Il tunisino Ones Japier ha fatto la storia a Wimbledon

WIMBLEDON, Inghilterra — Abbastanza ondate di buon feeling hanno travolto il Centre Court giovedì pomeriggio che sono diventate complicate da estrarre, nessuno con un cuore penserebbe. Improvvisamente, nel web che hanno accumulato c’è un forte abbraccio: l’ultima possibilità di una storia impossibile, l’espansione delle opportunità in nuove parti del mondo, le prestazioni crescenti di una sportiva e di una madre di due figli che crede nelle altre donne. Puoi ottenere un po’ più di buzz da lei.

Ons Jabeur, 27 anni, ha sconfitto la cara amica Tatjana Maria della Germania 6-2, 3-6, 6-1 diventando la prima donna araba e la prima donna africana a raggiungere una finale del Grande Slam. Lei e Maria, 34 anni, hanno condiviso un lungo abbraccio a rete, dopo di che Jabir, evitando la solita chiamata alla ribalta del vincitore solo sul campo, ha portato Maria fuori per mano con lei, provocando una standing ovation dalla folla. Jabir ha elogiato Maria in un’intervista in campo, tra le altre cose, per aver raggiunto la sua prima semifinale del Grande Slam dopo due consegne.

Rafael Nadal si ritira da Wimbledon per un infortunio allo stomaco

Ha illuminato nuovi mondi nel mondo, se Jabir non lo avesse già fatto vincendo un secondo major a Madrid quest’anno e raggiungendo il numero 2 del mondo. Ha contribuito a organizzare una finale delle Nazioni delle Nazioni che sarebbe sembrata spettacolare una generazione fa: Tunisia vs. Kazakistan. Questo perché Jabir giocherà la finale di sabato contro Elina Rybakina, la 23enne russa che ha vinto il titolo kazako nel 2018 e ha dominato la campionessa 2019 Simona Halep nell’altra semifinale 6-3, 6-3.

“Voglio essere grande e ispirare molte più generazioni”, ha detto Zabeer alla sua conferenza stampa. “La Tunisia è collegata al mondo arabo, collegata al continente africano. Area, vogliamo vedere più giocatori. Non è come l’Europa o altri paesi. Voglio vedere più giocatori dal mio paese, dal Medio Oriente, dall’Africa. A un certo punto non crediamo di poterlo fare. Penso. Ora provo a mostrarlo. Spero che le persone si ispirino.

READ  NWS conferma che il 2° tornado è atterrato sabato nell'area di Chicago - NBC Chicago

La Tunisia, una nazione nordafricana di 12 milioni di persone con una ricca storia nel calcio e nelle Olimpiadi, era un focolaio di luce nel mondo del tennis quando Zabeer raccolse una racchetta all’età di 3 anni con l’incoraggiamento di sua madre, Samira, nella sua luogo di nascita di Ksar Hellal. Vicino alla costa mediterranea. All’età di 9 anni, Zabeer si era trasferita con la sua famiglia a Sousse, a un’ora di distanza, e la ragazza disse alla gente che un giorno puntava a vincere gli Open di Francia.

“Tutti ridevano di me”, ha detto giovedì.

A 13 anni si è trasferita nella capitale Tunisi per allenarsi in un’accademia sportiva nazionale ea 16 ha vinto il titolo di singolare junior degli Open di Francia. Entro la fine del 2017 aveva raggiunto la top 100; Entro la fine del 2020, i primi 50; E alla fine del 2021, nella top 10, si unisce a star dello sport come la quattro volte medaglia olimpica Mohammed Kammoudi (atletica leggera maschile), la medaglia d’oro a Londra 2012 Habiba Ghibli (corsa a ostacoli femminile) e la prima di Rio de Janeiro nella storia del suo paese. Per non parlare della medaglia di bronzo 2016 Marwa Amri (Women’s Wrestling) e della squadra di calcio maschile tunisina, che per la sesta volta partecipa ai Mondiali. Zabeer si è unita a un gioco brillante, un’intera cassetta degli attrezzi di scatti (tutti in mostra giovedì) e un’essenza che l’ha resa qualcos’altro: accattivante.

Maria lo ha definito più volte “una persona così grande”, “una persona meravigliosa” e “una persona davvero aperta”, e quando i quarti di finale si sono conclusi martedì, Marie Bouskova della Repubblica Ceca ha accolto Jabir a braccia spalancate. Prima dell’abbraccio. “È il numero due al mondo”, ha detto Maria, “ed è ancora la stessa persona che era anni fa”.

READ  Guerrieri contro.. Punteggio Mavericks, takeaway: Golden State ha battuto facilmente Dallas per superare uno svantaggio di 19 punti

Nel suo paese ha un soprannome: “Ministro della felicità”.

Il divieto di Wimbledon e il coronavirus hanno aperto le porte a volti nuovi

“Sì, voglio dire, è bello che mi chiamino così”, ha detto giovedì. “È davvero incredibile. Forse stanno pensando al Ministro della Felicità perché è divertente [an] Un vero ministro mi chiama: “Salve, ministro”. È divertente. I tempi sono duri a volte in Tunisia. Guardando le mie partite, dicono sempre che lo sport unisce le persone. Sono felice che mi seguano. Mi motivano a fare meglio. Spero di riuscire a tenerlo [minister] Titolo per sempre.”

Nella sua prima semifinale del Grande Slam dopo due quarti di finale precedenti, è sembrato quasi triste vederla affrontare la 103esima testa di serie Maria, che considera Jabur “una parte della famiglia”. Quindi, quando hanno finito, dopo che Zabiur ha giocato il miglior terzo set in grado di evocare una mente forte – 10 vincitori, tre errori non forzati – si sono abbracciati e hanno detto: “Sono così felice per te”, ha detto Maria. Hanno avuto il loro momento insieme piuttosto che separati, e Maria ha salutato con la mano tra applausi di apprezzamento.

“Ora deve prepararmi un barbecue”, ha detto rapidamente Zabiur alla folla, “per compensare tutta la corsa”. Inoltre: “Mi piacerebbe vedere Tatjana così in campo, non più giocare”. E, con un applauso travolgente: “Sono orgoglioso di essere un tunisino qui presente oggi. So che stanno impazzendo in Tunisia in questo momento.

E poi l’amicizia e l’atleta sono continuate, perché Zabir parla di Maria: “Se non avessi visto i suoi due figli, avrei detto che non ha mai avuto figli. È incredibile come si muova in campo. Ispira molte donne.

READ  Uvalde ha chiesto a un agente il permesso di sparare all'uomo armato prima che entrasse nella scuola, ma non è tornato indietro nel tempo, secondo il rapporto.

“Sì, spero di poter mandare questo messaggio”, ha detto Maria, “ho due figli, sono su questo palco. Penso che tutto sia possibile. Ho 34 anni, con due figli gioco in semifinale. per la prima volta a Wimbledon… Anche con la famiglia, fai carriera e puoi andare avanti.

Poi, tornando al punto del vincitore: “Voglio dire, è una tale fonte di ispirazione, sì, per così tante donne su questo pianeta”.

Lei, Jabir, ha superato il suo ascendente originario con un ulteriore ascendente. Qui parla del suo mental coach, della meditazione e di come migliorare la respirazione. “Parlo molto delle emozioni, è bello uscire da tutto lo stress”, ha detto. “È molto importante.” Giovedì ha parlato degli eroi dell’infanzia Kim Clijsters, Serena Williams, Venus Williams e Andy Roddick, nonché del recente mentore Billie Jean King.

“Mi diceva sempre ‘una palla alla volta’ e si concentrava su quello”, ha detto Japier, “e la ricordo sempre durante una partita se sono indietro nel punteggio o qualcosa del genere”.

Tuttavia fino al precedente Wimbledon, quando ha raggiunto i quarti di finale dopo aver sconfitto Venus Williams, Carbine Muguruza e Ika Sviatek, non è stata all’altezza del suo sogno di Wimbledon. (L’Open di Francia, si sa.) Poi giovedì ha preso un set decisivo in semifinale e ha ruggito per 5-0 in una sola partita. Quindi si siede e si asciuga il viso e si aggiusta il velo come dice l’arbitro della sedia, come è consuetudine dopo averlo cambiato in “Time”.

È uscita e, dopo due partite, avrebbe potuto significare tempo per nuove parti del mondo – o tempo per un altro attaccante come King.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.