La Corte Suprema sta segnalando che non può lasciare che il Colorado escluda Trump dal ballottaggio

WASHINGTON – Giovedì la Corte Suprema ha messo in dubbio l’autorità del Colorado di rimuovere l’ex presidente Donald Trump dalle primarie repubblicane mentre cercava di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020.

Durante il dibattito durato due ore, la maggioranza dei giudici ha affermato che gli stati non hanno alcun ruolo nel decidere se a un candidato presidenziale può essere impedito di candidarsi in base alla disposizione del 14° emendamento della Costituzione che vieta agli “insurrezionalisti”. ricopre l’incarico.

I giudici hanno espresso preoccupazione per il fatto che gli stati giungano a conclusioni diverse sulla possibilità di candidarsi o meno, e molti hanno sottolineato che solo il Congresso può far rispettare la disposizione in questione.

La Corte Suprema, con la sua maggioranza conservatrice di 6 voti favorevoli e 3 contrari, si è occupata di diverse questioni legali innovative e consequenziali legate alla Sezione 3 del 14° Emendamento alla Costituzione promulgato all’indomani della Guerra Civile.

In base a tale disposizione, chiunque avesse precedentemente prestato servizio come “ufficiale degli Stati Uniti” e poi si fosse impegnato nella ribellione sarebbe stato escluso dall’incarico federale, con l’obiettivo di impedire agli ex confederati di riprendere il potere nel governo degli Stati Uniti.

Il presidente della Corte Suprema John Roberts ha affermato che “il punto centrale” del 14° emendamento è limitare il potere statale dopo la guerra civile e si è chiesto perché darebbe agli stati la possibilità di rimuovere un candidato presidenziale dal ballottaggio.

Adottando un approccio simile, il giudice conservatore Brett Kavanagh ha affermato che è chiaro dall’intero 14° emendamento che “il Congresso ha il ruolo primario qui”.

I giudici si sono anche interrogati sulle implicazioni pratiche del permettere che la disposizione venga interpretata Stato per Stato.

READ  La Russia afferma che l’Ucraina ha lanciato un attacco missilistico sulla Crimea

Il giudice Elena Kagan, uno dei tre giudici liberali, ha detto: “Perché uno stato può decidere chi è il presidente degli Stati Uniti? È piuttosto insolito, non è vero?” chiese.

Il giudice conservatore Samuel Alito ha definito una “situazione incontrollabile” il fatto che gli stati prendano decisioni diverse sulla questione.

Il giudice Kentaji Brown Jackson, uno dei liberali, ha chiesto perché gli autori del 14° emendamento avrebbero “progettato un sistema che creerebbe un’incoerenza medievale. Dice: ‘Te lo meriti, non lo meriti.’

A dicembre la Corte Suprema del Colorado ha stabilito che Trump poteva essere espulso dalle primarie repubblicane, ma ha sospeso la decisione mentre fa appello.

Il caso potrebbe avere implicazioni più ampie se Trump perde, poiché altri stati potrebbero seguirne l’esempio, ostacolando il suo tentativo di riconquistare la presidenza questo autunno. Anche i funzionari statali dei governi controllati dai conservatori hanno avvertito che potrebbero cercare di rimuovere il presidente Joe Biden dal ballottaggio.

Trump, che ha spesso assistito alle recenti udienze in vari casi civili e penali che lo coinvolgevano, non era in aula giovedì.

Il ricorso legale è stato presentato per conto di sei residenti del Colorado, quattro dei quali repubblicani, da un gruppo di controllo del governo di sinistra. Cittadini per la responsabilità e l’etica a Washington e due studi legali.

Nei documenti del tribunale si sostiene che Trump “ha deliberatamente organizzato e incitato una folla violenta ad attaccare il Campidoglio degli Stati Uniti nel disperato tentativo di impedire il conteggio dei voti elettorali espressi contro di lui”.

Gli avvocati di Trump hanno presentato diverse ragioni per archiviare il caso. Sostengono che il presidente non è un ufficiale degli Stati Uniti, che Trump non è in ribellione e che solo il Congresso può invocare l’articolo 3.

READ  Gli sfollati di Maui sono preoccupati mentre i soccorsi in caso di incendio si trascinano

C’erano i giudici Sentito dagli avvocati Trump rappresenta i querelanti del Colorado e il segretario di Stato del Colorado Jenna Griswold, il massimo funzionario elettorale dello stato.

La maggioranza conservatrice comprende tre giudici – Neil Gorsuch, Brett Kavanagh e Amy Coney Barrett – nominati da Trump. Un altro conservatore, il giudice Clarence Thomas, ha dovuto affrontare indagini sul suo coinvolgimento nel caso a causa del ruolo di sua moglie, l’attivista politica conservatrice Virginia “Ginny” Thomas, nel sostenere la sfida di Trump ai risultati elettorali. Alcuni democratici hanno invitato Thomas a ricusarsi.

Nonostante la maggioranza conservatrice della Corte, da quando ha lasciato l’incarico ha costantemente imputato perdite a Trump.

L’interesse per il caso del Colorado è aumentato quando il massimo funzionario elettorale del Maine ha stabilito che Trump non era idoneo a comparire nelle primarie repubblicane dello stato. Come la controversia del Colorado, anche quel caso è stato sospeso, il che significa che Trump è ora in ballottaggio in entrambi gli stati.

La Corte Suprema sta esaminando il caso del Colorado con un programma accelerato, con una sentenza attesa entro poche settimane. Il Colorado è uno dei dodici stati in cui le elezioni primarie si terranno il 5 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *