Gli Stati Uniti lanciano attacchi aerei contro i militanti dopo l'attacco mattutino alla base aerea di Erbil in Iraq

Gli attacchi aerei sono avvenuti dopo che la base aerea di Erbil è stata attaccata stamattina presto.

Secondo i rapporti diffusi dal Dipartimento della Difesa, le forze militari statunitensi hanno condotto diversi attacchi aerei contro strutture in Iraq la notte di Natale.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che gli attacchi sono stati effettuati sotto la direzione del presidente Joe Biden e in risposta agli attacchi di gruppi contro le forze della coalizione nella regione. Uno di questi attacchi è stato effettuato il 25 dicembre presso la base aerea di Erbil, provocando il ferimento di tre membri del personale statunitense. Secondo una dichiarazione del Segretario della Difesa, un membro del servizio è in condizioni critiche a causa dell'attacco dell'aeronautica.

“Le mie preghiere sono con i coraggiosi americani che sono stati feriti”, ha detto Austin nella sua dichiarazione.

“Vorrei essere chiaro: io e il presidente non esiteremo a intraprendere qualsiasi azione necessaria per proteggere l'America, le nostre truppe e i nostri interessi”, ha continuato la sua dichiarazione. “Non esiste una priorità più alta. Anche se non cerchiamo di intensificare il conflitto nella regione, siamo determinati e pienamente preparati a compiere ulteriori passi necessari per proteggere la nostra gente e le nostre strutture.”

Secondo le prime valutazioni del CENTCOM, le strutture prese di mira sono state distrutte e non vi erano segni di vittime civili.

READ  Gli abitanti dei villaggi del Mekong stanno ricevendo pesci d'acqua dolce più pesanti che mai

“Questi attacchi mirano a trattenere gli elementi direttamente responsabili degli attacchi contro le forze della coalizione in Iraq e Siria e a ridurre la loro capacità di continuare gli attacchi”, ha detto in una nota il comandante del comando centrale americano, generale Michael Eric Guerrilla. “Proteggeremo sempre le nostre forze.”

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Adrian Watson ha detto: “Il presidente è stato immediatamente informato dell'attacco questa mattina e ha dato istruzioni al Dipartimento della Difesa di preparare le opzioni per rispondere ai responsabili”.

In una successiva chiamata con il Sez. Austin ha ordinato attacchi contro tre siti utilizzati da Biden, Mantab Hezbollah e gruppi affiliati, con particolare attenzione alle operazioni con droni aerei senza pilota.

“Il presidente non attribuisce una priorità più alta della sicurezza del personale americano che presta servizio in pericolo. Se questi attacchi continueranno, gli Stati Uniti agiranno nel momento e nel modo che sceglieranno”, si legge nella dichiarazione di Watson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *