L’S&P 500 raramente ha guadagnato più del rapporto sull’occupazione, ha testimoniato Powell

  • Apple sale mentre Goldman avvia la copertura con “acquista”
  • Le azioni di Silvergate crollano dopo la sospensione della rete di pagamenti
  • Gli ordini alle fabbriche diminuiscono a gennaio
  • Indici: Dow in rialzo dello 0,12%, S&P in rialzo dello 0,07%, Nasdaq in ribasso dello 0,11%

6 marzo (Reuters) – L’S&P 500 (.SPX) ha chiuso invariato lunedì, rinunciando ai guadagni precedenti mentre gli investitori sono rimasti cauti in vista della testimonianza di questa settimana del presidente della Federal Reserve Jerome Powell e di un rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti.

Nella sessione precedente, l’indice sembrava più forte con il Nasdaq (.IXIC) che guadagnava più dell’1%. La spinta maggiore è arrivata dal produttore di iPhone Apple Inc ( AAPL.O ), dopo che Goldman Sachs ha avviato la copertura con un rating “buy”.

Ma le azioni hanno rinunciato ai guadagni precedenti poiché i dati hanno mostrato che i rendimenti dei buoni del Tesoro USA a 10 anni e i rendimenti dei Treasury a 2 anni erano inferiori alle attese a gennaio e i nuovi ordini di manufatti statunitensi erano inferiori.

Poiché tassi più elevati riducono il valore dei flussi di cassa futuri, l’aumento dei rendimenti obbligazionari grava sulle valutazioni azionarie, in particolare sui titoli growth e tecnologici.

Grafica Reuters

“Il mercato è in uno schema di tenuta perché questa settimana sarà la chiave per far luce su ciò che sta accadendo nell’economia statunitense”, ha affermato Irene Dunkel, capo stratega delle azioni statunitensi.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

PCA Research di New York prevede di monitorare da vicino il rapporto sui libri paga non agricoli negli Stati Uniti a febbraio.

“Le persone si preoccupano dei numeri dei posti di lavoro e dei dati economici perché si preoccupano di ciò che farà la Fed. Tutte le strade alla fine portano alla Fed”.

READ  Elezioni in Pakistan: l'alleanza di Imran Khan ottiene la maggioranza con risultati shock

E con i possibili aumenti dei tassi della Fed la loro principale preoccupazione, i dati di lunedì hanno già smorzato l’entusiasmo degli investitori, ha affermato Shawn Cruz, chief trading strategist presso TD Ameritrade a Chicago.

“C’è ancora molto lavoro da fare sull’inflazione”, ha detto Cruz. “Non stiamo vedendo il rallentamento della domanda che dobbiamo vedere. Il punto centrale dell’aumento dei tassi da parte della Fed è rallentare l’economia”.

Il Dow Jones Industrial Average (.DJI) è salito di 40,47 punti, o dello 0,12%, a 33.431,44; L’S&P 500 (.SPX) è salito di 2,78 punti, o dello 0,07%, a 4.048,42; E il Nasdaq Composite (.IXIC) è sceso di 13,27 punti, o dello 0,11%, a 11.675,74.

Degli 11 principali settori industriali di S&P, sei hanno chiuso in rialzo. Il settore dei beni legati alle materie prime (.SPLRCM) è sceso dell’1,7% dopo che la Cina ha fissato un obiettivo inferiore alle attese per la crescita economica del 5% quest’anno.

Il settore della tecnologia ( .SPLRCT ) è stato il maggiore rialzo, in rialzo dell’1,9% rispetto ad Apple. Microsoft Corp ( MSFT.O ) è salita dello 0,6% e la casa madre di Google Alphabet Inc ( GOOGL.O ) è salita dell’1,6%.

Tre dei principali indici azionari statunitensi sono saliti venerdì e hanno registrato guadagni settimanali dopo che i commenti dei responsabili politici della Fed hanno attenuato i nervosismi relativi a un aumento aggressivo dei tassi.

Ma il presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, ha dichiarato sabato che se i dati sull’inflazione e sul mercato del lavoro fossero più caldi del previsto, i tassi di interesse a dicembre dovrebbero essere più alti di quanto previsto dai politici della Fed.

READ  Google Stadia verrà interrotto l'anno prossimo e tutti gli acquisti verranno rimborsati

Gli investitori cercheranno indizi sul futuro percorso di rialzo dei tassi della Fed quando Powell testimonierà davanti al Congresso martedì e mercoledì. L’ultimo discorso di Powell su dati economici forti e un’inflazione più alta del previsto ha sollevato preoccupazioni sul fatto che la Fed alzerà i tassi più del previsto o li manterrà più alti più a lungo.

Gli operatori si aspettano almeno tre aumenti di 25 punti base quest’anno e tassi di interesse al 5,44% entro settembre dal 4,67% attuale.

Le azioni delle società legate alle criptovalute sono diventate volatili dopo che Silvergate Capital Corp (SI.N) ha chiuso la sua rete di pagamenti in criptovalute. Le azioni di Silvergate sono scese del 6,2%, mentre la banca di criptovalute Signature Bank (SBNY.O) è scesa del 2,5%.

Le emissioni in declino superano quelle in avanzamento con un rapporto di 1,69 a 1 sul NYSE; Sul Nasdaq, un rapporto di 1,94 a 1 ha favorito i ribassisti.

L’S&P 500 ha registrato 20 nuovi massimi di 52 settimane e un nuovo minimo; Il Nasdaq Composite ha registrato 85 nuovi massimi e 92 nuovi minimi.

10,57 miliardi di azioni sono passate di mano sulle borse statunitensi, rispetto a una media mobile di 10,98 miliardi nelle ultime 20 sessioni.

Reportage di Sinead Carew, Shruti Shankar, Bansari Mayur Kamdar e Sristi Achar A a Bangalore; Montaggio di Vinay Dwivedi, Anil de Silva e Richard Chang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *