Le autorità gabonesi hanno annunciato un colpo di stato militare e il presidente Ali Bongo è stato arrestato

  • La famiglia di Bongo governa da 56 anni
  • Il consiglio ha nominato presidente il generale Price Oligui Nkuma
  • Agli arresti domiciliari, Bongo cerca sostegno
  • La Francia, con truppe in Gabon, condanna il colpo di stato

LIBRÉVILLE, 30 agosto (Reuters) – I funzionari militari del Gabon, produttore di petrolio, hanno dichiarato di aver preso il potere mercoledì, ponendo il presidente Ali Bongo agli arresti domiciliari e nominando un nuovo leader dopo che l’organo elettorale dello stato dell’Africa centrale ha annunciato che Bongo aveva vinto un terzo mandato.

I funzionari hanno annunciato in televisione che i risultati elettorali erano stati annullati, le frontiere chiuse e le istituzioni governative sciolte dopo un teso referendum destinato a estendere il dominio di oltre mezzo secolo della famiglia Bongo, che rivendicava di rappresentare le forze armate.

Nel giro di poche ore, i generali si incontrarono per discutere chi avrebbe guidato la transizione e, secondo un altro discorso televisivo, votarono all’unanimità per nominare il generale Price Oligui Nkuma, ex capo della guardia presidenziale.

Nel frattempo, dagli arresti domiciliari, Bongo ha fatto appello agli alleati stranieri attraverso una video dichiarazione, chiedendo loro di parlare a nome suo e della sua famiglia. Ha detto che non sapeva cosa stesse succedendo.

La situazione di Bongo si è drammaticamente ribaltata dalle prime ore di mercoledì mattina, quando la Commissione elettorale ha annunciato di aver vinto il voto contestato di sabato.

Centinaia di persone sono scese nelle strade della capitale del Gabon, Libreville, per celebrare l’intervento militare, mentre le Nazioni Unite, l’Unione Africana e la Francia, ex sovrano coloniale del Gabon, hanno condannato il colpo di stato.

READ  L'esercito ucraino afferma che gli scontri continuano nella regione di Pakmut

La presa del potere militare in Gabon è l’ottava nell’Africa centrale e occidentale dal 2020, e la seconda – dopo quella del Niger – in altrettanti mesi. Funzionari militari hanno preso il potere anche in Mali, Guinea, Burkina Faso e Ciad, spazzando via le conquiste democratiche ottenute dagli anni ’90 e suscitando timori tra le potenze straniere con interessi strategici nella regione.

“Marcerò oggi perché sono felice. Dopo quasi 60 anni, i bonghi non sono più al potere”, ha detto Jules Lepigue, 27 anni, disoccupato, che si è unito alla folla a Libreville.

Bongo è entrato in carica nel 2009 dopo la morte di suo padre, Omar, che governava dal 1967. Gli oppositori sostengono che la famiglia ha fatto poco per condividere la ricchezza petrolifera e mineraria dello Stato con i suoi 2,3 milioni di abitanti.

Violenti disordini sono scoppiati dopo la contestata vittoria elettorale di Bongo nel 2016 e un fallito tentativo di colpo di stato nel 2019.

Funzionari del Gabon, che si autodefiniscono Comitato di transizione e ristrutturazione istituzionale, hanno affermato che il paese sta affrontando una “grave crisi istituzionale, politica, economica e sociale”. Hanno anche detto che 26 voti non erano credibili.

Hanno anche affermato di aver arrestato il figlio del presidente Nuredin Bongo Valentine e altri per corruzione e tradimento.

Non c’è stato alcun commento immediato da parte del governo del Gabon.

In questo screenshot ottenuto da Reuters il 30 agosto 2023, l’esercito del Gabon appare in televisione mentre annuncia di aver preso il potere in seguito alla rielezione del presidente Ali Bongo Ondimba. Gabon 1ere/Dispensa tramite REUTERS Ottieni i diritti di licenza

Grafica Reuters Grafica Reuters

Colpo di stato “contagio”

Bongo, 64 anni, è stato visto l’ultima volta sabato durante una riunione pubblica per votare. Prima del voto, era più sano di quanto apparisse in televisione dopo l’ictus del 2018.

READ  È morta la madre di Melania Trump

A differenza del Niger e di altri paesi del Sahel, il Gabon, situato più a sud sulla costa atlantica, non ha dovuto fare i conti con le insurrezioni islamiste destabilizzanti. Ma il colpo di stato è un ulteriore segno di arretramento democratico nella regione instabile.

Un “contagio autocratico” si sta diffondendo in tutta l’Africa, ha affermato il presidente nigeriano Bola Tinubu, attuale capo dell’Unione dell’Africa occidentale ECOWAS. Ha detto che stava lavorando a stretto contatto con altri leader africani su come rispondere in Gabon.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e l’Unione africana hanno condannato gli eventi e hanno invitato i militari a garantire la sicurezza di Bongo e della sua famiglia, mentre Cina e Russia hanno affermato di sperare in un rapido ritorno alla stabilità. Gli Stati Uniti hanno affermato che la situazione è molto preoccupante.

“Condanniamo il colpo di stato militare e ricordiamo il nostro impegno per elezioni libere e trasparenti”, ha detto il portavoce del governo francese Olivier Veran.

Il colpo di stato crea incertezza per la presenza della Francia nella regione. La Francia ha circa 350 soldati in Gabon. Le sue forze sono state cacciate dopo i colpi di stato in Mali e Burkina Faso negli ultimi due anni.

Il minatore francese Eramet (ERMT.PA), che ha grandi attività di manganese in Gabon, ha dichiarato di aver sospeso le operazioni.

Il Gabon produce circa 200.000 barili di petrolio al giorno, principalmente da giacimenti in esaurimento. Tra le aziende internazionali figurano la francese TotalEnergies (TTEF.PA) e il produttore anglo-francese Berenco.

Preoccupazioni sulla trasparenza delle elezioni del fine settimana sono state sollevate dalla mancanza di telespettatori internazionali, dalla sospensione di alcune trasmissioni straniere e dalla decisione di interrompere il servizio Internet e di imporre un coprifuoco notturno dopo il voto. La squadra di Bongo ha negato le accuse di frode.

READ  Via Lattea: gli astronomi di Manchester scoprono un oggetto misterioso

Mercoledì sembrava che Internet funzionasse per la prima volta dopo il voto. La giunta ha confermato che l’accesso a Internet e tutte le trasmissioni internazionali sono state ripristinate, ma ha detto che manterrà il coprifuoco fino a nuovo avviso.

Poco prima dell’annuncio del colpo di stato, la Commissione elettorale ha dichiarato vincitore delle elezioni Bongo con il 64,27% dei voti e il suo principale rivale, Albert Ondo Osa, con il 30,77%.

Mercoledì le obbligazioni denominate in dollari del Gabon sono scese a 14 centesimi, prima di essere scambiate a 9,5 centesimi rispetto al dollaro.

Report aggiuntivi di Alessandra Prentice, Edward McAllister, Elizabeth Pineau, Felix Onuah, Sofia Christensen, Sudip Kar-Gupta, Liz Lee e Ingrid Melander; Scritto da Nellie Peyton, Sofia Christensen e Alessandra Prentice; Montaggio di Simon Cameron-Moore, Edmund Blair e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *