I prezzi del petrolio hanno toccato il minimo di nove mesi a causa dei timori di recessione

In questo grafico per il 24 luglio 2022, i modelli del barile di petrolio sono visti di fronte a un grafico azionario in aumento. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

LONDRA, 26 settembre (Reuters) – I prezzi del petrolio hanno toccato il minimo da nove mesi lunedì a causa del previsto calo della domanda di carburante, poiché l’aumento dei tassi di interesse ha aumentato la prospettiva di una recessione globale.

I future sul greggio Brent per la liquidazione di novembre sono scesi di 82 centesimi, o dell’1%, a $ 85,33 al barile entro le 1110 GMT. Il contratto è sceso a $ 84,51, il minimo dal 14 gennaio.

Il greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) con consegna a novembre è sceso di 74 centesimi, o dello 0,9%, a 78 dollari. Il WTI è sceso a 77,21$, il minimo dal 6 gennaio.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Entrambi i contratti sono scesi di circa il 5% venerdì.

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto a un paniere di valute principali, lunedì ha raggiunto il massimo da 20 anni. Un dollaro forte tende a ridurre la domanda di petrolio denominato in dollari.

L’impatto di un dollaro forte sui prezzi del petrolio è il più pronunciato in più di un anno, mostrano i dati di Refinitiv Eikon.

Grafica Reuters

Nel frattempo, i tassi di interesse aumentati dalle banche centrali in numerosi paesi consumatori di petrolio per combattere l’aumento dell’inflazione hanno sollevato i timori di un rallentamento economico e di un crollo della domanda di petrolio.

“Lo sfondo dell’inasprimento della politica monetaria globale da parte delle principali banche centrali per domare l’inflazione elevata, e una spettacolare corsa al biglietto verde in oltre due decenni, ha sollevato preoccupazioni per un rallentamento economico e sta agendo come un importante ostacolo per i prezzi del greggio”, ha affermato Sukanda Sachdeva presso Relicare Broking.

READ  Gli avvocati che rappresentano più di 30 immigrati che sono volati in Massachusetts sollecitano indagini penali

Le interruzioni del mercato petrolifero dovute alla guerra Russia-Ucraina hanno fornito un certo supporto ai prezzi poiché le sanzioni dell’Unione Europea inizieranno a vietare il greggio russo a dicembre.

Quando l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati OPEC+ guidati dalla Russia si incontrano il 5 ottobre, l’attenzione si è rivolta al loro precedente incontro per concordare di tagliare la produzione.

Tuttavia, l’OPEC+ sta producendo ben al di sotto della sua produzione target, il che significa che ulteriori tagli non avranno un grande impatto sull’offerta.

I dati della scorsa settimana hanno mostrato che l’OPEC+ ha mancato il suo obiettivo di 3,58 milioni di barili ad agosto, un calo maggiore rispetto a luglio. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazione di Noah Browning Segnalazione aggiuntiva di Mohi Narayan a Nuova Delhi e Sonali Paul a Melbourne Montaggio di David Goodman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.