Novak Djokovic batte Ben Sheldon e vince il 24esimo titolo del Grande Slam in singolo

Ogni volta che il ventenne fulminante della Florida Ben Shelton è sceso in campo agli US Open di quest’anno, ha messo a segno una delle migliori esibizioni del torneo.

È stato ancora una volta uno dei momenti clou della racchetta nelle semifinali di venerdì pomeriggio, il tipo di tennis che ogni fan americano rende omaggio allo spirito di “Big” Bill Tilton, o il tipo di tennis che ha portato Sheldon a continuare. Il calcio da adolescente.

Quel secondo servizio andava a 143 miglia all’ora e il ragazzo sfrecciava per il campo con uno spaventoso dritto. Il suo atletismo nel trasformare solidi pallonetti in impavidi e dondolanti overhand torna indietro. Quelle braccia svolazzano fuori dalla sua camicia senza maniche, e così fa lo spirito, mentre grida: “Sì!” Come un bambino nel parco giochi ogni volta che segna un punto importante. Sui drop volley che toccano atterrano e girano verso la rete.

Sfortunatamente per Sheldon, il sistema di punteggio nel tennis non assegna alcun punto di stile, e Novak Djokovic ha affrontato non solo il 23 volte vincitore del Grande Slam e il più grande giocatore dell’era moderna, ma anche l’ultimo allenatore del tennis tai chi. Per anni, ancor più del suo recente dominio, il 36enne Djokovic ha rivolto contro di loro il potere e lo stile di sfidanti più appariscenti e potenti.

Djokovic ha fatto lo stesso venerdì. Giocando in una semifinale record del 47esimo Grande Slam, Djokovic ha implementato la ricostruzione tattica di Sheldon che ha distrutto i sogni, le buone vibrazioni e il flash che tanti giocatori più giovani avevano avuto prima. Djokovic non ha utilizzato un grammo di energia in più di quella che aveva, facendo a pezzi l’adolescente 6-3, 6-2, 7-6 (7-4) in due ore e mezza.

READ  Kaitlyn Armstrong è stata condannata per l'omicidio della ciclista professionista Anna Moriah Wilson

Per gran parte del pomeriggio, ha colto i tiri trappola di Sheldon dal fondo del campo come un ghepardo che insegue il suo pranzo, e ha preso missili al servizio di Sheldon come cattura farfalle in un campo a fine estate. Dopo che Shelton ha finito di colpire con un dritto in rete, Djokovic ha anche rubato la tanto chiacchierata celebrazione post partita di Shelton, mimando un telefono all’orecchio. Poi sbattilo giù prima di dare al giovane una gelida stretta di mano.

Sheldon ha poi visto la mimica di Djokovic in video dopo aver lasciato il campo. Non gli importa molto di dire alla gente come festeggiare, ha detto.

“Penso che se vinci la competizione, meriti di fare quello che vuoi”, ha detto Shelton. “Da bambino ho sempre imparato che l’imitazione è la forma più vera di adulazione, quindi questo è tutto quello che ho da dire al riguardo.”

Parlando della celebrazione dopo Sheldon, Djokovic ha detto con un sorriso ironico: “Adoro la celebrazione di Ben. Pensavo fosse così originale che l’ho copiato.

Ora capite, Djokovic apprezza un lampo di momenti salienti del tennis tanto quanto chiunque altro. Entrando in campo per il terzo set con un vantaggio quasi insormontabile – contro di lui – di due set, ha oscillato più forte che poteva e ha visto la piuma di Sheldon in un drop volley. Djokovic ha regalato ai Rockets un meritato applauso. Bel gioco, giovanotto. Qualche istante dopo, entrò in campo e lanciò un tiro di passaggio per spezzare ancora una volta il servizio e l’entusiasmo di Sheldon.

READ  La NFL multa David Tepper di $ 300.000 dopo che il proprietario dei Panthers ha lanciato da bere ai fan a Jacksonville

Djokovic ha fatto tutto questo davanti a una folla di quasi 24.000 fan all’Arthur Ashe Stadium. Con i temporali nella zona, il tetto era chiuso e ogni volta che Sheldon metteva insieme una dimostrazione di potenza e tocco, velocità e atletismo, potevi quasi sentire il ruggito. e toccare.

Ciò non è mai stato più vero di quando Sheldon era sotto 2-4 nel terzo set e ha cercato disperatamente di prolungare la partita. Si è ritrovato con un punto per spezzare il servizio di Djokovic e non ha deluso, trascinando Djokovic in un ampio dritto che ha prodotto un suono straziante. Due partite dopo, nell’unico crollo della giornata, pieno di errori e di servizio scadente (succede), Djokovic aveva un break point e tutte le buone vibrazioni.

Poi ancora, Djokovic ha coronato il momento con la sua prestazione caratteristica: una velocità di 124 mph. Servi più di quanto Sheldon possa gestire. L’ordine è stato ripristinato.

C’erano un po’ più di Sheldon e Djokovic per far divertire lo stadio gremito. Sheldon ha salvato un match point mandando il terzo set al tie-break, poi è inciampato un po’ quando è andato sotto 5-1. Ma Djokovic aveva delle cose da fare e la sua 36esima finale del Grande Slam era proprio nel suo ambito. Sheldon ha colpito con il dritto in rete ed è stato il turno di Djokovic di soffocare il rumore e di riattaccare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *