Tassa Trump: la corte d’appello degli Stati Uniti conferma il rilascio dei documenti finanziari alla Camera

Un pannello della corte d’appello federale ha stabilito venerdì che i legislatori della Camera possono vedere i documenti contabili finanziari dell’ex presidente Donald Trump, ma ha ristretto la gamma di documenti che Trump deve consegnare in una lunga battaglia legale sulla conformità del presidente alle leggi sull’etica e sulla divulgazione.

La lotta non è finita: entrambe le parti possono appellarsi contro la decisione della giuria di tre giudici all’intera Corte d’Appello degli Stati Uniti, al Circuito DC o alla Corte Suprema. Ma la decisione ha segnato una vittoria parziale per ciascuna parte su una citazione del 2019 che il Comitato di sorveglianza della Camera ha emesso alla società di contabilità di Trump, Mazars USA.

“Sosteniamo l’autorità del comitato di citare in giudizio alcuni documenti finanziari del presidente Trump per gli scopi legislativi enumerati dal comitato”, ha scritto il giudice capo del circuito Sri Srinivasan. “Ma non possiamo sostenere l’ampiezza della citazione del comitato”.

Nel luglio 2020, la giuria ha esaminato un caso che la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva rinviato ai tribunali di grado inferiore.

UN Un commento complesso e ricco di sfumature di 67 pagine, Srinivasan ha spiegato come applicare la direttiva della Corte Suprema per “invitare una citazione più ampia di quanto sia ragionevolmente necessario per sostenere l’intento legislativo del Congresso”. Il caso coinvolge una lotta senza precedenti su fino a che punto il Congresso può spingersi nelle indagini sui presunti scandali dell’amministratore delegato della nazione e quali protezioni conservano gli ex presidenti dalle indagini dei legislatori dopo che hanno lasciato l’incarico ai sensi della clausola sui poteri della Costituzione.

Trump, che ha perso la rielezione nel 2020 e sta preparando un’altra candidatura per la Casa Bianca nel 2024, è il primo candidato di un grande partito da decenni a rifiutarsi di rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi. Critica apertamente L’Agenzia delle Entrate per controllarlo. Trump ha rifiutato esenzione Ha tenuto le sue partecipazioni in affari e, mentre era in carica, ha supervisionato l’agenzia di leasing governativa per il suo fiore all’occhiello Washington Hotel, anche se ha guadagnato milioni da entrambe le sue attività. Governo centrale E potenze straniere.

READ  Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

In risposta, i Democratici al Congresso hanno fatto diversi tentativi di indagare sulle sue finanze, che è Trump Sballato. Il comitato di sorveglianza della Camera ha richiesto a Mazars una serie di informazioni su Trump e le sue imprese in un periodo di otto anni dal 2011 al 2018, affermando che la sua presidenza ha messo in luce le debolezze della supervisione. Il comitato ha affermato di aver cercato documenti per corroborare la testimonianza di Trump secondo cui l’ex avvocato di Trump Michael Cohen ha gonfiato e sgonfiato artificialmente il valore dei suoi beni per guadagno personale.

Trump ha intentato una causa nel maggio 2019 per bloccare il rilascio, sostenendo di avere l’immunità assoluta dalle indagini del Congresso e che i Democratici alla Camera vogliono esporre i suoi dati solo per guadagno politico.

In un altro caso ancora in attesa di appello, Trump ha anche resistito alla richiesta della House Ways and Means Committee di vedere sei anni dei suoi registri fiscali federali. Dopo che Trump ha lasciato l’incarico, il Dipartimento del Tesoro del presidente Biden ha accettato di rilasciare i documenti e un giudice federale nominato da Trump Concordato lo scorso dicembre. Trump continua a lottare per la libertà come privato cittadino.

Nella sentenza di venerdì, i giudici Srinivasan e il giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti Judith W. Rogers – Tale questione è stata sollevata durante le discussioni orali alla fine dello scorso anno Come ha sostenuto l’avvocato di Trump Cameron Norris, costringere l’ex presidente a condividere le sue informazioni finanziarie quando lascerà l’incarico potrebbe avere un “effetto agghiacciante” su tutti i futuri comandanti.

Allo stesso tempo, Ketanji Brown Jackson, il terzo giudice che ha ascoltato le argomentazioni ma è stato elevato alla Corte Suprema e non ha partecipato al parere, ha espresso preoccupazione per il ritagliarsi protezioni di lunga data per i presidenti dopo il loro ritorno alla vita privata. , minando l’autorità del Congresso.

READ  Le azioni cadranno poiché i dati economici forti sollevano preoccupazioni sui tassi

Alla fine, Srinivasan ha aperto la strada in una mediazione, analizzando tre tipi di informazioni richieste dal comitato: documenti relativi agli affari di Trump e ai documenti finanziari personali con Mazars; Documenti relativi al contratto di locazione federale di Trump Ha recentemente venduto il Trump International Hotel nel vecchio edificio dell’ufficio postale nel centro di Washington; e documenti relativi a leggi relative alla sezione “Emolumenti esteri” della Costituzione, che vieta ai presidenti di ricevere doni da paesi stranieri.

I legislatori potrebbero ottenere documenti Mazars, documenti giustificativi e lettere di incarico dal 2014 al 2018, ha affermato la corte, ma solo se “indicano, fanno riferimento o discutono informazioni riservate, false o fuorvianti” su attività, passività o entrate segnalate da Trump, nonché se le informazioni sono incomplete, inesatte o “altrimenti insoddisfacenti. No” e le relative comunicazioni.

La corte ha confermato una citazione per documenti relativi all’affitto di hotel federale di Trump dalla sua elezione nel novembre 2016 al 2018, ma non per l’azienda che deteneva l’affitto, Trump Old Post Office LLC. Infine, la corte d’appello ha convenuto di poter ottenere tutti i documenti del 2017 e del 2018 relativi ai rapporti finanziari o alle transazioni tra Trump o l’Organizzazione Trump e “qualsiasi stato estero o agenzia governativa straniera, gli Stati Uniti, qualsiasi agenzia federale, qualsiasi stato o qualsiasi altro un’agenzia governativa o un funzionario del governo privato.

Secondo la corte, il comitato ha raccolto “prove estese di sospette rappresentazioni ingannevoli e omissioni” nei moduli di divulgazione richiesti da Trump e ha fornito spiegazioni “dettagliate e sostanziali” delle sue informazioni finanziarie, dei contratti governativi e dell’accettazione di doni esteri come presidente. Le modifiche alla legge federale proteggerebbero i conflitti di interesse della polizia tra contribuenti e funzionari politici.

“Se la quantità di prove presentate dalla giuria qui è insufficiente per ottenere un breve sottoinsieme delle informazioni dell’ex presidente, dubitiamo che qualsiasi Congresso possa ottenere le carte del presidente”, hanno scritto i giudici, aggiungendo che “richiede divulgazioni volte a impedire ai presidenti di impegnarsi nell’autotrattamento e in altri conflitti di interesse è uno scopo legislativo legittimo.” “

READ  Blocco Sanya Covid: migliaia di turisti bloccati nelle "Hawaii cinesi"

“L’ex presidente Donald Trump ha mostrato un disprezzo senza precedenti per l’etica federale e la trasparenza finanziaria”, ha affermato la presidente del comitato di sorveglianza della Camera Carolyn B. Maloney (DN.Y.) ha dichiarato in una dichiarazione scritta. “È deludente che la corte abbia ristretto la citazione per alcuni aspetti”, ha detto, aggiungendo: “Ha confermato parti chiave della citazione del comitato, ha riaffermato la nostra autorità di ottenere documenti da Mazar e ha respinto le argomentazioni fallaci dell’ex presidente Trump secondo cui il Congresso non può indagare sulla sua cattiva condotta.”

Venerdì, gli avvocati di Trump dello studio legale Consovoy McCarthy non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La sentenza di venerdì ha ribaltato una decisione simile dell’agosto 2021 di un giudice del processo nel caso. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Amit P. I documenti finanziari personali di Mehta dal 2017 al 2018, quando Trump era presidente, così come i documenti relativi al contratto di locazione dell’hotel a Washington e alle regole sui salari, sono i documenti limitati che i legislatori possono ottenere.

Presidente della Corte Suprema John G. I tribunali hanno agito dopo che Roberts Jr. nel luglio 2020 ha confermato l’autorità del Congresso di emettere citazioni per i documenti finanziari personali del presidente, ma Ha governato L’opinione 7 a 2 ha ritenuto che le citazioni in giudizio del Congresso per ottenere informazioni presidenziali “non dovrebbero essere più ampie di quanto ragionevolmente necessario” e ha inviato la domanda ai tribunali inferiori per sviluppare uno standard.

Il caso non è stato risolto prima della scadenza del mandato del Congresso nel gennaio 2020, ma la neoeletta Camera, ancora sotto il controllo democratico, ha rinnovato la sua richiesta nel febbraio 2021.

Rachel Weiner ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.