Il partito del leader sostenuto dalla Cina Mohamed Muisu ottiene una vittoria schiacciante nei sondaggi parlamentari delle Maldive

Mohamed Muisu e i suoi alleati avevano solo otto seggi nel parlamento uscente

Maschio:

Il partito del presidente delle Maldive Mohamed Muizu ha ottenuto il controllo del parlamento in un’elezione schiacciante domenica, con gli elettori che sostengono la sua inclinazione verso la Cina e lontano dalla potenza regionale e dall’India tradizionale.

Il Congresso nazionale popolare (PNC) di Muisu ha vinto 66 dei primi 86 seggi dichiarati, più che sufficienti per una super maggioranza nel Majlis, o parlamento, già composto da 93 membri, secondo i risultati della Commissione elettorale delle Maldive.

Il voto è stato visto come un test importante per il piano di Muizhu di portare avanti una più stretta cooperazione economica con la Cina, compresa la costruzione di migliaia di appartamenti su terreni controversi bonificati.

Il PNC e i suoi alleati avevano solo otto seggi nel parlamento uscente, bloccato dalla mancanza di maggioranza dopo la vittoria di Muisu alle elezioni presidenziali di settembre.

Il principale partito d’opposizione, il Partito Democratico Maldiviano (MDP), che in precedenza aveva detenuto la maggioranza assoluta, era diretto verso un’umiliante sconfitta con solo una dozzina di seggi.

Muizu, 45 anni, è stato uno dei primi a votare domenica, in una scuola della capitale Male – dove era in precedenza sindaco – e ha esortato i maldiviani a partecipare in gran numero.

“Tutti i cittadini dovrebbero uscire allo scoperto ed esercitare il proprio diritto di voto il prima possibile”, ha detto Muisu ai giornalisti.

READ  PGA Tour regola i golfisti, che hanno deciso di tornare nell'organizzazione per giocare a golf LIV

Le Maldive, un paese basso composto da circa 1.192 piccole isole coralline sparse per circa 800 chilometri (500 miglia) attraverso l’equatore, è uno dei paesi più vulnerabili all’innalzamento del livello del mare causato dal riscaldamento globale.

Muizu, ex ministro dell’edilizia, ha promesso di arginare la marea con un’ambiziosa bonifica dei terreni e la costruzione di grattacieli di isole, una politica che secondo gli ambientalisti potrebbe aumentare i rischi di inondazioni.

Le Maldive sono conosciute come una delle migliori destinazioni per vacanze di lusso, grazie alle sue spiagge bianche incontaminate e ai resort appartati.

Ma negli ultimi anni è diventato un punto caldo geopolitico nell’Oceano Indiano, dove le rotte marittime globali est-ovest attraversano l’arcipelago.

Muizu ha vinto le elezioni presidenziali dello scorso settembre come procuratore dell’ex presidente filo-cinese Abdullah Yameen, che è stato assolto la scorsa settimana da una pena detentiva di 11 anni con l’accusa di corruzione.

Questo mese, con la campagna elettorale per le elezioni parlamentari in pieno svolgimento, Muizu ha assegnato contratti infrastrutturali di alto profilo a imprese statali cinesi.

La sua amministrazione è in procinto di rimandare a casa una guarnigione di 89 soldati indiani che pilotano aerei spia donati da Nuova Delhi per pattugliare i vasti confini marittimi delle Maldive.

Il parlamento uscente, dominato dal MDP filo-indiano dell’immediato predecessore di Muisu, Ibrahim Mohamed Solli, ha cercato di far deragliare i suoi sforzi per riformare la diplomazia maldiviana.

Da quando Muizu è salito al potere, i legislatori hanno bloccato tre dei suoi candidati al gabinetto e respinto alcuni dei suoi piani di spesa.

“La geopolitica è molto sullo sfondo mentre i partiti fanno campagna per i voti nelle elezioni di domenica”, ha detto all’AFP, a condizione di anonimato, un assistente senior di Muisu.

READ  I fan della serata di apertura del film-concerto "Eras ​​Tour" di Taylor Swift sono entusiasti

“È salito al potere promettendo di rimandare indietro le truppe indiane e sta lavorando su questo obiettivo. Il Parlamento non ha collaborato con lui da quando è salito al potere”.

Chloe è stata tra coloro che hanno votato in anticipo e hanno espresso fiducia nella vittoria del suo partito. Non c’è stata alcuna reazione immediata da parte del suo partito allo scarso risultato nei sondaggi di domenica.

Dopo la chiusura delle urne, 284.663 elettori hanno raggiunto il 73%, ha dichiarato il responsabile delle elezioni Fuad Taubeek.

(A parte il titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *