Un tribunale thailandese ha sospeso Bida dal parlamento per il referendum sul primo ministro

  • Il Parlamento discute la nomina di Pita
  • Devi scalare una montagna per diventare Primo Ministro
  • Il partito afferma che la sospensione non riguarderà il candidato primo ministro
  • Pita si aspettava ostacoli “pre-pianificati”.

BANGKOK, 19 luglio (Reuters) – La Corte costituzionale thailandese ha ordinato mercoledì la sospensione temporanea dell’aspirante primo ministro Pita Limjaronrat dal suo incarico di legislatore.

Il verdetto della corte è arrivato dopo aver accettato un caso secondo cui Bida, il leader del partito vincente Move Forward, non era idoneo a contestare le elezioni del 14 maggio perché possedeva azioni di una società di media in violazione delle regole elettorali.

Pita, un liberale di 42 anni di formazione americana, ha perso la sua candidatura iniziale per la presidenza in un voto parlamentare la scorsa settimana e ha bisogno del sostegno di oltre la metà del parlamento bicamerale per diventare il prossimo primo ministro.

Ha dovuto superare la feroce opposizione dei rivali in contrasto con le ambizioni anti-establishment del suo partito, compreso l’esercito monarchico, che ha nominato membri del Senato che avevano rifiutato il PIDA nella sua offerta iniziale.

Non è stato immediatamente chiaro se l’annuncio del tribunale avrebbe impedito il voto di mercoledì, poiché i legislatori stanno ancora discutendo la candidatura di Pita.

La formazione di un governo dopo il colpo di stato del 2014 con regole parlamentari scritte dai militari e una coalizione di otto partiti che continua a sostenere il PIDA è stata distorta a suo favore.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

La sentenza del tribunale, il secondo caso attivo che coinvolge Bida, è arrivata mentre i legislatori discutevano se consentire a Bida di candidarsi a un secondo voto per il primo ministro, dopo che i rivali politici sostenevano che fosse già stato squalificato.

Bida ha sostenuto che poiché la società di media iTV non è stata coinvolta nelle attività dei mass media per molti anni, non ha violato alcuna regola possedendo le sue azioni. Ha 15 giorni per rispondere alla sospensione, ha detto il tribunale in una nota.

Andare avanti che la sentenza del tribunale non avrà alcun impatto sul procedimento.

“Pita è il candidato primo ministro per legge”, si legge, invitando a seguire il dibattito televisivo.

Bida ha una salita in salita per diventare primo ministro e le sfide gemelle di mercoledì sia dai suoi oppositori politici che dalla corte sono ostacoli che si aspettava.

In un’intervista di martedì ha detto a Reuters che le mosse sono state “premeditate” e ha messo in dubbio la tempistica, descrivendo gli sforzi dell’esercito statale per rovesciarlo come un “record rotto”.

La Thailandia è sotto un’amministrazione provvisoria da marzo e sono passati 65 giorni dalla straordinaria vittoria elettorale di Move Forward sui partiti sostenuti dai militari dopo nove anni di controllo del governo da parte dei generali.

Reportage di Panarat Thepkumbanat, Banu Wongcha-um e Sayut Chetpoonsarng; Scritto da Martin Petty; Montaggio di Robert Birzel

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *