Perché c’è così tanta paura delle bolle di mercato?

Avvisi di bolle di riga sulla parete e sulla larghezza.

L’implacabile rally del mercato ha fatto salire l’indice S&P 500 di quasi il 25% rispetto ai minimi di ottobre.

Nvidia (NVDA), favorita dall’IA, è in testa. Il produttore di chip ha guadagnato oltre l’80% dall’inizio dell’anno, aiutando l’S&P 500 (^GSPC) e il Nasdaq (^IXIC) a registrare guadagni.

La performance concentrata ha spinto alcuni a Wall Street ad avvertire che il rally è andato troppo oltre e che le azioni sono in territorio di bolla.

La concentrazione del mercato ha raggiunto un livello massimo pluridecennale. Secondo i dati di Goldman Sachs, i 10 maggiori titoli azionari statunitensi rappresentano ora il 33% della capitalizzazione di mercato dell’S&P 500 e il 25% dei rendimenti dell’S&P 500.

Ma le preoccupazioni sulla ristretta partecipazione al mercato e sulla schiumosità potrebbero essere fuorvianti. Diversi importanti strateghi di Wall Street hanno chiarito la settimana scorsa nel “Morning Brief” di Yahoo Finance che c’è motivo di credere che il mercato continuerà a crescere.

“Probabilmente è la migliore tattica di vendita in questo momento… non penso che sia giustificata”, ha detto il direttore della strategia azionaria di Citi statunitense Drew Pettit a proposito dell’allarme bolla su Yahoo Finance Live. “In realtà è molto più salutare di quanto la gente gli creda.”

Gli ottimi risultati trimestrali delle grandi aziende tecnologiche hanno rafforzato la tesi rialzista. Nvidia ha registrato un altro trimestre forte grazie alla crescente domanda di intelligenza artificiale, mentre Meta (META), Microsoft (MSFT) e Amazon (AMZN) hanno superato le aspettative.

Elevati margini di profitto e rendimenti comprovati sono due ragioni per cui l’analista di Wedbush Dan Ives descrive l’attuale contesto di mercato come un “momento del 1995” piuttosto che paragonarlo all’inizio della bolla delle dotcom.

READ  FTC propone di impedire a Meta di monetizzare i dati dei bambini

“Non era neanche lontanamente vicino al periodo 1999/2000 a causa delle valutazioni elevate, della mancanza di monetizzazione/infrastruttura, dei bilanci deboli, dei modelli di business schiumosi e del contesto macroeconomico che costituiva un mondo completamente diverso rispetto a quello che vediamo oggi”, ha scritto Ives in una nota ai clienti.

Chris Danley, responsabile della ricerca statunitense sui semiconduttori di Citi, ha fatto eco alla visione rialzista di Ives sulla tecnologia, dicendo a Yahoo Finance che “non vede fine”.

“Abbiamo molta strada da fare prima di iniziare a suonare i campanelli d’allarme o a sentire i campanelli d’allarme”, ha detto Danley a Yahoo Finance Live.

Al di là degli aspetti tecnici e sotto la superficie, le tendenze di fondo sono positive. L’ampiezza del mercato, segno di un sentimento rialzista, ha iniziato a migliorare lentamente. L’indice S&P 500 Equal Weight (SPXEW) e le small cap hanno sovraperformato l’indice S&P 500 nell’ultimo mese.

“L’espansione a cui stiamo assistendo sta avvenendo in modo furtivo”, ha detto a Yahoo Finance Liz Ann Saunders di Charles Swap, aggiungendo che il caos sotto la superficie “non è una brutta cosa”.

Inoltre, è importante notare che la storia suggerisce che un’elevata concentrazione non indica necessariamente un picco di mercato. Goldman Sachs ha esaminato le concentrazioni di mercato negli ultimi 100 anni e ha scoperto che l’S&P 500 si è ripreso più spesso che non dopo i picchi di concentrazione passati.

“Un modello coerente che circonda i periodi di alta concentrazione è rappresentato da ampie oscillazioni dello slancio”, ha scritto l’analista azionario di Goldman Sachs Ben Snyder in una nota ai clienti. “Mentre la performance dei leader ad alto slancio è stata incoerente, i precedenti ritardatari hanno sovraperformato in ogni episodio. Ciò supporta la nostra opinione secondo cui è più probabile che un “recupero” dei ritardatari interrompa un rally di slancio in corso rispetto a un “recupero”. dai recenti leader di mercato.”

READ  Le mosse di Musk su Twitter potrebbero portarlo a scontrarsi con le "linee rosse" dell'Europa

Sean Smith È un presentatore di Yahoo Finance. Segui Smith su Twitter @SeanaNSmith. Suggerimenti su offerte, collegamenti, situazioni dei fan o qualcos’altro? Invia un’e-mail a seanasmith@yahooinc.com.

Clicca qui per un’analisi approfondita delle ultime notizie sul mercato azionario e degli eventi che muovono i prezzi delle azioni.

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *