L’Asia soffre di una sbornia cinese; Livelli del dollaro superiori allo yen 2023

La gente passa davanti a un cartello elettrico che mostra la media delle azioni Nikkei del Giappone fuori da una società di intermediazione il 18 aprile 2023 a Tokyo, Giappone. REUTERS/Issei Kato

  • Borse asiatiche:
  • Nikkei in calo dell’1,3%, future S&P 500 in calo dello 0,2%
  • Le azioni cinesi scivolano davanti ai dati sui problemi degli asset
  • L’aumento dei rendimenti obbligazionari porta il dollaro a 145,22 yen

SYDNEY, 14 agosto (Reuters) – Le azioni asiatiche sono scese lunedì mentre i problemi con gli asset cinesi hanno rafforzato le argomentazioni per uno stimolo aggressivo, mentre un aumento dei rendimenti dei Treasury ha portato il dollaro al massimo dello yen del 2023, nonostante Pechino sembri sorda alle chiamate.

La geopolitica ha destato ulteriore preoccupazione dopo che domenica una nave da guerra russa ha lanciato bombe di avvertimento contro una nave da carico nel Mar Nero sudoccidentale, segnalando una nuova fase della guerra che potrebbe influenzare i prezzi del petrolio e dei prodotti alimentari.

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone ( .MIAPJ0000PUS ) ha perso un altro 1,7% dopo essere sceso del 2% la scorsa settimana. Il Nikkei giapponese (.N225) è sceso dell’1,3% in quanto gli esportatori hanno tratto sostegno da uno yen più debole.

Le blue chip cinesi (.CSI300) sono scese dell’1,2%, in aggiunta al calo del 3,4% della scorsa settimana, tra notizie economiche deludenti culminate in un triste rapporto sui nuovi prestiti bancari a luglio.

I dati sulle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale sono previsti martedì e gli analisti si aspettano che diminuiscano, esercitando una pressione al ribasso sullo yuan.

READ  Funzionari dei soccorsi affermano che 76 membri di una famiglia di Gaza sono stati uccisi in un attacco israeliano mentre i combattimenti nel sud si allargano.

In aggiunta alle preoccupazioni per il deterioramento della salute dei promotori immobiliari del paese carichi di debiti, due società quotate cinesi non hanno ricevuto pagamenti per prodotti di investimento in scadenza da Zhongrong International Trust.

China’s Country Garden ( 2007.HK ), il principale sviluppatore di proprietà privata del paese, interromperà il commercio di 11 delle sue obbligazioni offshore da lunedì.

I futures EUROSTOXX 50 sono scesi dello 0,4% e i futures FTSE sono scesi dello 0,2%. Il sentimento amaro ha spinto i futures S&P 500 e Nasdaq a pareggiare i guadagni iniziali di un facile 0,2% ciascuno.

Ciò ha fatto seguito alle perdite di venerdì, quando una lettura sorprendentemente alta dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti ha messo alla prova la fiducia del mercato che l’inflazione si sarebbe raffreddata abbastanza da evitare ulteriori rialzi dei tassi.

I consumatori continuano a consumare

Si prevede che i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti di questa settimana mostreranno un aumento della spesa dello 0,4%, con rischi più elevati dovuti in parte al Prime Day di Amazon.

Gli analisti di BofA hanno affermato che i dati sulla spesa con carte di credito e debito suggeriscono che le vendite potrebbero aumentare dello 0,7% rispetto allo scorso anno a causa dell’attività intorno alla festività del 4 luglio.

Un tale risultato metterebbe in discussione le prospettive ribassiste del mercato per i tassi, implicando una probabilità del 70% di un futuro rialzo della Federal Reserve. Il mercato ha visto un taglio di oltre 120 punti base nei prezzi del prossimo anno da marzo.

I verbali dell’ultima riunione della banca centrale sono previsti mercoledì e potrebbero mostrare ai membri la volontà di mantenere aperte le loro opzioni su ulteriori aumenti.

READ  Il comico Barry Humphries, creatore di Dame Edna Everage, è morto all'età di 89 anni.

Gli analisti di Goldman Sachs sostengono che il mercato si è spinto troppo oltre nel scontare un allentamento aggressivo.

“L’impulso per il tapering al di fuori di una recessione è quello di normalizzare il tasso dei fondi da un livello di controllo verso il neutrale una volta che l’inflazione si avvicina all’obiettivo”, hanno scritto in una nota.

“La normalizzazione non è una spinta particolarmente urgente al taglio, motivo per cui vediamo anche un rischio significativo che la Fed rimanga stabile”.

Si aspettano un taglio di soli 25 punti base a trimestre a partire dal secondo trimestre del prossimo anno, con il tasso sui fondi che alla fine si stabilizzerà al 3-3,25%.

Dopo essere salito di 12 punti base la scorsa settimana, il rendimento del Tesoro a 10 anni si è attestato al 4,18% a causa di un’economia lenta e di una domanda di debito pubblico davvero massiccia.

Questo aumento ha spremuto il dollaro contro lo yen a basso rendimento, portandolo a 145,22 e un picco che non si vedeva dal novembre dello scorso anno. Le preoccupazioni su un possibile intervento sono poi tornate a 144,92.

“L’aumento di quasi il 5% del cambio USD/JPY da metà luglio potrebbe indurre i funzionari giapponesi a mettere in guardia contro un rapido indebolimento dello yen”, ha affermato Christina Clifton, stratega valutaria presso CBA.

“Tuttavia i mercati sperano che la BOJ non inasprisca la politica nel prossimo futuro a causa delle continue cattive notizie dalla BOJ”.

L’euro ha già raggiunto il massimo dalla fine del 2008 ed è rimasto fermo a 158,51 yen. La moneta unica era in un intervallo più alto rispetto al dollaro a $ 1,0933.

READ  Uniber afferma che il peggio arriverà quando la Russia interromperà i flussi di gas verso l'Europa

Il dollaro è salito anche rispetto alle sue controparti australiane e neozelandesi, insieme a una serie di valute asiatiche emergenti, tutte inserite come proxy per il rischio cinese.

I guadagni e i rendimenti del dollaro pesano l’oro a $ 1.912 l’oncia, la terza settimana consecutiva di ribassi.

I prezzi del petrolio sono diretti nella direzione opposta poiché l’offerta limitata incontra le previsioni di una forte domanda che offre sette settimane di guadagni.

Lunedì, alcuni dei gainer hanno fatto scendere il Brent di 78 centesimi a 86,03 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è sceso di 76 centesimi a 82,43 dollari al barile.

Segnalazione di Wayne Cole; Montaggio di Sri Navaratnam e Sam Holmes

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *