Prezzi del petrolio: greggio Brent, WTI in rialzo dopo che i produttori dell’OPEC hanno annunciato tagli alla produzione

Hong Kong/Atlanta (CNN) I prezzi del petrolio sono aumentati durante il commercio asiatico lunedì dopo che i produttori dell’OPEC+ hanno dichiarato che avrebbero tagliato la produzione con una mossa a sorpresa.

Il greggio Brent di riferimento globale è salito del 4,8% a 83,73 dollari al barile, mentre il WTI di riferimento statunitense è salito del 4,9% a 79,36 dollari.

L’aumento dei prezzi del petrolio significa che l’inflazione rimarrà alta più a lungo, aggiungendo pressione a una questione scottante per i consumatori di tutto il mondo.

Domenica scorsa, l’Arabia Saudita ha annunciato che si unirà ad altri membri o alleati dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) per iniziare una “riduzione involontaria” della produzione di greggio.

L’agenzia di stampa statale saudita SPA ha riferito che i tagli inizieranno a maggio e dureranno fino alla fine dell’anno, ha detto un funzionario del ministero dell’energia saudita.

Secondo SPA, questi tagli vanno ad aggiungersi a quelli annunciati da OPEC+ a ottobre.

Quel mese, i produttori di petrolio aveva acconsentito Tagliare la produzione di 2 milioni di barili al giorno, il più grande taglio dall’inizio della pandemia ed equivalente al 2% della domanda globale di petrolio.

L’Arabia Saudita ora dice che ridurrà la produzione di petrolio di mezzo milione di barili al giorno.

Nel frattempo, l’Iraq ridurrà la produzione di 200.000 barili al giorno e gli Emirati Arabi Uniti ridurranno la produzione di 144.000 barili al giorno.

Kuwait, Algeria e Oman taglieranno la produzione rispettivamente di 128.000, 48.000 e 40.000 barili al giorno.

Aumento del prezzo

In una nota di domenica, gli analisti di Goldman Sachs hanno affermato che la mossa è stata inaspettata, ma “deve agire in anticipo per rispettare il nuovo principio OPEC+, poiché possono fare a meno di perdite significative di quote di mercato”.

READ  Damian Lillard ha perso 41 punti mentre i Bucks superavano i Clippers senza Giannis Antetokounmpo.

Gli analisti hanno affermato che il taglio della produzione combinata da parte dei nove membri dell’OPEC+ è stato di 1,66 milioni di barili al giorno, aumentando le loro previsioni di prezzo per il Brent quest’anno a 95 dollari al barile.

Il ministero dell’Energia dell’Arabia Saudita ha descritto il suo ultimo taglio come una misura precauzionale volta a sostenere la stabilità dei mercati petroliferi, ha affermato SPA.

La Casa Bianca ha respinto quell’idea, così come i recenti tagli dell’OPEC+.

“Data l’incertezza del mercato, non pensiamo che i tagli siano una buona idea in questo momento – lo abbiamo chiarito”, ha detto un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale. “Siamo concentrati sui prezzi per il consumatore americano, non sui barili”.

A ottobre era già stata presa la decisione dell’OPEC+ di tagliare la produzione Ha sistemato la Casa Bianca.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha poi promesso che l’Arabia Saudita avrebbe affrontato “conseguenze”. Ma finora, la sua amministrazione sembra averlo fatto Torna sui suoi voti Per punire il governo mediorientale.

Anche la Russia, membro dell’OPEC+, ha dichiarato domenica che lo estenderà Riduzione volontaria 500.000 barili al giorno entro la fine del 2023. Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha annunciato la mossa, ha riferito l’agenzia di stampa statale TASS.

Quel risultato è stato meno sorprendente. Gli analisti di Goldman prevedono che il taglio continuerà nella seconda metà dell’anno.

— Hanna Ziady e Arlette Saenz della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *