L’Unione Europea afferma che gli annunci di Google violano le leggi antitrust

Mercoledì era Google sarà imposto Violare le leggi antitrust dell’UE usando il suo predominio nella pubblicità online per minare i rivali è l’ultima di una serie di cause legali in tutto il mondo che colpiscono al centro del modello di business del gigante di Internet.

Il caso è stato presentato dalla Commissione Europea, il braccio esecutivo dell’Unione Europea a 27 nazioni, ed è la quarta volta che Google è stata accusata di violare le leggi antitrust europee negli ultimi anni. In questo caso, l’Unione Europea ha accusato Google dei suoi abusi Regolamentazione del mercato per la compravendita di pubblicità online.

L’annuncio dell’UE segue accuse simili mosse contro Google dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti a gennaio. C’è anche l’autorità antitrust britannica Esamina le pratiche pubblicitarie di Google.

I risultati delle cause legali potrebbero avere implicazioni significative per la società madre di Google, Alphabet. $ 60 miliardi di profitto Dall’annuncio dell’anno scorso. La pubblicità supporta tutti i servizi più popolari di Google, tra cui ricerca, email, mappe e Android, e consente all’azienda di offrirli gratuitamente.

“Google è presente in tutte le fasi della cosiddetta catena di fornitura adtech”, ha affermato in una nota Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione europea, che sovrintende alla politica digitale e di concorrenza. “La nostra preoccupazione iniziale è che Google possa aver sfruttato la sua posizione di mercato per i propri servizi middleware”.

“Ciò ha danneggiato non solo i concorrenti di Google, ma anche gli interessi degli editori, aumentando i costi per gli inserzionisti”, ha aggiunto.

Le nuove accuse contro Google fanno parte di uno sforzo a lungo termine delle autorità europee per frenare le più grandi aziende tecnologiche del mondo. Apple e Meta, proprietaria di Facebook e Instagram, sono oggetto di un’indagine antitrust. L’anno scorso, l’Unione Europea ha promulgato nuove leggi antitrust e sui servizi digitali per rafforzare la supervisione delle più grandi aziende tecnologiche. Mercoledì il Parlamento europeo, il ramo legislativo dell’UE, ha approvato un progetto di legge per regolamentare l’intelligenza artificiale.

READ  Damian Lillard ha perso 41 punti mentre i Bucks superavano i Clippers senza Giannis Antetokounmpo.

Negli ultimi anni, le autorità europee hanno multato Google per miliardi di dollari per violazioni antitrust relative al suo sistema operativo mobile Android, al servizio di shopping e ad un’altra parte della sua attività pubblicitaria. Tutti i casi sono vincolati in tribunale dopo i ricorsi legali di Google.

Insieme alle nuove accuse, la Commissione europea ha rilasciato quella che è nota come una “dichiarazione di obiezioni” contro Google, delineando il motivo per cui ritiene che la società abbia violato le leggi antitrust. È un passaggio che potrebbe essere un lungo processo prima che vengano prese le decisioni finali sull’opportunità di multare Google fino al 10 percento delle sue entrate globali o ordinare altre modifiche alle sue pratiche commerciali. Si potrebbe anche arrivare a una soluzione.

Google non è d’accordo con la scoperta delle autorità di regolamentazione e ha affermato che “risponderà di conseguenza”.

“I nostri strumenti di tecnologia pubblicitaria aiutano i siti Web e le app a monetizzare i propri contenuti e aiutano le aziende di tutte le dimensioni a raggiungere nuovi clienti in modo più efficace”, ha affermato Dan Taylor, vicepresidente della pubblicità globale di Google. “Google si impegna a creare valore per i nostri publisher e inserzionisti partner in questo settore altamente competitivo. L’indagine della Commissione si concentra su un aspetto ristretto della nostra attività pubblicitaria e non è nuova.

Le autorità di regolamentazione europee hanno iniziato a indagare su Google due anni fa, concentrandosi sul mercato della pubblicità display, che include banner e altri formati di visualizzazione sui siti web. Google offre molti servizi a inserzionisti ed editori in questo campo. Raccoglie dati per indirizzare gli annunci, vende spazi pubblicitari su siti Web e offre prodotti che fungono da intermediari tra inserzionisti ed editori proprietari di siti Web.

READ  I mercati azionari globali salgono, i dati sull'inflazione dei rendimenti del Tesoro scendono

Nel controllare gran parte della catena di approvvigionamento della pubblicità online, Google rende difficile la concorrenza dei rivali, ha affermato la signora Vestager. Editori come News Corp si sono a lungo lamentati del fatto che il dominio di Google limita la quantità di denaro che possono guadagnare dalla pubblicità sui loro siti web o dall’emergere di servizi concorrenti.

Il Consiglio degli editori europei, un gruppo industriale che rappresenta le società di media, ha elogiato l’azione di mercoledì. Il gruppo ha affermato di aver presentato un reclamo un anno fa descrivendo in dettaglio come Google “ha utilizzato la propria posizione a svantaggio degli editori”.

“Non vediamo l’ora di lavorare con la commissione mentre il caso continua”, ha dichiarato Angela Mills Wade, direttore esecutivo del consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *