Le proteste filo-palestinesi interrompono i college in tutta l’America: aggiornamenti in tempo reale

11:40 ET, 30 aprile 2024

I manifestanti del Johns Hopkins hanno deciso di sciogliere il campo dopo un incontro di un’ora con gli amministratori

Da Avery Lotz della CNN

I manifestanti filo-palestinesi e la Johns Hopkins University hanno raggiunto un accordo per sciogliere un accampamento nel campus, ha detto un portavoce dell’università.

“La nostra priorità oggi è accogliere la protesta mantenendo un ambiente sicuro per la nostra comunità”, si legge nella dichiarazione rilasciata martedì mattina. “La risoluzione pacifica degli eventi di oggi dimostra il valore di questi principi.”

Dopo un incontro di un’ora, il presidente della Johns Hopkins Ron Daniels, il prevosto Ray Jayawardena e gli studenti partecipanti hanno raggiunto un accordo reciproco che il campo sarebbe stato sgomberato durante la notte e che la protesta pacifica sarebbe stata consentita solo tra le 10:00 e le 20:00.

Secondo alcune notizie, un gruppo di circa 100 manifestanti si è radunato lunedì nel campus dell’università di Baltimora. Affiliato della CNN WJZ, allestendo un campo di tende nonostante gli fosse stato detto di andarsene. Intorno all’una di notte, i partecipanti hanno iniziato a raccogliere silenziosamente le loro cose e a chiudere il campo.

Sebbene la maggior parte dei manifestanti sembrassero essere studenti, un portavoce dell’università ha osservato che non tutti i circa 100 manifestanti erano affiliati all’università.

L’università si unisce ai campus di tutto il Paese mentre gli studenti protestano in solidarietà con il popolo palestinese contro gli attacchi israeliani, invitando gli amministratori a divulgare e disinvestire dagli investimenti legati a Israele.

L’università, secondo una dichiarazione inviata via e-mail, ha affermato di volere “un dialogo continuo” con gli studenti mentre le proteste continuavano.

“Siamo molto sollevati da questa soluzione pacifica e produttiva ed estendiamo il nostro più profondo apprezzamento a coloro che hanno contribuito a raggiungere questo accordo”, si legge nella nota.

Secondo una dichiarazione dei dirigenti universitari, ogni giorno gli studenti possono tornare in un’area designata del campus, uno spazio di ritrovo all’aperto, “sulla spiaggia” per continuare le “attività di protesta diurne” consentite dalla politica della Johns Hopkins.

READ  Jim Jordan ha perso una seconda corsa per la carica di presidente della Camera a causa della forte opposizione del GOP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *