpevole di molteplici accuse di frode fiscale, sebbene Trump non sia stato accusato in quel caso.

Gli alleati repubblicani di Trump – e i suoi rivali del GOP del 2024 – hanno criticato l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan per l’incombente accusa e il presidente della Camera Kevin McCarthy ha promesso di aprire un’indagine sulla questione.

Repubblica Democratica del Congo in difesa di Trump

I repubblicani del Congresso si sono rapidamente schierati in difesa di Trump, attaccando Bragg su Twitter e accusando il procuratore distrettuale di una caccia alle streghe politica.

Il presidente della magistratura della Camera Jim Jordan dell’Ohio, uno dei leader del caucus repubblicano che ha invitato Bragg a testimoniare davanti al Congresso sull’indagine Trump, ha twittato.

senatore repubblicano del Texas Ted Cruz ha definito l’accusa “assolutamente senza precedenti” e “un’espansione devastante nell’armamento della magistratura”.

Ma almeno un repubblicano moderato ha detto alla CNN di fidarsi del sistema legale.

“Credo nello stato di diritto. Penso che abbiamo controlli ed equilibri, credo nel sistema”, ha detto il rappresentante Don Bacon del Nebraska.

“Abbiamo un giudice. Abbiamo giurie. Abbiamo appelli. Quindi penso che alla fine la giustizia sarà servita. Se è colpevole lo si vedrà. Ma in caso contrario, penso che lo sarà anche”, ha detto Bacon alla CNN. .

READ  Omaggi ad Alexei Navalny rimossi dalle città russe

Il processo è iniziato sotto Saivans

L’ufficio di Bragg ha segnalato all’inizio di marzo che era vicino all’incriminazione di Trump dopo aver citato in giudizio l’ex presidente per testimoniare davanti a un gran giurì che indagava sul piano del denaro segreto. I potenziali imputati a New York devono essere notificati per legge e convocati a comparire davanti a un gran giurì che pesa le accuse. Ma alla fine Trump ha rifiutato di comparire davanti al panel.

Prima un’indagine a lungo termine Iniziato sotto il predecessore di Bragg, Cy Vance. Quando Trump era in carica. Si riferisce a un pagamento di $ 130.000 all’avvocato personale di Trump, Michael Cohen Daniels, alla fine di ottobre 2016, giorni prima delle elezioni presidenziali del 2016, per impedirgli di rendere pubblica una presunta relazione con Trump un decennio prima. Trump ha negato la questione.

In discussione nelle indagini ci sono i pagamenti a Daniels e il rimborso della Trump Organization a Cohen.

Secondo le dichiarazioni del tribunale nel caso federale di Cohen, i dirigenti della Trump Organization lo hanno autorizzato a coprire i suoi $ 130.000 originali in pagamenti e tasse e pagargli $ 420.000 in bonus più bonus. La Trump Organization ha elencato i rimborsi come spese legali nei suoi libri contabili interni. Trump ha negato qualsiasi conoscenza dei pagamenti.

Questa storia sta rompendo e sarà aggiornata.

Paula Reid, Kristen Holmes, Brynn Gingras, Lauren del Valle, Evan Perez, Katelyn Polantz, Alayna Treene e Jeff Zeleny della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *