L’indagine per frode di Trump a New York rivela testimonianze nei registri finanziari

NEW YORK – Il processo civile per presunta frode commerciale di Donald Trump e della sua azienda si è concentrato martedì sulle testimonianze sui rendiconti finanziari, mentre l’ex presidente è tornato in tribunale per il secondo giorno consecutivo per osservare di persona il processo.

L’udienza è iniziata lunedì in un tribunale di Manhattan, dove gli avvocati che rappresentano Trump e il procuratore generale di New York Letitia James (D) hanno trascorso la giornata presentando le loro argomentazioni sul caso.

James ha intentato una causa da 250 milioni di dollari sostenendo che Trump e i dirigenti della sua azienda hanno coraggiosamente travisato i fatti relativi ai suoi beni al fine di ottenere migliori rendimenti finanziari. La causa sostiene che Trump e la sua organizzazione hanno perpetrato una palese frode.

Trump, d’altro canto, ha affermato che non c’è modo di valutare il valore della proprietà e ha insistito che non vi fosse alcun illecito.

Il giudice Arthur Engoron, che sta supervisionando il caso, la scorsa settimana ha emesso una sentenza preliminare che potrebbe revocare le licenze commerciali di Trump e privare dozzine di proprietà dal suo controllo alla Trump Tower. L’udienza determinerà quanto severe saranno le sanzioni finali, con James che chiederà a Trump e alla sua azienda di pagare 250 milioni di dollari.

A New York è in corso un processo per frode da 250 milioni di dollari contro Donald Trump

Il processo potrebbe durare settimane o mesi e Trump potrebbe testimoniare durante il processo.

Sebbene non fosse obbligato a presenziare ai giorni di apertura del processo, Trump ha preferito comparire in tribunale e ha sfruttato l’opportunità per parlare ampiamente con i giornalisti prima, dopo e durante le pause di lunedì. Ha lanciato la sua solita invettiva contro il caso, James, Engoran e gli altri agenti che indagavano su di lui.

READ  Gli Astros hanno battuto gli Yankees in Gara 4 dell'ALCS raggiungendo la loro 4a World Series in 6 stagioni.

Trump, che è tornato in tribunale martedì mattina, ha criticato James in brevi commenti ai giornalisti prima di entrare in aula, insistendo che i suoi beni valessero più di quanto affermasse.

Il 2 ottobre è iniziato a New York un processo civile che accusa l’ex presidente Donald Trump e la sua azienda di massiccia frode. (Video: Michael Catenhead/The Washington Post)

Trump non ha risposto alla raffica di domande dei giornalisti prima di entrare in aula, dove ha guardato brevemente James, che era già dentro.

Nelle sue osservazioni di lunedì, Trump, che è in corsa per la nomina repubblicana alla presidenza del prossimo anno, si è lamentato del fatto che il caso lo stava costringendo a perdere tempo nel percorso elettorale.

Trump deve affrontare anche un rischio legale significativo, con accuse penali presentate contro di lui in quattro casi separati a New York, Florida, Georgia e Washington, DC. Tre dei quattro casi verranno processati l’anno prossimo nel corso della campagna elettorale presidenziale.

Iscriviti a The Trump Checks, la nostra newsletter pop-up settimanale che tiene traccia dei quattro casi penali di Trump

Trump si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse e ha attaccato le indagini in quanto motivate politicamente, un punto che ha ripetuto lunedì a New York.

Ma mentre Trump ha discusso contro il caso di New York fuori dall’aula di tribunale, i procedimenti interni si sono spesso concentrati maggiormente sulle questioni in questione: gli aspetti pratici delle valutazioni immobiliari e il modo in cui vengono redatti i rendiconti finanziari. Parte dell’azione di lunedì pomeriggio è stata provocata dalla testimonianza di Donald Bender, contabile di lunga data della società di Trump e dei suoi dirigenti.

READ  NFL 2024 free agency: Kirk Cousins ​​​​ai Falcons, Christian Wilkins ai Raiders e altre notizie, rapporti, voci

L’ufficio di James ha affermato di voler dimostrare che Trump, i suoi figli adulti, la sua azienda, alcuni dirigenti ed entità correlate hanno tentato di commettere frodi emettendo rendiconti finanziari falsi. L’avvocato di Trump, Christopher Kiss, ha più volte respinto queste argomentazioni.

“Nessuna illegalità, nessuna frode, nessuna vittima”, ha detto Kiss. Lunedì pomeriggio, al termine dei lavori, Engoran Sembrava disposto a escludere prove relative a transazioni più vecchie, che gli avvocati di Trump sostenevano dovessero essere archiviate dal caso sulla base di una recente sentenza della corte d’appello in materia di termini di prescrizione.

Trump ha preso i commenti di Engron come una vittoria, dicendo ai giornalisti che gran parte del caso del procuratore generale potrebbe essere archiviato, un sentimento ripreso da uno dei suoi avvocati. L’ufficio di James ha successivamente contestato questa spiegazione.

Martedì mattina, prima che riprendessero le testimonianze, Engoron ha aperto il procedimento dicendo che voleva “chiarire ogni malinteso” nei suoi commenti e che non avrebbe respinto le accuse nel caso, come ha detto Trump.

Subito dopo, Bender riprese la sua testimonianza. Bender ha discusso argomenti inclusi i contratti tra la sua società di contabilità e l’attività di Trump. Interrogato dall’ufficio di James, Bender ha confermato che i contratti avrebbero imposto alla società l’onere di fornire valutazioni immobiliari accurate.

Berman ha riferito da Washington. Questa storia verrà aggiornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *