Il capo della Difesa afferma che Israele non ha alcun piano per Gaza dopo il governo di Hamas: NPR

Il portavoce militare israeliano del contrammiraglio all’apertura di un tunnel vicino al confine con Israele nel nord della Striscia di Gaza il 15 dicembre 2023. Daniel Hagari si alza. L’esercito israeliano ha affermato che si tratta del tunnel più grande mai trovato a Gaza.

Amir Levy/Getty Images


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Amir Levy/Getty Images


Il portavoce militare israeliano del contrammiraglio all’apertura di un tunnel vicino al confine con Israele nel nord della Striscia di Gaza il 15 dicembre 2023. Daniel Hagari si alza. L’esercito israeliano ha affermato che si tratta del tunnel più grande mai trovato a Gaza.

Amir Levy/Getty Images

TEL AVIV, Israele – Mercoledì il ministro della Difesa israeliano Yoav Galand ha accusato la leadership israeliana di ignorare le sue richieste di discutere un cambio di regime di Hamas a Gaza, in mezzo alla crescente frustrazione in Israele per la direzione della guerra tra otto mesi.

“Da ottobre ho costantemente sollevato la questione con il governo e non ho ricevuto risposta”, ha detto Gallant.

Il suo discorso, trasmesso in diretta, è stato la più dura condanna della strategia di guerra di Israele a Gaza da parte del gabinetto di guerra israeliano composto da tre membri. Ha scatenato una tempesta politica che ha minacciato la presa del potere del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Come è iniziata la controversia?

Il portavoce militare israeliano, contrammiraglio, Daniel Hagari, ha detto che il dibattito è scoppiato durante un “compleanno” a Gaza. ha chiesto in una conferenza stampa Le truppe israeliane sono state inviate martedì per riconquistare la Striscia di Gaza, dove Hamas si è ritirato perché privo di opzioni di governo alternative? Hagari ha detto che spingerà affinché il gruppo militante sostituisca Hamas, ma questa è una questione che spetta ai leader politici israeliani.

Poi Netanyahu A Un video diffuso dal suo ufficio Mercoledì ha detto che le discussioni su una strategia del “giorno dopo” sono inutili finché Hamas non viene sconfitto, e che alcuni degli sforzi di Israele per sostituire Hamas sono segreti.

Gallant sembra respingere le affermazioni di Netanyahu, affermando che non c’è stato alcun tentativo di stabilire un’alternativa a Hamas a Gaza. Ha invitato Netanyahu a dichiarare che Israele non stabilirà un governo civile o militare a Gaza per un lungo periodo di tempo.

READ  L'ultima dimora della regina Elisabetta II rivelata nella nuova foto del Castello di Windsor

Un “giorno dopo Hamas” può essere raggiunto solo se le organizzazioni palestinesi prendono il controllo di Gaza e, insieme agli attori internazionali, stabiliscono un regime alternativo a quello di Hamas”, ha affermato Gallant. Lo ha detto nel suo discorso diretto. “Purtroppo la proposta non è stata messa in discussione e, peggio ancora, non è stato sollevato un dibattito alternativo.”

In risposta, molti membri di estrema destra della coalizione di governo di Netanyahu hanno chiesto la sostituzione del ministro della Difesa.

Gallant, un membro del partito aggressivo Likud di Netanyahu, ha sfidato Netanyahu nel marzo dello scorso anno, chiedendo a Netanyahu di abbandonare i piani per indebolire i poteri della magistratura israeliana. Ha affermato che la diffusa opposizione alla riforma giudiziaria tra i civili e tra i ranghi militari mina la sicurezza di Israele. Netanyahu ha licenziato Gallant, scatenando massicce proteste di piazza che hanno portato alla reintegrazione di Netanyahu.

Nadav Eyal è uno scrittore senior del quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth, Netanyahu dice a Gallant che anche se non è felice, per ora è con lui. “Netanyahu non vuole questo ministro della Difesa nel suo governo”, dice Eyal. “Ha troppa paura per licenziarlo adesso perché sa che durante una guerra, fare cose del genere può portare a conseguenze che non puoi prevedere, inclusa la possibilità molto reale di un’altra notte drammatica per le strade di Israele.”

L’attacco del 7 ottobre al sud di Israele guidato da Hamas è avvenuto circa sei mesi dopo la reintegrazione di Galant. È stato il giorno più sanguinoso nella storia di Israele, che ha provocato il continuo assalto del Paese a Gaza, la guerra più sanguinosa nella storia di Gaza.


Coloni israeliani fanno un barbecue mentre il fumo si alza dalla Striscia di Gaza nel Giorno dell’Indipendenza di Israele, il 14 maggio.

Ilya Yefimovich/Image Alliance tramite Getty Images

L’incubo dell’estrema destra di Israele: gli insediamenti a Gaza

Diverse migliaia di coloni israeliani e i loro sostenitori – compresi alti ministri del governo di Netanyahu – si sono manifestati a favore di Israele martedì poiché Netanyahu non è riuscito ad articolare un piano chiaro per sostituire il regime di Hamas. .

Si è tenuta una manifestazione a Sterod, vicino al confine di Gaza, mentre grandi pennacchi di fumo si alzavano dal confine di Gaza.

Si è tenuto nel 76° Giorno dell’Indipendenza di Israele, che molti palestinesi commemorano ogni anno come la Nakba, o catastrofe, nella guerra fondatrice di Israele, quando molti palestinesi furono sradicati dalle loro case e deportati. Questa settimana i palestinesi si sono radunati in commemorazione in alcune parti di Israele e della Cisgiordania occupata.

In un discorso ad una manifestazione a favore degli insediamenti, il deputato di estrema destra Zvi Sukkot ha celebrato la massiccia distruzione di Gaza da parte dell’esercito israeliano in più di sette mesi di guerra, affermando che i nemici di Israele devono rinunciare alla terra a seguito dei loro attacchi al paese.

Anche il ministro della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir si è rivolto ai manifestanti.

“Vogliamo essere un popolo libero nel nostro Paese”, ha detto alla folla esultante, riferendosi all’inno nazionale di Israele e dicendo a Biden: “Signor Presidente, questo è nostro. Torniamo a casa a Gaza”. “

Israele ha insediamenti a Gaza. Il governo ha sradicato i suoi soldati e coloni dal territorio nel 2005. Due anni dopo, il gruppo militante palestinese Hamas si impadronì dell’enclave.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu presiede una riunione di gabinetto a Kirya, sede del Ministero della Difesa israeliano, il 17 dicembre 2023 a Tel Aviv.

Menahem Gahana/AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Menahem Gahana/AP


Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu presiede una riunione di gabinetto a Kirya, sede del Ministero della Difesa israeliano, il 17 dicembre 2023 a Tel Aviv.

Menahem Gahana/AP

READ  GM interromperà la produzione di Chevy Bolt EV e EUV entro la fine dell'anno

Le connessioni politiche di Netanyahu

Netanyahu ha detto che Israele non vuole rioccupare o reinsediare Gaza a lungo termine, ma ha anche resistito alle richieste degli Stati Uniti per un’Autorità Palestinese rivitalizzata per governare Gaza sotto una leadership palestinese più moderata.

“In varie riunioni e consultazioni di gabinetto, Netanyahu ha parlato di una qualche forma di autogoverno per i palestinesi, che includerebbe gli stati arabi. [United Arab Emirates] e l’Egitto, con una sorta di integrazione internazionale”, dice l’autore Eyal. “Era fermamente convinto che l’Autorità Palestinese o Fatah non dovessero essere incluse. , ovviamente, è il rivale di Hamas nella società palestinese. Ma non ha presentato alcun piano in merito.

Eyal Hulata, che ha servito come consigliere per la sicurezza nazionale di Israele sotto il predecessore di Netanyahu, Naftali Bennett, ed è ora membro della Fondazione per la Difesa delle Democrazie, ha detto: “Nessuno sta parlando di una soluzione a due Stati. Stiamo parlando di una soluzione a due Stati”. L’autogoverno dei palestinesi è sostenuto dalla maggioranza degli israeliani e Netanyahu lo sta perseguendo per ragioni politiche non si può dire.

I cartelloni del New Gaza Group, che descrivevano in dettaglio la loro missione di colonizzare Gaza City, sono stati esposti durante una manifestazione a favore dell’immigrazione.

Daniel Estrin/NPR


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Daniel Estrin/NPR


I cartelloni del New Gaza Group, che descrivevano in dettaglio la loro missione di colonizzare Gaza City, sono stati esposti durante una manifestazione a favore dell’immigrazione.

Daniel Estrin/NPR

Alla manifestazione, le famiglie sono state portate sul palco, portando cartelli che promettevano di trasferirsi a Gaza City. Al tavolo da gioco, un’organizzazione chiamata New Gaza ha presentato una mappa dei quartieri di Gaza City con nuovi nomi ebraici.

“O noi o loro. Dobbiamo sbarazzarci di Gaza”, ha detto Chanie Luz, un’israeliana del Queens, New York. “Ci sono molti posti nel mondo per la gente di Gaza. Possono essere assorbiti in qualsiasi paese. Non possono restare qui.

Quando gli è stato chiesto se fosse pronto a stabilirsi a Gaza, ha detto: “Voglio costruire un villaggio turistico sulla costa di Gaza. Amo il mare”.

Jackie Northam, Alon Avital e Ide Stern hanno contribuito a questo rapporto da Tel Aviv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *