Tesla sta richiamando tutti i veicoli venduti negli Stati Uniti per aggiornare il software

DETROIT (AP) – Tesla sta richiamando tutti i suoi oltre 2 milioni di veicoli venduti negli Stati Uniti per aggiornare il software e riparare un sistema difettoso che garantisce la concentrazione dei conducenti. Quando si utilizza il pilota automatico.

I documenti rilasciati mercoledì dalle autorità di regolamentazione della sicurezza statunitensi affermano che l’aggiornamento aumenterà gli avvisi e gli avvisi per i conducenti e limiterà le aree in cui possono operare le versioni base dell’Autopilot.

Poi arriva il ricordo Un processo durato due anni Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, si sono verificati una serie di incidenti mentre era in uso il sistema di guida parzialmente automatizzato Autopilot. Alcuni sono mortali.

La società afferma che la sua indagine ha rilevato che il metodo dell’Autopilot per garantire che i conducenti prestino attenzione è inadeguato e potrebbe portare a un “uso improprio del sistema”.

Le restrizioni e gli avvertimenti aggiuntivi “incoraggeranno ulteriormente i conducenti a esercitare la loro continua responsabilità di guida”, affermano i documenti.

Ma gli esperti di sicurezza affermano che, sebbene il richiamo sia un buon passo, responsabilizza il conducente e non risolve un problema fondamentale con i sistemi automatizzati di Tesla che rilevano e fermano gli ostacoli sul loro percorso.

Il richiamo riguarda i modelli Y, S, 3 e X prodotti tra il 5 ottobre 2012 e il 7 dicembre di quest’anno. L’aggiornamento verrà inviato martedì ad alcuni veicoli interessati, mentre gli altri lo riceveranno più tardi.

Mercoledì le azioni di Tesla sono scese di oltre il 3%, ma hanno registrato un ampio rimbalzo. Rally del mercato azionario Fino all’1% alla fine della giornata.

Gli sforzi per risolvere i difetti del pilota automatico sembravano troppo piccoli per Dillon Angulo, che è rimasto gravemente ferito in un incidente del 2019 che ha coinvolto una Tesla che utilizzava la tecnologia su un’autostrada rurale della Florida senza software. essere impiegato.

READ  Le demolizioni controllate da Israele stanno distruggendo i quartieri di Gaza

“Questa tecnologia non è sicura e dobbiamo toglierla dalla strada”, ha detto Angulo, che ha fatto causa a Tesla mentre si sta riprendendo da lesioni che includono traumi cerebrali e ossa rotte. “Il governo dovrebbe fare qualcosa al riguardo. Non possiamo eseguire tali test.

Il pilota automatico è dotato di funzioni chiamate Autosteer e Traffic Aware Cruise Control. Autosteer è destinato all’uso su autostrade ad accesso limitato mentre non opera su strade cittadine con una funzione più sofisticata chiamata Autosteer.

Un aggiornamento del software limiterà i luoghi in cui è possibile utilizzare AutoSteer. “Se il conducente tenta di attivare AutoSteer quando le condizioni per l’attivazione non sono soddisfatte, la funzione avviserà il conducente tramite avvisi visivi e acustici e AutoSteer non si attiverà”, affermano i documenti di richiamo.

A seconda dell’hardware di Tesla, i controlli aggiuntivi includono una “maggiore enfasi” sugli avvisi visivi, semplificando il modo in cui AutoSteer viene attivato e disattivato e se AutoSteer viene utilizzato al di fuori delle strade ad accesso limitato e controlli aggiuntivi quando ci si avvicina ai dispositivi di controllo del traffico. Ripetuti fallimenti nel “dimostrare una responsabilità di guida continua e sostenuta” potrebbero comportare la sospensione del conducente dall’utilizzo di AutoSteer, affermano i documenti.

Secondo Ritiro dei documenti, gli investigatori dell’agenzia si sono incontrati con Tesla in ottobre per spiegare le “decisioni provvisorie” sulla correzione del sistema di tracciamento. Tesla non era d’accordo con l’analisi dell’NHTSA, ma accettò un richiamo il 5 dicembre nel tentativo di risolvere l’indagine.

I sostenitori della sicurezza automobilistica chiedono da anni una regolamentazione più rigorosa dei sistemi di monitoraggio del conducente, che rilevano essenzialmente se le mani del conducente sono sul volante. Hanno anche chiesto l’uso di telecamere per assicurarsi che il conducente presti attenzione, modalità utilizzata da altre case automobilistiche con sistemi simili.

READ  La polizia afferma che un insegnante di 6 anni è stato ucciso a Newport News, in Virginia

Philip Koopman, professore di ingegneria elettrica e informatica alla Carnegie Mellon University che studia la sicurezza dei veicoli autonomi, ha definito l’aggiornamento del software un compromesso in cui mancano telecamere per la visione notturna per vedere gli occhi dei conducenti e che Tesla non è riuscita a trovare. E stop ai divieti.

“Il compromesso è deludente perché non risolve il problema di non avere abbastanza hardware per il monitoraggio dei conducenti nelle auto più vecchie”, ha detto Koopman.

Koopman e Michael Brooks, direttore esecutivo dell’organizzazione no-profit Center for Vehicle Safety, sostengono che le collisioni con i veicoli di emergenza sono un difetto di sicurezza trascurato. “L’indagine non ha approfondito la fonte di ciò che stava cercando”, ha detto Brooks. “Non risponde alla domanda sul perché le Tesla con il pilota automatico non hanno rilevato e risposto all’operazione di emergenza?”

Koopman ha affermato che l’NHTSA ha deciso che il cambiamento del software è più di quanto possa ottenere dall’azienda e che “i vantaggi di farlo superano il costo di trascorrere un altro anno con Tesla”.

Mercoledì, in una dichiarazione, NHTSA ha affermato che l’indagine rimane aperta, affermando: “Continueremo a monitorare l’efficacia delle soluzioni Tesla e lavoreremo con la casa automobilistica per garantire il massimo livello di sicurezza”.

Il pilota automatico può sterzare, accelerare e frenare automaticamente lungo la sua rotta, ma è un sistema di assistenza alla guida e Nonostante il nome, non può guidare da sola. Test indipendenti hanno scoperto che il sistema di monitoraggio è facile da ingannare, facendo sì che i conducenti vengano sorpresi alla guida in stato di ebbrezza. Oppure seduto sul sedile posteriore.

READ  La stella del calcio Pelé, una leggenda brasiliana del bel gioco, è morta all'età di 82 anni

In un rapporto sui difetti depositato presso l’agenzia per la sicurezza, Tesla ha affermato che i controlli dell’Autopilot “potrebbero non essere sufficienti a prevenire l’uso improprio del conducente”.

Mercoledì mattina presto è stato lasciato un messaggio in cui si chiedevano ulteriori commenti alla società di Austin, Texas.

Tesla afferma sul suo sito web che il pilota automatico e il sistema all’avanguardia di guida completamente autonoma assisteranno i conducenti che dovranno essere pronti a intervenire in ogni momento. I test di guida completamente autonoma vengono eseguiti dai proprietari di Tesla su strade pubbliche.

In una dichiarazione rilasciata lunedì alle X, precedentemente su Twitter, Tesla ha affermato che la sicurezza sarà maggiore quando il pilota automatico è attivato.

L’NHTSA ha inviato investigatori su 35 incidenti di Tesla dal 2016 in cui l’agenzia sospetta che i veicoli funzionassero con sistemi automatizzati. Almeno 17 persone sono state uccise.

Le indagini fanno parte di Un’importante indagine della NHTSA In diversi casi le Tesla hanno utilizzato il pilota automatico per schiantarsi contro veicoli di emergenza. NHTSA ha Diventa più aggressivo Nel perseguire problemi di sicurezza con Tesla, A Richiama il software completo di guida autonoma.

A maggio, il ministro dei trasporti Pete Buttigieg, che copre la NHTSA, ha affermato Tesla Il sistema non dovrebbe richiamare il pilota automatico Perché non può guidare da solo.

—-

Lo scrittore di tecnologia AP Michael Liedtke ha contribuito a questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *