La Corea del Nord affronta un’epidemia durante la guerra del governo

Questa foto, pubblicata da Kyoto il 23 maggio 2022, ritrae una scena di traffico di medicinali a Pyongyang, in Corea del Nord, in mezzo ai crescenti timori sulla diffusione del virus corona (COVID-19). Via Kyoto REUTERS

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

SEOUL, 16 giugno (Reuters) – Giovedì la Corea del Nord ha annunciato lo scoppio di un’infezione intestinale non identificata in un’area agricola, causando ulteriori difficoltà nel Paese isolato mentre combatte un’ondata di carenza cronica di cibo e infezioni da COVID-19.

Il presidente Kim Jong Un mercoledì ha inviato farmaci alla città portuale occidentale di Heju per aiutare i pazienti che soffrono di “infezioni intestinali acute”, ha riferito l’agenzia di stampa statale KCNA, senza fornire un numero di vittime o identificare la malattia.

La parola entric si riferisce al tubo gastrico.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“(Kim) ha sottolineato la necessità di controllare l’epidemia adottando misure ben articolate per prevenire completamente la diffusione della malattia, isolare i casi sospetti e confermare i casi attraverso test epidemiologici e scientifici”, ha affermato KCNA.

Un funzionario del Ministero della Cooperazione della Corea del Sud, che si occupa degli affari coreani, ha affermato che il governo sta monitorando un’epidemia di sospetto colera o tifo.

L’epidemia si è verificata mentre affrontava il primo focolaio di infezione da Govt-19 nel nord. Tra le preoccupazioni per la carenza di vaccini e forniture mediche, il mese scorso ha dichiarato lo stato di emergenza.

L’agenzia di intelligence della Corea del Sud ha precedentemente detto ai legislatori che le malattie trasmesse dall’acqua come il tifo erano già diffuse in Corea del Nord prima dell’annuncio dell’epidemia del virus corona.

READ  Master speciale per Trump Lawyers: "Non puoi avere la tua torta e mangiarla"

“Malattie intestinali come il tifo e la shigellosi non sono nuove in Corea del Nord, ma ciò che è preoccupante è che si verificano in un momento in cui il Paese sta già combattendo contro il COVID-19”, ha affermato Shin Young-jion, professore all’Hanyang University Medical College. Seul.

La Corea del Sud è pronta a collaborare con la Corea del Nord per affrontare l’epidemia, ma Pyongyang non ha risposto ad alcuna concessione offerta, inclusa la precedente proposta di Seoul di fornire vaccini governativi, ha affermato un altro funzionario del ministero della Coalizione.

La provincia meridionale di Hwanghae, dove si trova Haeju, è la principale regione agricola della Corea del Nord, sollevando preoccupazioni per il potenziale impatto della già grave carenza di cibo del paese.

Eom Joong-sik, epidemiologo del Gill Medical Center dell’Università di Kachon, ha affermato che è importante disinfettare le fonti d’acqua, sebbene il potenziale di trasmissione attraverso le colture sia basso.

Il numero di pazienti affetti da influenza di Pyongyang viene riportato quotidianamente senza menzionare i pazienti del governo, apparentemente a causa della mancanza di apparecchiature per i test. Gli esperti sospettano che ci siano meno segnalazioni di dati rilasciati dai media controllati dal governo.

Giovedì altre 26.010 persone hanno registrato sintomi influenzali in Corea del Nord, portando il numero totale di pazienti influenzali a livello nazionale a chiudere a 4,56 milioni dalla fine di aprile. Il bilancio delle vittime dell’esplosione è stato di 73.

Il Nord ha affermato che l’ondata del governo stava mostrando segni di rallentamento, ma l’Organizzazione mondiale della sanità ha sollevato sospetti a Pyongyang all’inizio di questo mese che ritenesse che la situazione si stesse deteriorando. leggi di più

Rapporto di Soo-hyang Choi e Hyonhee Shin; Modifica Lincoln Feast.

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.