Detriti spaziali: il “satellite nonno” mentre cade sulla Terra

  • Di Jonathan Amos
  • Reporter scientifico
didascalia dell’immagine,

Illustrazione: I satelliti europei per il telerilevamento della Terra pesavano circa 2,5 tonnellate al momento del lancio

Un satellite europeo pionieristico è destinato a cadere sulla Terra nel giro di poche ore.

Quando fu lanciato nel 1995, ERS-2 era un osservatorio all’avanguardia, che sviluppava tecnologie ora utilizzate abitualmente per monitorare il pianeta.

L’Agenzia spaziale europea (Esa) afferma che la maggior parte del satellite da due tonnellate brucerà durante la caduta.

È probabile che alcune delle parti più robuste resistano al calore estremo generato durante le immersioni ad alta velocità, ma è meno probabile che questi pezzi colpiscano e causino danni alle aree abitate.

Potrebbero atterrare ovunque nel mondo, ma poiché gran parte della superficie terrestre è coperta dall’oceano, è probabile che i detriti rimasti sulla superficie vadano dispersi nell’oceano.

“E vale la pena sottolineare che nessuno degli elementi che possono rientrare nell’atmosfera (e raggiungere la superficie) è radioattivo o tossico”, ha affermato Mirko Albani della Divisione Terra di Osservazione della Terra dell’ESA.

didascalia dell’immagine,

Temperatura della superficie del mare: il monitoraggio climatico odierno deve molto al programma ERS

L’agenzia ha lanciato due satelliti Earth Remote Sensing (ERS) identici negli anni ’90. Erano gli osservatori planetari più sofisticati del loro tempo, dotati di una serie di strumenti per monitorare i cambiamenti nella terra, nei mari e nell’aria.

Hanno monitorato le inondazioni, misurato la temperatura continentale e della superficie del mare, rilevato il movimento dei campi di ghiaccio e rilevato le deformazioni del terreno durante i terremoti.

E ERS-2, in particolare, ha introdotto una nuova capacità per valutare lo strato protettivo di ozono della Terra.

“Assolutamente”, ha detto il dottor Ralph Korte. “In termini di tecnologia, è possibile tracciare una linea diretta dall’ERS ai satelliti europei Copernicus/Sentinel che osservano il pianeta oggi. L’ERS è il luogo in cui tutto è iniziato”, ha dichiarato a BBC News il responsabile dello sviluppo aziendale dell’osservazione della Terra di Airbus.

ERS-2 è stato il primo dei due a casa. Originariamente posizionato a un’altitudine di 780 km sopra la Terra, gli ingegneri hanno utilizzato le ultime riserve di carburante nel 2011 per abbassarne l’altitudine a 570 km. Si prevedeva che l’atmosfera superiore avrebbe trascinato la navicella spaziale verso la distruzione in circa 15 anni.

didascalia dell’immagine,

La tedesca Dornier (ora Airbus) guidava la flotta di satelliti ERS

Questa previsione si avvererà mercoledì sera, GMT.

È difficile dire esattamente quando e dove. Dipende dalla densità dell’alta atmosfera influenzata dall’attività solare.

Date le dimensioni dell’orbita del satellite attorno alla Terra, possiamo dire con certezza che il rientro avverrà tra 82 gradi nord e sud.

didascalia dell’immagine,

L’osservatorio australiano HEO segue il lignaggio di ERS-2

Quei frammenti che colpiscono il pianeta possono includere pannelli interni e alcune parti metalliche come carburante e serbatoi a pressione.

L’elemento che ha il potenziale per essere creato in qualche forma nell’atmosfera è un’antenna per un sistema radar ad apertura artificiale costruito in Inghilterra. L’antenna ha una struttura in fibra di carbonio che può resistere alle alte temperature.

Quando è stato lanciato ERS-2, le linee guida per la mitigazione dei detriti spaziali erano molto vaghe. Si è ritenuto accettabile riportare a casa la navicella spaziale ridondante entro 25 anni di attività.

La nuova Carta Zero Debris di Isa Ora si raccomanda un periodo di grazia per lo smaltimento non superiore a cinque anni. E i suoi futuri satelliti verranno lanciati con il carburante necessario e con la capacità di muoversi per uscire dall’orbita in un breve periodo di tempo.

La logica è ovvia: ora che così tanti satelliti sono stati lanciati in orbita, La possibilità di conflitti è in aumento. L’ERS-1 si è guastato improvvisamente prima che gli ingegneri potessero abbassarne l’altitudine. Si trova ancora a 700 km sopra la terra. A quell’altezza possono volerci 100 anni per cadere naturalmente.

didascalia dell’immagine,

Faglia di Hayward della California: interferometria radar e mappatura del movimento delle rocce come pioniere dell’ERS

SpaceX, la società americana che gestisce la maggior parte dei satelliti operativi attualmente in orbita (più di 5.400), ha recentemente annunciato che ne distruggerà 100 dopo aver scoperto un bug che “aumenta la probabilità di guasti futuri”. Vuole sbarazzarsi della navicella prima che qualsiasi problema complichi la missione.

Hanno affermato: “L’accumulo di massicci detriti nell’orbita bassa della Terra continua senza sosta; il 28% degli attuali massicci detriti di lungo periodo è stato lasciato in orbita dall’inizio del secolo.

“Questi ammassi di massa incontrollati mostrano il potenziale per creare enormi detriti per le migliaia di satelliti appena dispiegati che alimentano l’economia spaziale mondiale”.

READ  Miss Universo: Shaynice Palacios del Nicaragua vince il concorso del 2023 in El Salvador

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *