Playoff NBA: Luka Doncic guida la rimonta dei Mavericks con 17 punti sui Thunder

I Dallas Mavericks si dirigono verso la loro seconda apparizione alle Western Conference Finals con Luka Doncic, grazie soprattutto a Doncic.

La stella slovena ha portato la sua squadra ad una rimonta di 17 punti che ha posto fine a sei partite degli Oklahoma City Thunder e ha vinto 117-116 contro la testa di serie nella Western Conference sabato. Domenica Dallas affronterà la vincente di Gara 7 tra Minnesota Timberwolves e Denver Nuggets.

Doncic ha concluso la partita con 29 punti su 9 su 15 al tiro, 10 rimbalzi e 10 assist, la sua settima tripla doppia playoff in carriera e la terza consecutiva. Altri grandi contributori sono stati PJ Washington, che ha segnato 22 punti al tiro 8 su 13 e Kyrie Irving, che ha segnato 22 punti al tiro 9 su 23.

Mentre era inattivo, Irving ha migliorato il suo record nelle partite finali portandolo a 14-0, il miglior punteggio nella storia della NBA.

I Thunder hanno trascorso quasi tutta la partita in vantaggio, realizzando infine un parziale nel secondo quarto che ha portato a 16 all’intervallo. 77-60 all’inizio del terzo. I Mavericks sono rimasti in svantaggio per gran parte del secondo tempo e hanno pareggiato la partita a metà del quarto quarto, a quel punto è stato un frenetico avanti e indietro con cinque cambi di vantaggio negli ultimi cinque minuti.

Alla fine il gioco si è ridotto a una chiamata controversa. Sul 116-115 a tre secondi dalla fine, Washington ha tentato una tripla ma ha subito fallo dalla stella dei Thunder Shai Gilgeous-Alexander. I Thunder contestarono il fallo.

READ  Beanie Feldstein esce da "Funny Girl" di Broadway questo mese - Scadenza

E nel replay Gilgeous-Alexander ha chiaramente avuto una mano pulita sulla palla e poi ha colpito il braccio di Washington. Se il tiratore tocca la mano quando la palla viene toccata, il gioco non è un fallo, ma gli arbitri hanno detto che non c’era contatto con la palla al rilascio del tiro perché Washington ha effettuato il contatto e poi ha rilasciato la palla.

I Thunder hanno perso la sfida e hanno perso la serie. Washington ha effettuato i suoi primi due tiri liberi, poi ha sbagliato intenzionalmente il terzo, costringendo OKC a prendere il comando dalla propria parte del campo con 2,5 secondi rimasti.

Dopo un terribile sussulto a metà campo, la stagione della squadra più giovane della NBA è finita.

Il bello di essere i Thunder è che non puoi andare alle finali della Western Conference ed essere comunque considerato in tempo.

Questo è quello che succede quando il tuo candidato MVP (Gilgeous-Alexander) ha 25 anni, tu vai 57-25, il tuo futuro ancoraggio in zona d’attacco (Chet Holmgren) è 22, e la tua intera rotazione è 25 o meno. Sia Gilgeous-Alexander che Le Dart sono già sotto contratto per le prossime tre stagioni, mentre Holmgren e Jalen Williams sono bloccati per altre due stagioni.

I Thunder invecchieranno e miglioreranno la prossima stagione, aggiungendo talenti a buon mercato con la loro ridicola gamma di scelte al draft (gli Houston Rockets scelgono il 12° posto assoluto nel draft NBA 2024).

Naturalmente, l’opzione più interessante per i Thunder per competere legittimamente è scambiare alcune di quelle scelte al draft con talenti veterani. Alcuni rinforzi soprattutto nella vernice.

READ  Inondazioni nella contea di Bucks: identificate le vittime, continuano le ricerche di 2 bambini scomparsi

Se i Thunder sono stati deboli in questa stagione, si stanno riprendendo. Holmgren pesa 208 libbre e il centro titolare Jaylin Williams è alto 6 piedi e 9. Mentre Hamgren era solido in difesa intorno al canestro con tiri formidabili, la squadra si è classificata 29esima nella NBA nei rimbalzi offensivi.

La buona notizia è che con una superstar in Gilgeous-Alexander e una superstar in Holmgren, i Thunder hanno già fatto la parte difficile. Se la tua preoccupazione più grande è completare la rotazione e trovare estensioni future, probabilmente sei a buon punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *