Belgorod: la Russia accusa l’Ucraina di aver effettuato un attacco di ‘sabotaggio’ al confine



Cnn

Un gruppo di russi anti-Putin allineati con l’esercito ucraino ha rivendicato l’attacco nella regione russa sudoccidentale di Belgorod, dove Mosca ha dichiarato di combattere un gruppo di sabotatori.

I bombardamenti hanno danneggiato un edificio amministrativo, diversi edifici residenziali e un asilo, secondo il governatore regionale Vyacheslav Klatkov, che ha affermato che non ci sono state vittime.

In un post su Telegram, i gruppi che si definiscono “Legione della libertà della Russia” e “Corpo dei volontari russi” hanno affermato di aver “liberato” un insediamento nella regione di Belgorod, al confine con l’Ucraina.

Un funzionario ucraino ha riconosciuto un’operazione nell’area, ma ha insistito sul fatto che agissero in modo indipendente.

“Possiamo confermare che l’operazione è stata eseguita da cittadini russi”, ha detto alla CNN Andriy Yusov, un rappresentante dell’agenzia di intelligence per la sicurezza ucraina.

Le unità erano “parte delle forze di sicurezza e difesa” mentre erano in Ucraina, ma indipendenti da Kiev quando non lo erano: “In Russia operano come entità indipendenti”.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che le forze del Cremlino stanno lavorando per eliminare un “gruppo di sabotaggio e spionaggio”, ha riferito il media statale TASS.

Secondo Sam Kiley della CNN, la situazione a Belgorod segna la “prima volta” che le forze ucraine hanno lanciato una “operazione di terra transfrontaliera contro obiettivi russi”.

“È su una scala significativa e sta causando notevole costernazione tra i funzionari locali, se non a livello del Cremlino”, ha detto Kiley a Lynda Kinkade della CNN su Connect the World.

Almeno otto persone sono rimaste ferite negli attacchi, ma non ci sono stati morti civili a Belgorod, ha detto il governatore regionale Klatkov.

“La situazione è molto tesa. Una squadra di sabotaggio e ricognizione, il Ministero della Difesa e tutte le forze dell’ordine sono entrate nel territorio per svolgere operazioni di combattimento per proteggere il nostro Paese”, ha detto lunedì Kladkov in un discorso in diretta.

Kladkov ha detto che il governo di Belgorod sta “completando un giro della casa nei villaggi di confine” per garantire la sicurezza dei residenti locali.

Ha aggiunto che “la maggior parte delle persone ha lasciato la zona” e il governo locale sta fornendo assistenza a coloro che non hanno la possibilità di andarsene da soli.

Ha anche notato che il capo del distretto, Gennady Ivanovich Bondarev, stava lavorando con il ministero delle Emergenze e la polizia per evacuare le persone.

Le truppe russe, il servizio di frontiera, la guardia nazionale e l’FSB stanno “prendendo le misure necessarie per eliminare il nemico”, ha detto in precedenza.

Le difese aeree hanno abbattuto un veicolo aereo senza pilota (UAV) nell’area, ha detto Gladkov, aggiungendo che non ci sono state vittime e che i funzionari russi stavano controllando eventuali danni a terra.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

Alexei Baranovsky, un rappresentante del Centro politico anti-armi russo con sede a Kiev – l’ala politica della Brigata della libertà russa – ha detto alla CNN che l’operazione è iniziata domenica sera e che i combattimenti “continuano”.

Non ha specificato il numero di combattenti che hanno attraversato il confine con la Russia.

READ  Brock Birdie Glove Enigma offre una preziosa lezione sulla vittoria contro Packers - NBC Sports Bay Area e California

Baranovsky ha detto che il gruppo voleva “liberare la nostra patria dalla tirannia di Putin”.

In un post su Telegram, i gruppi hanno affermato di aver “completamente liberato l’insediamento di Kosinka, nella regione di Belgorod. [The] I primi gruppi sono entrati a Graveron.”

In un incidente separato lunedì sera, la Legione della libertà russa ha pubblicato un video su Telegram che mostra una bandiera blu e bianca che sventola sopra l’Università statale di Mosca, nota come la bandiera della Russia libera.

Altri video rilasciati dal gruppo mostrano un’altra bandiera dell’opposizione russa che sventola in diverse parti della capitale russa.

Il gruppo non ha rivendicato direttamente la responsabilità degli incidenti e la CNN non è stata in grado di verificare in modo indipendente i rapporti.

La Legione della Libertà della Russia conta poche centinaia di volontari russi duri e agguerriti che combattono a fianco del proprio popolo come parte delle forze armate ucraine.

Un membro del gruppo Cesare. È un ex insegnante, padre e moglie che vivono a Kiev. Lui ha detto alla Galileus Web L’anno scorso ha dedicato la sua vita a far cadere il presidente russo Vladimir Putin e a marciare sulla Piazza Rossa e sul Cremlino.

È un membro devoto della Chiesa ortodossa e nostalgico dell’era zarista pre-sovietica. La sua unità è ben equipaggiata con moderni veicoli corazzati, mirini e armi automatiche di ultima generazione.

Gli stessi legionari ammettono di essere spesso trattati con sospetto dai soldati ucraini, ma sono fiduciosi che li supereranno con coraggio sul campo di battaglia.

La loro apparente penetrazione del confine, spesso utilizzata dai gruppi di mortai e dall’artiglieria russi per lanciare attacchi in Ucraina, contribuirà a consolidare ulteriormente la loro reputazione.

READ  Il parlamento ungherese ha aperto la strada alla Svezia verso l'adesione alla NATO

Serve anche come parte di un’operazione psicologica in corso volta a minare il sostegno alla guerra in Russia e lo spirito combattivo dei soldati russi, il che implica che potrebbero essere attaccati in qualsiasi momento, anche dai loro stessi connazionali.

Peskov, portavoce del Cremlino, ha dichiarato: “Le forze russe stanno lavorando per espellere il gruppo sovversivo e di spionaggio ucraino dalla Federazione Russa e distruggerlo. Ci sono forze e mezzi sufficienti”, ha detto ai giornalisti.

Si riferiva a Bagmut, che è diventato sempre più importante nel conflitto mentre le forze russe combattono per catturare la città ucraina orientale, non riuscendo a fare progressi altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *