Il processo penale di Trump a New York per il silenzio dovrebbe iniziare a marzo

NEW YORK – La selezione della giuria nel processo contro Donald Trump inizierà il 25 marzo, ha detto giovedì un giudice, fissando una data storica per quello che sarebbe il primo processo penale contro un ex presidente, che guida anche i candidati repubblicani per le nomination del 2024. Casa Bianca.

Trump ha assistito dal tavolo della difesa presso il tribunale penale di Manhattan mentre il giudice della Corte Suprema di New York Juan Mercant ha dichiarato che avrebbe continuato il processo sulle accuse secondo cui Trump avrebbe falsificato i documenti aziendali per mantenere segrete le sue passate relazioni sessuali durante la campagna politica del 2016. Star del cinema per adulti. Il giudice ha detto che si aspettava che il processo durasse circa sei settimane.

Il 15 febbraio, l’ex presidente Donald Trump è comparso in un’aula di tribunale di Manhattan per un’udienza che determinerà se il suo primo processo penale avrà inizio a marzo. (Video: Washington Post)

L’avvocato difensore Todd Blanch si è opposto, affermando che era necessario più tempo per preparare la squadra di difesa e che un processo avrebbe irragionevolmente interferito con il tentativo dell’ex presidente di tornare alla Casa Bianca. Ha anche osservato che Trump sarà processato in Florida alla fine di maggio con l’accusa di possesso illegale di documenti classificati e di ostacolo agli sforzi del governo per recuperarli. Tuttavia, in quel caso il giudice ha indicato che i pubblici ministeri potrebbero ritardare il procedimento per concedere più tempo per esaminare le testimonianze altamente riservate.

“In ciascuna di queste prove abbiamo dovuto affrontare tempi molto compressi e accelerati”, ha detto Blanche.

In risposta, Merchan Blanche – che rappresenta Trump in diverse cause legali – ha affermato di “aver proceduto a proprio rischio e pericolo” assumendosi i casi e le relative richieste di lavoro.

Quando Blanche provò a discutere ulteriormente, Merson scattò: “Per favore, smettila di interrompere. … Ho provato a lavorare con te.

La discussione in aula si è rapidamente spostata sulla selezione della giuria, comprese le domande da porre ai potenziali giurati per assicurarsi di poter giudicare equamente in un processo che non ha precedenti storici e in cui l’imputato è una figura pubblica profondamente polarizzante.

READ  Un morto dopo l'incidente aereo all'Orlando Executive Airport

Iscriviti a The Trump Trials, la nostra newsletter settimanale via email sui quattro casi penali di Donald Trump

Un caso federale separato contro Trump per presunta cospirazione per influenzare i risultati delle elezioni del 2020 probabilmente passerà in secondo piano rispetto al processo di New York. Ma quelle accuse, presentate a Washington, sono rimaste bloccate per mesi in una battaglia d’appello sulle richieste di immunità presidenziale di Trump. Anche se una corte d’appello si pronunciasse all’unanimità contro di lui, Trump potrebbe comunque tentare di presentare tale argomentazione alla Corte Suprema degli Stati Uniti, che potrebbe ritardare l’udienza per settimane o mesi.

All’udienza di giovedì, il giudice del processo DC, il giudice distrettuale statunitense Tanya S. Merson ha detto che si stava consultando con Sutkan e dopo essersi consultato con lui, “andremo avanti con l’arbitrato il 25 marzo”.

Le accuse nel caso dei documenti aziendali di New York sostengono che Trump abbia classificato erroneamente i rimborsi al suo ex avvocato e perito Michael Cohen. Cohen ha pagato l’attrice di film per adulti Stormy Daniels $ 130.000 durante la campagna presidenziale del 2016, tacendo su un presunto incontro sessuale con Trump anni prima. (Cohen si è dichiarato colpevole del caso e ha scontato 15 mesi di prigione, compresi gli arresti domiciliari.)

Il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg ha accusato Trump di ripagare Cohen con quelle che ha descritto come spese legali, ma in realtà si trattava di una spesa elettorale per evitare di contaminare la candidatura presidenziale di Trump con accuse schiaccianti.

Trump deve affrontare 34 capi di imputazione per documenti aziendali falsi, un reato a New York, tra cui “aver commesso un altro reato o favoreggiamento o favoreggiamento in un reato”. Nell’annunciare le accuse, Bragg ha affermato che l’obiettivo del piano di Trump è quello di coprire le violazioni della legge elettorale di New York, che rende un crimine cospirare per promuovere illegalmente un candidato. Bragg ha anche affermato che il pagamento di 130.000 dollari ha superato i limiti di contributo alla campagna federale.

Trump si è dichiarato non colpevole e ha lamentato che le accuse – e le altre tre che deve affrontare – sono tentativi politicamente motivati ​​per far fallire la sua candidatura alla Casa Bianca. Oltre alle accuse a New York, Florida e Washington, deve affrontare le accuse statali di aver cospirato con altri per interferire con il voto del 2020 in Georgia.

READ  Mega "GTA 6" League ha invaso Internet con filmati e schermate di gioco

L’ex presidente ha negato ogni addebito.

È stato attento ma silenzioso nell’aula del tribunale di New York durante l’udienza, iniziata poco dopo le 9.30 e conclusasi poco dopo le 11, seduto al tavolo della difesa, dove l’ex presidente parlava spesso brevemente e sussurrava agli avvocati accanto a lui . e occasionalmente con Blanche. Ma non ha parlato né interrotto e ha mantenuto una presenza molto combattiva durante un processo civile a New York il mese scorso.

Parlando con i giornalisti fuori dall’aula dopo l’udienza, Trump ha detto che avrebbe trascorso la serata a fare una campagna per adeguarsi al programma del suo processo penale, che durerà fino a maggio. Ha definito l’indagine “una situazione molto ingiusta”.

“Vogliono tenermi gentile e impegnato, quindi non posso fare una campagna dura, ma non dobbiamo fare una campagna dura perché l’altra parte è incompetente”, ha detto Trump. «Rimarrò qui per mesi per un’indagine. Penso che sia ridicolo, è ingiusto.

Trump ha un ampio vantaggio tra i candidati repubblicani per la nomina presidenziale repubblicana, e una condanna non gli impedirebbe di candidarsi o ricoprire una carica. Trump ha risultati potenziali diversi in ciascun caso.

Ad esempio, una condanna in un caso di New York può o meno comportare una pena detentiva. Ma anche se Trump venisse eletto, resta la convinzione che, poiché si tratta di un caso statale, non federale, non possa essere respinto o ribaltato.

Nel processo di giovedì mattina, ai potenziali giurati potrebbe essere chiesto se sono membri di un gruppo politico marginale come i Proud Boys, Oath Keepers o Antifa, hanno detto i partiti. Sebbene tutti i candidati provengano da Manhattan, dove vivono senza auto o prato davanti alla casa, i potenziali giurati vogliono chiedere se qualcuno di loro ha adesivi politici sulle loro auto.

Un’altra domanda è se hanno letto i libri di Cohen, un testimone chiave del caso, o dell’ex procuratore Mark Pomeranz, che ha scritto del tempo trascorso indagando su Trump per l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan. Il libro di Pomerantz è stato uno dei principali argomenti di controversia dopo che Bragg ha deciso di non avviare un procedimento penale contro la Trump Organization per presunte pratiche commerciali fraudolente. In risposta, Pomerantz e un altro avvocato senior si sono dimessi.

READ  Fonti - Jim Harbaugh accetta il lavoro di capo allenatore dei Chargers

I pubblici ministeri e la squadra di difesa di Trump non sono d’accordo su quanto esercitare pressioni sui potenziali giurati sulle donazioni politiche passate. Una domanda proposta alla giuria – se avessero mai contribuito a una campagna o a un gruppo di azione politica – era troppo ampia, ha sostenuto a Merson l’avvocato Joshua Steinglass.

Blanch ha affermato che, data la natura delle accuse contro Trump – ovvero se siano stati effettuati pagamenti per nascondere le spese elettorali che coinvolgono candidati presidenziali passati e attuali – la questione dello screening dei giurati non può essere ignorata. Blanch ha anche affermato che la corte non può sfuggire al fatto che qualcuno che ha donato soldi a favore o contro Trump nel 2016, 2020 o 2024 potrebbe essere ingiustamente parziale.

L’uomo d’affari ha espresso la preoccupazione che tali domande possano andare troppo oltre.

“Se attacchi tutti nel Partito Democratico o nel Partito Repubblicano, ne uscirai”, ha detto.

Con il processo terminato, Blanche ha cercato ancora una volta di convincere Merson a cambiare idea sul processo alla fine di marzo. “Ci opponiamo fermamente a ciò che sta accadendo in quest’aula di tribunale”, ha detto.

“Il presidente Trump lavorerà a questo processo per i prossimi due mesi invece di proseguire la campagna elettorale”, ha continuato Blanch, aggiungendo: “È qualcosa che non dovrebbe accadere in questo paese”.

Merson, che aveva perso la pazienza con Blanche durante il processo, lo esortò ad arrivare al dunque.

“Qual è la tua argomentazione legale?” chiese il giudice.

“Questa è la mia argomentazione legale”, ha insistito Blanche.

“Non è un argomento legale”, ha concluso il giudice.

Quando Blanche se ne andò, qualcuno in fondo alla stanza applaudì. Non è chiaro se gli applausi siano in risposta ai commenti di Blanche o ad altro.

“Pace tra gli spettatori!” Lo ha detto un funzionario del tribunale.

Questa storia in via di sviluppo è stata aggiornata.

Marianne Levine a Washington ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *