Il solstizio d’inverno cade di giovedì, portando con sé il giorno più corto dell’anno

Giovedì viriamo verso giornate più lunghe e meno soleggiate. Il 21 dicembre è il solstizio d’inverno, il giorno più corto e la notte più lunga dell’anno nell’emisfero settentrionale della Terra. Venerdì ricominceremo ad avere qualche secondo di luce diurna.

Quando è il solstizio d’inverno?

Il solstizio d’inverno del 2023 cade il 21 dicembre alle 22:27, ora di New York. L’ora e la data esatte del solstizio cambiano leggermente ogni anno. Cade principalmente il 21 dicembre e talvolta si verifica il 22 dicembre.

In rari casi, il solstizio può verificarsi già il 20 dicembre o addirittura il 23 dicembre. Secondo timeanddate.com. Per evitare confusione tra i diversi fusi orari, l’orario ufficiale del solstizio si basa sul Tempo Coordinato Universale (UTC), che è cinque ore avanti rispetto all’orario di New York. Secondo questo standard, l’ultima volta che un 23 dicembre si è verificato un secolo fa – nel 1903 – non si sarebbe ripetuto fino al 2303. Il solstizio, che inizia il 20 dicembre, avverrà già nel 2080.

Cosa significa solstizio d’inverno?

Il solstizio di dicembre segna l’inizio dell’inverno astronomico nell’emisfero settentrionale. Durante il solstizio appare il sole di mezzogiorno Fatto direttamente Il Tropico del Capricorno è una linea di latitudine 23,5 gradi a sud dell’equatore terrestre. È il punto meridionale dove il sole è direttamente visibile (90 gradi sopra l’orizzonte).

Nell’emisfero settentrionale vediamo il Sole prenderlo Percorso basso e breve Attraverso il cielo del sud. Un angolo del sole basso significa che proietterai l’ombra pomeridiana più lunga dell’anno nel solstizio d’inverno, presupponendo che il cielo sia sereno.

READ  La foto di Kate è stata ritirata da cinque organi di stampa a causa delle preoccupazioni di "manipolazione".

La parola “luna” deriva dalla parola latina solstitium, che significa “sole fermo”. Al solstizio di dicembre, il movimento quotidiano del sole verso sud attraverso il cielo sembra essersi fermato, e il sole sorge e tramonta nei punti più meridionali dell’orizzonte. Dopo il solstizio, la posizione dell’alba e del tramonto si sposta nuovamente verso nord e lentamente iniziamo a guadagnare luce diurna.

Perché abbiamo un solstizio?

I solstizi e le stagioni si verificano perché la Terra non ruota completamente attorno al Sole. Al contrario, l’asse terrestre è inclinato di circa 23,5 gradi rispetto alla verticale, facendo sì che ciascun emisfero riceva quantità diverse di luce solare durante tutto l’anno.

A dicembre, l’emisfero settentrionale si inclina in direzione opposta al Sole, portandoci meno luce solare diretta e un clima più fresco. Nel frattempo, nell’emisfero australe, il 21 dicembre è il primo giorno dell’estate astronomica e il giorno più lungo dell’anno. Gli equinozi, tra i solstizi d’inverno e quelli d’estate, fanno sì che la durata del giorno e della notte siano quasi uguali ovunque sulla Terra.

Sebbene il solstizio d’inverno venga spesso definito il “primo giorno d’inverno”, esistono diversi modi per definire la data di inizio e di fine della stagione. Il 21 dicembre è il primo giorno dell’inverno astronomico nell’emisfero settentrionale, che dura fino all’equinozio di primavera di marzo. Tuttavia, il clima invernale corrisponde ai tre mesi più freddi dell’anno solare e dura dal 1 dicembre alla fine di febbraio.

L’inverno solare, definito come i tre mesi più bui dell’anno, inizia all’inizio di novembre e dura fino all’inizio di febbraio. Molte culture antiche consideravano il solstizio d’inverno come “mezzo inverno” perché cade a metà del trimestre oscuro dell’anno.


READ  L'Inghilterra ha sconfitto la Colombia 2-1 e ha raggiunto le semifinali della Coppa del Mondo femminile

Tre modi per definire una stagione

Nell’emisfero settentrionale

Luce del sole

In termini di lunghezza

Giorno* all’anno

Astronomia

In base alla posizione di

Terra associata al Sole*

Meteorologia

In base al calendario e alla media

Temperatura annuale

*Le date esatte possono variare leggermente di anno in anno.

Nick Mourtoubalas/Washington Post

Tre modi per definire una stagione

Nell’emisfero settentrionale

Luce del sole

In termini di lunghezza

Giorno* all’anno

Astronomia

In base alla posizione di

Terra associata al Sole*

Meteorologia

In base al calendario e alla media

Temperatura annuale

*Le date esatte possono variare leggermente di anno in anno.

Nick Mourtoubalas/Washington Post

Qual è il giorno più corto dell’anno?

IL Giornata breve Il periodo dell’anno nell’emisfero settentrionale è sempre il solstizio d’inverno. Tuttavia, il tramonto precedente e l’ultima alba dell’anno non si verificano nello stesso giorno. DC vede 9 ore e 26 minuti di luce diurna il 21 dicembre (alba alle 7:23 e tramonto alle 16:49). Tuttavia, il primo tramonto è alle 16:45 il 7 dicembre e l’ultima alba è alle 07:27 il 5 gennaio.

Date esatte del primo tramonto e dell’ultima alba Dipende dalla latitudine. Nei 48 inferiori, l’ultimo tramonto e l’ultima alba si verificano rispettivamente due settimane prima e dopo il solstizio. Vicino al Circolo Polare Artico, il primo tramonto e l’ultima alba si verificano intorno al 21 dicembre.

Quando si allungheranno le giornate?

Come un pendolo che oscilla, la luce del giorno comincia ad aumentare una volta superato il solstizio, anche se all’inizio potresti non notarlo. La DC perde meno di un secondo di luce diurna il 22 dicembre, ma guadagna quattro secondi di luce il 23 dicembre. Secondo timeanddate.com. All’inizio di gennaio, la luce del giorno aumenta di oltre 30 secondi al giorno.

READ  La Corea del Sud afferma che la Corea del Nord ha testato missili balistici intercontinentali e due missili

Le città a latitudini più elevate vicino al Polo Nord iniziano a ricevere la luce solare più rapidamente. In AncoraNella prima settimana di gennaio la luce del giorno inizia ad aumentare fino a superare i due minuti al giorno.

Come si festeggia il solstizio d’inverno?

Esseri umani Attraverso la storia Celebravano i solstizi con rituali come falò e danze cerimoniali per scandire il passare delle stagioni. Gli antichi romani tenevano una festa pagana di una settimana SaturnoDedicato al dio del tempo e dell’agricoltura, celebra il ritorno della luce solare il 17 dicembre.

La connessione moderna tra Natale e “Yule” deriva dalla parola vernacolare jal, Una festa precristiana del solstizio d’inverno che si tiene in Scandinavia. Secondo timeanddate.com, si ritiene che l’usanza di accendere il ceppo di Natale a Natale abbia avuto origine nei falò associati alla festa di Joule.

Molti monumenti e punti di riferimento preistorici in tutto il mondo furono costruiti per rappresentare il percorso mutevole del sole nel cielo. Costruito oltre 5.000 anni fa nell’Inghilterra moderna, Stonehenge è forse il più famoso di questi monumenti preistorici. Alcuni storici affermano che una volta esisteva un grande cerchio di pietre isolate Calendario solare Utilizzato per tenere traccia delle stagioni. Oggi, migliaia di persone si riuniscono ogni anno a Stonehenge per celebrare i solstizi, gli equinozi e il cambio delle stagioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *