Il Texas temporeggia sulla nuova dura legge sull’immigrazione

  • Di Bernd Debussmann Jr
  • Notizie della BBC, Washington

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine,

L’SB4 conferirebbe agli agenti di polizia del Texas maggiori poteri per arrestare gli immigrati

Una corte d’appello ha annullato una legge sull’immigrazione del Texas che è una delle più dure ed è osservata da vicino in tutti gli Stati Uniti.

La legge consentirebbe alle autorità del Texas di detenere e perseguire chiunque ritengano sia entrato illegalmente nel paese in violazione dei poteri federali.

La legge è entrata in vigore martedì dopo alcune ore di avanti e indietro tra i tribunali.

La Corte d’Appello degli Stati Uniti ha esaminato le argomentazioni del caso mercoledì mattina.

Il collegio di tre giudici era diviso sulla questione se la legge potesse rimanere in vigore mentre la sua costituzionalità veniva contestata in tribunale.

Mercoledì non si sono pronunciati sul caso e non è chiaro quando lo faranno.

Se sceglieranno di attuare la legge, il Dipartimento di Giustizia ha chiesto alla Corte Suprema di ritardarne la data di entrata in vigore per dargli il tempo di intraprendere azioni urgenti.

La legge SB4 in Texas sarebbe dovuta entrare in vigore il 5 marzo, ma l’amministrazione del presidente Joe Biden l’ha contestata sulla base del fatto che la detenzione degli immigrati dovrebbe essere nelle sue mani.

Gli arrivi di immigrati al confine meridionale degli Stati Uniti sono aumentati vertiginosamente durante la sua amministrazione, una delle maggiori preoccupazioni tra gli elettori statunitensi in vista delle elezioni presidenziali di novembre.

Ciò ha portato il Texas a intraprendere azioni più forti lungo il confine con il Messico e, se i tribunali confermassero la sua nuova legge, altri stati degli Stati Uniti potrebbero seguire l’esempio.

Titolo del video,

GUARDA: “Non è facile” – Gli immigrati al confine degli Stati Uniti reagiscono alla dura legge del Texas

Il Messico ha criticato la nuova legge definendola anti-immigrazione e ha affermato che non accetterà nessuno estradato dalle autorità del Texas.

Mercoledì il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha definito la legge “crudele” e disumana.

La decisione di congelare la legge è l’ultima di una serie di sentenze giudiziarie che ne determineranno il destino.

Se tornasse in vigore, segnerebbe un cambiamento significativo nel modo in cui viene gestita l’applicazione delle leggi sull’immigrazione, poiché i tribunali in precedenza avevano stabilito che solo il governo federale poteva far rispettare le leggi sull’immigrazione della nazione, non i singoli stati degli Stati Uniti.

Attraversare illegalmente il confine degli Stati Uniti è già un crimine federale, ma le violazioni vengono generalmente trattate come cause civili dal sistema giudiziario dell’immigrazione.

Secondo SB4, chiunque entri o rientri illegalmente in Texas rischia fino a 20 anni di prigione.

Non è chiaro se qualche immigrato sia stato arrestato mentre la legge era in vigore.

La sentenza è l’ultima di una serie di sentenze del tribunale sulla possibilità di continuare o meno l’SB4.

A gennaio, l’amministrazione Biden ha citato in giudizio lo stato del Texas e il mese successivo un tribunale distrettuale ha stabilito che l’SB4 era illegale.

La sua entrata in vigore è stata bloccata a causa delle preoccupazioni che avrebbe portato ogni stato degli Stati Uniti ad avere le proprie leggi sull’immigrazione.

Poco dopo, la Corte d’Appello del Quinto Circuito degli Stati Uniti con sede a New Orleans – la corte d’appello federale responsabile dell’area – ha affermato che la legge, che sta valutando un ricorso, potrebbe entrare in vigore a meno che non intervenga la Corte Suprema.

L’amministrazione Biden ha presentato una mozione d’urgenza alla Corte Suprema per confermare il congelamento del tribunale distrettuale mentre il caso è pendente.

Nel frattempo, il giudice della Corte Suprema Samuel Alito ha concesso ai tribunali il tempo di decidere come procedere con la legge.

Martedì scorso, la Corte Suprema ha autorizzato l’entrata in vigore della misura, mentre una corte d’appello federale di grado inferiore si è pronunciata sulla sua legalità.

Martedì sera, con una breve ordinanza, un collegio di tre giudici del Quinto Circuito ha votato per congelare la sentenza mentre esamina l’appello.

Titolo del video,

Vedi: carri allegorici di frontiera e immigrati filmati sul fiume Rio Grande

Storicamente, il governo federale ha creato leggi e regolamenti relativi all’immigrazione, anche se la Costituzione degli Stati Uniti non ha concesso espressamente tali poteri.

È il governo centrale che negozia trattati e accordi con altri paesi.

I repubblicani sono spesso critici nei confronti della gestione del confine tra Stati Uniti e Messico da parte del presidente democratico Biden, che secondo i sondaggi è una delle principali preoccupazioni per gli elettori in vista delle elezioni di novembre alla Casa Bianca.

Un sondaggio Gallup pubblicato a febbraio ha rilevato che quasi un terzo degli americani ritiene che l’immigrazione sia il problema più grande che il Paese deve affrontare, prima del governo, dell’economia e dell’inflazione.

READ  Azioni Donald Trump: Trump Media segnala grandi perdite, ricavi bassi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *