WeWork di SoftBank, una volta la startup statunitense di maggior valore, soccombe alla bancarotta

6 novembre (Reuters) – WeWork (WE.N), la startup sostenuta dal SoftBank Group (9984.T), la cui fulminea ascesa e caduta ha rimodellato il settore degli uffici a livello globale, ha cercato lunedì la protezione dalla bancarotta statunitense. Lo spazio di condivisione dell’ufficio è andato a male.

Il gruppo tecnologico giapponese SoftBank, che possiede circa il 60% di WeWork e ha investito miliardi di dollari nel suo risanamento, ha affermato che la mossa riflette il fatto che la società potrebbe non sopravvivere alla bancarotta a meno che non rinegozi i suoi costosi contratti di locazione.

Un portavoce di WeWork ha affermato che circa il 92% dei creditori della società ha accettato di convertire il proprio debito garantito in azioni nell’ambito di un accordo di sostegno alla ristrutturazione, cancellando circa 3 miliardi di dollari di debito.

La società, che vuole presentare istanza di riconoscimento in Canada, ha affermato che avrà la liquidità finanziaria per continuare le attività come al solito e che le sue sedi al di fuori degli Stati Uniti e del Canada e i suoi affiliati in tutto il mondo non saranno interessati. attività.

Alla fine di giugno WeWork disponeva di uffici in 777 sedi in tutto il mondo.

SoftBank ha affermato di ritenere che l’accordo di sostegno alla ristrutturazione di WeWork sia un passo appropriato per la società per ristrutturare la propria attività ed emergere dai procedimenti del Capitolo 11.

“SoftBank continuerà ad agire nel migliore interesse a lungo termine dei nostri investitori”, ha affermato la società giapponese in una nota.

Quest’anno le azioni WeWork sono scese del 98,5%.

I profitti rimangono sfuggenti poiché WeWork cancella a causa di affitti costosi e clienti aziendali a causa della tendenza dei dipendenti a lavorare da casa. I pagamenti per lo spazio hanno rappresentato il 74% delle entrate di WeWork nel secondo trimestre del 2023, l’ultima volta che ha riportato risultati finanziari.

READ  Zack Wheeler, Bryce Harper e Kyle Schwarber guidano i Phils nella serie - NBC Sports Philadelphia

In una dichiarazione al tribunale fallimentare del New Jersey, WeWork ha elencato 15,06 miliardi di dollari di asset e 18,66 miliardi di dollari di debito al 30 giugno.

“WeWork può utilizzare le disposizioni del Codice fallimentare degli Stati Uniti per evitare locazioni onerose”, ha dichiarato lo studio legale Cadwalader, Wickersham & Taft LLP in una nota ai proprietari sul suo sito web in agosto. Alcuni proprietari subiscono un impatto significativo.

“Come parte della dichiarazione odierna, WeWork richiede la possibilità di rifiutare contratti di locazione in determinate sedi che sono in gran parte inadeguate e tutti i membri interessati hanno ricevuto preavviso”, ha affermato la società in una nota.

Sotto la guida del fondatore Adam Newman, WeWork è cresciuta fino a diventare la startup statunitense di maggior valore, con un valore di 47 miliardi di dollari. Ha attirato investimenti da parte di investitori blue-chip tra cui Softbank e la società di venture capital Benchmark, oltre al sostegno delle principali banche di Wall Street, tra cui JPMorgan Chase (JPMN).

La ricerca di una crescita mostruosa da parte di Newman a scapito dei profitti e le rivelazioni sul suo comportamento eccentrico hanno portato alla sua estromissione e al deragliamento di un’offerta pubblica iniziale nel 2019.

SoftBank è stata costretta a raddoppiare il suo investimento in WeWork e ha scelto il veterano del settore immobiliare Sandeep Madrani come amministratore delegato. Nel 2021, SoftBank ha concluso un accordo per rendere pubblica WeWork fondendosi con una società di acquisizione di assegni in bianco per una valutazione di 8 miliardi di dollari.

WeWork ha modificato 590 contratti di locazione, risparmiando circa 12,7 miliardi di dollari in canoni fissi. Ma ciò non è sufficiente a compensare le conseguenze della pandemia di COVID-19, che ha tenuto a casa gli impiegati.

READ  Aaron Rodgers e Jesse Ventura nella rosa dei candidati al vicepresidente di RFK Jr.

Molti dei suoi proprietari, sentendo la pressione, hanno pochi incentivi a concedere a WeWork una pausa nei termini dei loro contratti di locazione.

Sebbene WeWork abbia avuto un certo successo nell’acquisire grandi aziende come clienti, molti dei suoi clienti sono state start-up e piccole imprese che hanno tagliato le loro spese a causa dell’aumento dell’inflazione e del declino delle prospettive economiche.

Ai guai di WeWork si aggiunge la concorrenza dei suoi stessi proprietari. Le società immobiliari commerciali, che tradizionalmente stipulavano solo contratti di locazione a lungo termine, hanno iniziato a offrire contratti di locazione più brevi e flessibili per far fronte alla crisi del settore degli uffici.

Quest’anno a Madrani è succeduto come amministratore delegato di WeWork David Dolley, ex banchiere di investimenti e dirigente di private equity che ha contribuito a far uscire Intelsat dalla bancarotta nel 2022 come amministratore delegato.

WeWork è stata coinvolta in ristrutturazioni del debito, ma ciò non è bastato a scongiurare la sua bancarotta. La settimana scorsa la società ha ottenuto una proroga di sette giorni sul pagamento degli interessi da parte dei suoi creditori per avere più tempo per negoziare.

Poco prima che WeWork dichiarasse bancarotta, Newman ha dichiarato in una dichiarazione: “Con la giusta strategia e il giusto team in atto, sono fiducioso che una ristrutturazione aiuterà WeWork ad emergere con successo”.

Reporting di Greg Roumiliotis a New York e Mirunme Dey a Bangalore; Montaggio di Arun Koiyur, Rashmi Aich e Jamie Freed

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *