L’encoder AV1 di Intel batte Nvidia e AMD

Intel è il primo produttore di GPU a offrire funzionalità di codifica AV1 Sequenza grafica ad arco. Abbiamo avuto la fortuna di vedere la crittografia in azione grazie a YouTuber Eposvox, che ha testato la tecnologia su una scheda grafica Arch A380. YouTuber ha scoperto che AV1 è più efficiente per la produzione di flussi video a bassa velocità di trasmissione. Supera tutti gli encoder hardware H.264, come l’encoder NVENC della concorrente NVIDIA.

Il codificatore Intel AV1 supera il codec video NVENC H.264 della rivale Nvidia

Molti video visti quotidianamente su YouTube hanno adottato il nuovo codifica AV1, Soprattutto nella crescita degli ultimi anni. Codifica video AV1 di Intel È stato inizialmente sviluppato da Alliance for Open Media nel 2015 come formato di codifica video open source esente da royalty. Il formato è rivoluzionario in teoria e gratuito, consentendo agli utenti un maggiore accesso all’utilizzo tramite Internet. AV1 produce file di dimensioni inferiori rispetto al formato H.264, offrendo capacità di compressione molto maggiori.

https://www.youtube.com/watch?v=ctbTTroqZsM

Negli ultimi anni, AV1 ha visto una maggiore adozione nelle piattaforme di streaming video e ha visto un uso più ampio nelle architetture di schede grafiche come la serie NVIDIA RTX 30, l’architettura RDNA 2 di AMD e, più recentemente, le iGPU di Intel. Sony ha anche integrato la tecnologia nel sistema di gioco della console PlayStation 4 Pro.

AV1 non vede il pieno utilizzo nella creazione di contenuti, in particolare lo streaming, anche con la codifica video disponibile. Gli attuali motori grafici non supportano gli encoder AV1. Con l’aiuto del software, il processore di un computer può utilizzare il codec AV1. Tuttavia, a parte le ultime schede grafiche Arc di Intel, non è stato sviluppato hardware in grado di accelerare adeguatamente la codifica AV1.

READ  Classifica del torneo commemorativo 2022: aggiornamenti in tempo reale, copertura completa, risultati del terzo round del golf sabato.

Nel video sopra, EposVox mette alla prova l’encoder AV1 di Intel contro diversi encoder H.264. Il test includeva opzioni software disponibili in suite di streaming come AMF di AMD, Quick Sync di Intel, NVIDIA NVENC e il software di streaming OBS.

Lo YouTuber ha utilizzato lo strumento di benchmark VMAF di Netflix, che consente all’utente di analizzare la qualità del video con un punteggio da 0 (considerato inguardabile) a 100 (la migliore qualità video immaginabile). Lo strumento di benchmark confronta la qualità del video con il video non compresso e testa velocità di 3,5 MBps, 6 MBps e 8 MBps.

Video di gioco usati di Battlefield 2042. A 3,5 MBps, il codificatore video AV1 di Intel ha ottenuto 83 punti e a 6 MBps ha raggiunto 90 punti su 100. D’altra parte, NVIDIA NVENC ha segnato 71 a 3,5 MBps, ma ha ottenuto 85 a 8 MBps. AMD e i suoi encoder AMF erano simili a NVIDIA e l’encoder Quick Sync di Intel ha raggiunto rispettivamente 76 e 87. Intel attualmente utilizza un codificatore di sincronizzazione veloce sulla piattaforma Alder Lake.

Un test di benchmark preparato da EposVox mostra che il codec video Intel AV1 ha prestazioni migliori del sedici percento rispetto a NVIDIA e AMD.

OBS ha fornito risultati sorprendenti con il suo encoder H.264 basato su software x264 VerySlow preimpostato. Il software combinato ha fornito 78 punti a 3,5 MBps e 88 punti a 6 MBps. Tuttavia, per lo streaming, questo non è un formato utilizzabile, quindi è meglio che gli streamer evitino del tutto il sistema.

Poiché EposVox ha addestrato gli utenti sullo streaming in generale, vale la pena notare che 3,5 MBps è un’impostazione più accessibile e piacevole per gli spettatori quando utilizzano la codifica Intel e AV1. Produce una qualità del flusso raggiungibile utilizzando meno risorse rispetto alle aziende concorrenti.

READ  2 Russi chiedono asilo dopo aver raggiunto la remota isola dell'Alaska

Fonti di notizie: Tom’, hardware

Prodotti citati in questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.