Il voto del Senato sulla legge sui confini fallisce ancora una volta mentre i democratici cercano di scaricare la colpa sul GOP

Washington – Giovedì il Senato non è riuscito ad avanzare per la seconda volta Operazione bilaterale di sicurezza delle frontiere I repubblicani lo hanno bloccato per la prima volta all’inizio di quest’anno dopo che l’ex presidente Donald Trump si era espresso contro.

Con un voto di 43 a 50, la misura non è riuscita a raggiungere i 60 voti necessari per avanzare nella Camera alta.

Il risultato era previsto e i democratici stanno cercando di sfruttare l’opposizione repubblicana per influenzare l’opinione pubblica a loro favore poiché i sondaggi mostrano che gli elettori sono critici nei confronti della gestione dell’immigrazione da parte del presidente Biden. La sicurezza delle frontiere è un tema centrale per i repubblicani in vista delle elezioni di novembre.

“La differenza tra democratici e repubblicani è chiara oggi e lo sarà ancora di più a novembre. I democratici vogliono sistemare il confine e fare qualcosa. I repubblicani vogliono tenere discorsi, destabilizzare il confine e non fare nulla per risolvere il problema”, ha affermato il leader della maggioranza al Senato Chuck Lo ha detto giovedì pomeriggio Schumer, democratico di New York.

Schumer ha detto che non c’è “nessuna buona spiegazione” per cui i repubblicani non sosterranno il disegno di legge, “a parte il fatto che Donald Trump dica loro di fare un dietrofront a 180 gradi”.

Il senatore democratico delle Hawaii Brian Schatz ha sostenuto all’inizio della giornata che i repubblicani che hanno votato contro la misura “hanno scelto di mantenere il caos al confine” e “ora la crisi è su di loro”.

Mercoledì, in una conferenza stampa, Schatz ha espresso rabbia nei confronti dei suoi colleghi repubblicani, che in precedenza avevano chiesto ai democratici di “fare sul serio al confine”.

“Alcuni repubblicani che rispetto molto sono stati molto forti con noi, quindi abbiamo ascoltato”, ha detto. “Abbiamo fatto una legge che non mi piace, ma so che è molto difficile fare quel lavoro. Ma hanno abbandonato la nave perché Donald Trump ha detto loro di farlo.”

Legge sui confini

Il leader della maggioranza al Senato Sen. Chuck Schumer parla ai giornalisti al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​21 maggio 2024.

Alex Wong/Getty Images


Dopo mesi di trattative, repubblicani e democratici È stato raggiunto un compromesso A febbraio si sarebbe verificato il primo cambiamento globale nella politica di sicurezza delle frontiere da decenni. Avrebbe dato al presidente poteri di lunga data per frenare gli attraversamenti illegali delle frontiere e inasprire le norme sull’asilo.

I repubblicani insistono da tempo sulla necessità di una mossa per sostenere maggiori aiuti all’Ucraina. Ma Trump ha esortato i suoi alleati a votare contro, e il voto non è riuscito a raggiungere i 60 voti necessari per avanzare al Senato. Il Congresso è stato Approva ulteriori aiuti all’UcrainaCome parte di un più ampio pacchetto di aiuti esteri, sostenuto dal Partito Repubblicano.

I repubblicani sostengono che il presidente ha già l’autorità per fermare il flusso di migranti attraverso il confine tra Stati Uniti e Messico, affermando che l’accordo bipartisan farebbe ben poco per espandere la sua autorità.

“Sfortunatamente, se l’amministrazione non applica ciò che già esiste, non importa quale sia la legge sui libri”, ha detto giovedì in un discorso la senatrice Lindsey Graham, repubblicana della Carolina del Sud.

In una dichiarazione dopo il voto di giovedì, Mr. Biden ha affermato che i repubblicani stanno “mettendo la politica partigiana prima della sicurezza nazionale del nostro Paese”.

“I repubblicani del Congresso non si preoccupano di proteggere il confine o di sistemare il sistema di immigrazione fallito dell’America. Se lo facessero, avrebbero votato per la più dura applicazione delle frontiere della storia”, ha detto. Sistema di liquidazione.”

La leadership repubblicana della Camera all’inizio di questa settimana ha chiamato il disegno di legge “Morto all’arrivo“Nella camera bassa nell’improbabile caso di un’uscita del Senato. Il presidente della Camera Mike Johnson, un repubblicano della Louisiana, ha definito il voto una perdita di tempo e “un tentativo di lanciare un’Ave Maria per l’anno elettorale”.

Il compromesso è stato il senatore repubblicano dell’Oklahoma. Negoziato da James Lankford; Sen. Chris Murphy, un democratico del Connecticut; e il sen. Kirsten Cinema, Arizona Indipendente.

Lankford, uno dei quattro repubblicani che hanno votato a favore del provvedimento a febbraio, questa volta non l’ha sostenuto, definendolo un “sostegno”.

“Quello di oggi è un esercizio di messaggio politico”, ha detto durante il dibattito sul disegno di legge “Non ci aiuta come Paese”.

Ha invitato democratici e repubblicani a continuare a lavorare per trovare una soluzione bipartisan.

Il cinema ha criticato il voto virtuale definendolo un “dramma politico” e “un voto farsa volto a puntare il dito contro l’altro partito”.

“Non usciremo da oggi con una vittoria politica”, ha detto. “Nessuno vincerà, nessuno avrà il sopravvento. Invece, ci diciamo a vicenda, non mollare, non cercare di risolvere grandi problemi. Resta nel tuo angolo di parte.”

Il senatore democratico del Connecticut Richard Blumenthal ha respinto le critiche secondo cui il voto avrebbe dovuto rafforzare i messaggi dei democratici al confine.

“Questo è più di un semplice sondaggio di notizie. Avrà risultati molto specifici sulla sicurezza delle frontiere”, ha detto Blumenthal ai giornalisti mercoledì.

Più tardi nel corso della giornata, in un discorso sul podio, ha detto che i repubblicani hanno rifiutato di sostenere la misura a febbraio perché volevano fare una campagna sulle questioni relative ai confini.

“E ora passiamo ai miei colleghi repubblicani [to] Dicono che la politica è la ragione per cui siamo qui, sì: la loro politica, il loro presunto candidato presidenziale, ne fanno un problema e dicono di non votare per un tornaconto politico,” ha detto.

Ma mentre i democratici cercavano di scaricare la colpa sui repubblicani, hanno perso anche il sostegno all’interno del loro stesso partito. Senatore del New Jersey. Cory Booker ha votato contro. dire Il disegno di legge “include molte disposizioni che violano i valori condivisi degli americani” e “manca di elementi chiave che potrebbero contribuire ulteriormente alla risoluzione dei gravi problemi di immigrazione che affliggono il nostro Paese”.

Alan He e Willie Inman hanno contribuito al reporting.

READ  Classifica del Tour Championship 2022: aggiornamenti in tempo reale, copertura del golf, risultati dei playoff della FedEx Cup di domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *