Missili russi colpiscono il porto dell’Ucraina; Cave dice che sta ancora preparando le spedizioni di grano

  • L’Ucraina afferma che due missili hanno colpito parte di una stazione di pompaggio del grano
  • Il ministro afferma che l’Ucraina continua a prepararsi per le esportazioni di grano
  • Mosca e Kiev hanno firmato venerdì un accordo di esportazione di grano
  • L’accordo ha cercato di evitare una grave crisi alimentare
  • Il segretario generale dell’Onu ha condannato gli attacchi missilistici

KIEV, 23 luglio (Reuters) – I missili russi hanno colpito sabato il porto meridionale di Odesa, in Ucraina, violando un accordo firmato il giorno prima per frenare le esportazioni di grano dai porti del Mar Nero e ridurre la carenza di cibo globale causata dalla guerra, hanno affermato l’esercito ucraino.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che lo sciopero ha dimostrato che non ci si può fidare di Mosca per attuare l’accordo. Tuttavia, l’emittente pubblica Zaspilne ha citato l’esercito ucraino dicendo che i missili non hanno causato danni significativi e che i preparativi per riprendere le esportazioni di grano dai porti del Mar Nero del paese sono in corso, ha affermato un ministro del governo.

L’accordo, firmato venerdì da Mosca e Kiev e mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, è stato salutato come una svolta dopo quasi cinque mesi di combattimenti punitivi da quando la Russia ha invaso il suo vicino. Consentendo le esportazioni di grano dai porti del Mar Nero, tra cui Odesa, è considerato fondamentale per frenare l’aumento dei prezzi alimentari globali.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I funzionari delle Nazioni Unite avevano affermato venerdì che l’accordo sarebbe entrato in vigore entro poche settimane e gli attacchi a Odessa hanno attirato una forte condanna da parte di Kiev, delle Nazioni Unite e degli Stati Uniti. leggi di più

Il ministro della Difesa turco ha detto che i funzionari russi avevano detto ad Ankara che Mosca “non aveva niente a che fare” con l’attacco al porto. Una dichiarazione del ministero della Difesa russo di sabato, che delinea lo stato di avanzamento della battaglia, non ha menzionato alcun attacco a Odessa. Il ministero non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters.

READ  Processo Steve Bannon: copertura in diretta e ultimi aggiornamenti, 21 luglio

Due missili russi Kalibr hanno colpito un’area di una stazione di pompaggio nel porto di Odesa e altri due missili sono stati abbattuti dalle forze di difesa aerea, ha affermato il comando operativo ucraino del sud. Il portavoce dell’aeronautica ucraina Yuriy Ignat ha detto che i missili sono stati lanciati da navi da guerra nel Mar Nero vicino alla Crimea.

Suspilne ha poi citato Natalia Humeniuk, portavoce del comando militare meridionale dell’Ucraina, che ha affermato che l’area di stoccaggio del grano del porto non è stata interessata. Non sono state segnalate vittime.

“Stiamo continuando i preparativi tecnici per l’esportazione di prodotti agricoli dai nostri porti”, ha dichiarato su Facebook il ministro delle Infrastrutture Oleksandr Kubrakov.

Lo sciopero sembrava violare i termini dell’accordo di venerdì, che avrebbe consentito il passaggio sicuro dentro e fuori Odessa e due porti ucraini.

“Questo dimostra solo una cosa: qualunque cosa la Russia dica o prometta, troverà il modo di non implementarla”, ha detto Zelensky in un video pubblicato su Telegram.

ONU Il segretario generale Antonio Guterres ha “condannato inequivocabilmente” gli scioperi denunciati, ha affermato un portavoce, aggiungendo che tutte le parti dell’accordo sull’esportazione di grano si erano impegnate e la piena attuazione era essenziale.

“Questi prodotti sono assolutamente necessari per affrontare la crisi alimentare globale e alleviare le sofferenze di milioni di persone in tutto il mondo”, ha affermato il portavoce Farhan Haq in una nota.

Il ministro della Difesa turco Hulusay Agar ha dichiarato in una dichiarazione: “Nella nostra comunicazione con la Russia, i russi ci hanno detto che non abbiamo assolutamente nulla a che fare con questo attacco e che stanno indagando sulla questione molto da vicino e in dettaglio”.

READ  Matthew Pottinger, un ex funzionario di Trump NSC, testimonierà all'udienza di giovedì 6 gennaio

“Siamo molto preoccupati che un incidente del genere sia accaduto dopo l’accordo che abbiamo preso ieri”, ha aggiunto.

Un percorso sicuro

L’Ucraina ha estratto le acque vicino ai suoi porti come parte delle sue difese navali, ma in base all’accordo i piloti guideranno le navi in ​​corsie sicure nelle sue acque territoriali. leggi di più

Un Centro di coordinamento congiunto (JCC), composto da membri delle quattro parti del trattato, monitorerà quindi le navi che transitano dal Mar Nero verso lo stretto del Bosforo in Turchia e i mercati globali.

Venerdì tutte le parti hanno convenuto che non ci saranno attacchi a queste istituzioni e che è compito del JCC affrontare qualsiasi attività vietata rilevata.

“Un missile russo ha sputato in faccia (il presidente russo) Vladimir Putin, Guterres e il presidente turco Tayyip Erdogan”, ha detto su Facebook il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko.

Bridget Brink, l’ambasciatrice degli Stati Uniti a Kiev, ha scritto su Twitter: “Il Cremlino continua a armare il cibo. La Russia deve essere tenuta a rispondere”.

Mosca ha negato la responsabilità della crisi alimentare, incolpando le sanzioni occidentali per aver ridotto le proprie esportazioni di cibo e fertilizzanti e l’Ucraina per gli approcci minerari ai suoi porti del Mar Nero.

Aumento dei prezzi del cibo

Il blocco dei porti ucraini da parte della flotta russa del Mar Nero dopo l’invasione di Mosca del 24 febbraio ha lasciato decine di migliaia di tonnellate di grano bloccate e molte navi bloccate.

Ciò ha esacerbato le interruzioni della catena di approvvigionamento globale e alimentato l’inflazione dei prezzi di cibo ed energia, insieme alle sanzioni occidentali alla Russia. La Russia e l’Ucraina sono i principali fornitori mondiali di grano e la crisi alimentare globale ha spinto circa 47 milioni di persone a una “grave fame”, secondo il World Food Programme.

READ  Gli abitanti dei villaggi del Mekong stanno ricevendo pesci d'acqua dolce più pesanti che mai

L’accordo, che dovrebbe essere pienamente operativo in poche settimane, riporterà le esportazioni di grano dai tre porti riaperti ai livelli prebellici di 5 milioni di tonnellate al mese, hanno affermato venerdì i funzionari delle Nazioni Unite. leggi di più

Venerdì ha detto che l’accordo renderebbe disponibili per la vendita circa 10 miliardi di dollari di grano ed esporterebbe circa 20 milioni di tonnellate del raccolto dell’anno scorso. Tuttavia, nel conflitto più ampio, ha detto al Wall Street Journal, non può esserci cessate il fuoco senza riguadagnare il terreno perduto.

Sabato l’Ucraina ha attaccato un ponte nella regione occupata del Mar Nero di Kherson, prendendo di mira una rotta di rifornimento russa, spingendo Kiev a prepararsi per una grande controffensiva, ha detto un funzionario regionale ucraino.

Il vice capo dell’autorità regionale istituita dalla Russia ha affermato che il ponte è stato colpito da sette razzi provenienti dai sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS) forniti dall’Occidente, ma il ponte stava ancora funzionando, ha riferito l’agenzia di stampa russa TASS. leggi di più

Le affermazioni di entrambe le parti non sono state verificate in modo indipendente da Reuters.

Putin ha definito la guerra una “operazione militare speciale” e ha affermato che mirava a smilitarizzare l’Ucraina e sradicare pericolosi nazionalisti. Kiev e l’Occidente lo chiamano un pretesto infondato per un’aggressiva presa di terra.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Tom Balmforth a Londra e Reuters Bureaus Scritto da Jakob Kronholdt-Pedersen Montaggio di Frances Kerry e Louise Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.