La Commissione di Processo Antitrust di Google sulle Big Tech: Aggiornamenti in tempo reale

È un argomento legale familiare: un’azienda tecnologica dominante ha abusato del proprio potere di mercato per intimidire gli stakeholder del settore, proteggere il proprio monopolio e soffocare la concorrenza.

Il caso del Dipartimento di Giustizia contro il gigante della ricerca su Internet Google ha vaghi echi di un caso federale fondamentale contro Microsoft un quarto di secolo fa. Come Microsoft, Google è stata accusata di utilizzare il suo schiacciante potere di mercato per escludere ingiustamente i concorrenti dai potenziali clienti.

La causa contro Google fa riferimento alla causa intentata da Microsoft e alle tattiche della società negli anni ’90, quando fu accusata di cercare di alimentare la concorrenza nei primi giorni dei browser web. “Google sta utilizzando lo stesso programma”, dichiara il governo, sfruttando illegalmente la sua forza nella ricerca online come fa Microsoft con il suo sistema operativo per personal computer, Windows.

Allora, se volevi andare online, è probabile che lo facessi con un computer con Windows. Il 90% dei personal computer utilizza il software Windows di Microsoft e Microsoft controlla il software e i servizi che appaiono sugli schermi di quei PC Windows.

Ma Microsoft l’ha definita in un modo diverso durante le dichiarazioni di apertura di martedì.

Il principale avvocato di Google in tribunale, John E. Schmittlin ha cercato di focalizzare l’attenzione del giudice su un altro gigante tecnologico, Microsoft, invece che sui concorrenti più piccoli di Google nel mercato della ricerca, come DuckDuckGo.

Sig. Schmidlin ha detto.

“Microsoft non è riuscita a investire, non è riuscita a innovare”, ha detto, paragonandola a Google.

E Bing, DuckDuckGo e il motore di ricerca di Yahoo non sono gli unici concorrenti di Google, ha affermato Mr. Schmittlin ha sostenuto. Ha nominato Wayfair, Walmart, Amazon e Overstock per lo shopping, TripAdvisor, Booking.com, Hotels.com ed Expedia per i viaggi e Doordash, Grubhub, UberEats e Yelp per la consegna di cibo.

READ  L'encoder AV1 di Intel batte Nvidia e AMD

Sebbene la teoria legale avanzata dal Dipartimento di Giustizia contro Google rispecchi quella utilizzata nel caso Microsoft, appartiene a un’epoca diversa. Quando iniziò l’esperimento di Microsoft, si era all’apice dell’estasi di Internet. L’e-commerce stava appena decollando e ogni settore voleva saltare sul carro digitale. Il primo BlackBerry, essenzialmente un dispositivo di posta elettronica, è stato introdotto nel 1999. È stato solo nel 2007 che l’iPhone ha lanciato l’era degli smartphone.

Il caso di Microsoft alla fine si è concluso con un accordo. Il conseguente decreto di consenso vietava alla società di imporre accordi restrittivi, consentiva ai produttori di PC di installare e utilizzare software di altre società e costringeva Microsoft a divulgare ulteriori informazioni tecniche.

Uno dei principali utilizzatori di un ambiente più aperto è una startup di ricerca su Internet chiamata Google, con una nuova tecnologia e quindi un nuovo modello di business. È stato installato nel settembre 1998, un mese prima che Microsoft iniziasse i test.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *