Il presidente del Messico attacca i critici dopo l’uragano mortale

ACAPULCO, Messico, 28 ottobre (Reuters) – È salito a 39 il bilancio delle vittime di un devastante tifone questa settimana nella località balneare messicana di Acapulco, con il presidente Andres Manuel Lopez Obrador che accusa i suoi oppositori di aver esagerato il bilancio. del disastro.

Mercoledì l’uragano Otis ha colpito Acapulco con venti a 266 chilometri orari, allagando la città, strappando tetti di case, negozi e alberghi, sommergendo veicoli e interrompendo le comunicazioni e i collegamenti stradali e aerei.

Il governo, che in precedenza aveva segnalato 27 morti e quattro dispersi, ha finora rilasciato poche informazioni sui morti e sui feriti. I saccheggi continuano e i residenti dei quartieri più colpiti faticano a trovare cibo e acqua, accusando il governo di non fornire aiuti sufficienti.

Sabato Lopez Obrador ha pubblicato un video di 24 minuti sui social media. Ha dedicato gran parte del suo intervento ad attaccare i critici che ha accusato di cercare di sfruttare la situazione in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno.

“Stanno volteggiando come avvoltoi, non si preoccupano del dolore delle persone, vogliono farci del male perché ci sono stati molti morti”, ha detto.

López Obrador, 69 anni, ha detto che il numero è stato esagerato dai media che cercavano di diffamare il suo governo, ma che il ministro della Difesa Rosa Isela Rodriguez “non ha mentito” e ha fornito un aggiornamento sulle vittime.

“Lasciate che ci dica… quante persone hanno effettivamente perso la vita finora”, ha detto, aggiungendo che la sua amministrazione sta facendo “qualcosa che nessun governo ha mai fatto” per affrontare le conseguenze.

READ  Aggiornamenti in tempo reale dell'Ucraina: ponte danneggiato dall'occupazione russa della Crimea

Rodriguez ha detto che si ritiene che le vittime siano annegate a causa della tempesta di categoria 5 e che altre 10 risultano disperse.

Sabato pomeriggio, le squadre di soccorso su due gommoni rossi hanno cercato gli annegati nella baia di Acapulco. Tre corpi sono tornati a riva avvolti in sacchi neri.

Gli investigatori hanno scartato brevemente le borse per fotografare le vittime.

Alcuni funzionari hanno espresso in privato preoccupazione per il fatto che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare. Il governo ha detto che i morti sono 29 uomini e 10 donne, citando dati provenienti dallo stato natale di Acapulco, Guerrero.

Sono state colpite più di 220.000 case e l’80% del settore alberghiero e più di 513.000 persone hanno perso la corrente elettrica.

Nel quartiere di Renacimiento, i residenti attraversavano strade inondate da acqua marrone scuro profonda fino alle caviglie e lamentavano la mancanza di aiuto.

“Il governo non ci ha dato alcun aiuto, nemmeno speranza”, ha detto Apolonio Maldonado, sollevando le gambe fuori dall’acqua per mostrare profondi tagli rossi sulle mascelle. “Non hanno lasciato cibo, materassi e nemmeno un letto.”

E camminando lungo una strada allagata, Martha Villanueva si coprì la bocca con la mano e gridò: “Abbiamo bisogno di aiuto. Abbiamo perso tutto nell’acqua”.

Il costo della devastazione lasciata da Otis fu stimato in miliardi di dollari e più di 8.000 membri delle forze armate furono inviati per recuperare il porto colpito.

Funzionari messicani hanno affermato che Otis è stata la tempesta più potente che ha colpito la costa del Pacifico del Messico. Ha sorpreso i meteorologi, raccogliendo forza a una velocità inaspettata prima di toccare terra, superando le previsioni iniziali.

READ  Un attacco iraniano a Israele potrebbe essere dannoso per la guerra della Russia in Ucraina

Dichiarazione di Acapulco di Josue Decavele, Quetzalli Nicte-Ha, Jose Cortes; Di Dina Beth Salomon a Città del Messico Montaggio di Dave Graham, Diane Croft, David Gregorio e Raju Gopalakrishnan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *