I ministri dei BRICS mostrano forza mentre il mandato di arresto di Putin incombe

  • La riunione dei ministri degli Esteri dei BRICS si terrà a Città del Capo per due giorni
  • L’ambizione del governo è competere con l’Occidente sulla scena mondiale
  • Domande sulla visita di Putin al vertice di agosto
  • Il Sudafrica è in una situazione difficile a causa di un mandato di cattura per Putin

CAPE TOWN, 1 giugno (Reuters) – Giovedì i ministri degli Esteri dei BRICS hanno sottolineato le ambizioni della loro alleanza di rivaleggiare con le potenze occidentali, ma i loro colloqui in Sud Africa sono stati offuscati dalle domande sul fatto che il presidente russo sarebbe stato arrestato se avesse partecipato a un vertice ad agosto.

Il ministro degli Esteri sudafricano, Naledi Bandor, ha affermato che il suo paese sta valutando la possibilità di portare Vladimir Putin, oggetto di un mandato di arresto per crimini di guerra emesso dalla Corte penale internazionale (ICC), al vertice dei BRICS a Johannesburg.

In quanto membro della Corte penale internazionale, il Sudafrica dovrebbe teoricamente arrestare Putin, e Bandor è stato bombardato di domande al riguardo quando è arrivato per il primo round di colloqui con i rappresentanti di Brasile, Russia, India e Cina.

“La risposta è che il presidente (Cyril Ramaphosa) indicherà quale sarà la posizione finale per il Sudafrica. Tutti i capi di stato (BRICS) sono stati invitati”, ha affermato.

READ  Il jackpot stimato di 1,13 miliardi di dollari di Mega Millions ha un biglietto vincente nel New Jersey

Più tardi, in una conferenza stampa, i ministri hanno lanciato una raffica di domande sull’affare Putin.

A marzo, l’ICC ha accusato Putin di deportare con la forza bambini dal territorio occupato dai russi in Ucraina. Mosca nega le accuse. Il Sudafrica ha invitato Putin a gennaio.

Putin non ha confermato i suoi piani, il Cremlino ha detto solo che la Russia avrebbe partecipato “al livello appropriato”.

I ministri hanno cercato di concentrarsi sulla loro ambizione di costruire la loro influenza in un mondo multipolare.

L’indiano Subramaniam Jaishankar ha parlato della concentrazione del potere economico, che “lascia molti paesi alla mercé di pochissimi” e ha chiesto una riforma del processo decisionale globale, compreso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“I vecchi modi non possono affrontare nuove situazioni. Siamo il simbolo del cambiamento. Dobbiamo agire”, ha detto.

Espansione

Un tempo visti come una libera associazione di diverse economie emergenti, i BRICS sono stati spinti da Pechino negli ultimi anni e hanno assunto una forma più concreta dall’inizio della guerra in Ucraina nel febbraio 2022, con ulteriore slancio da Mosca.

Il gruppo ha lanciato una nuova banca di sviluppo nel 2015, anche se ha smesso di finanziare progetti in Russia per conformarsi alle sanzioni occidentali in seguito all’invasione dell’Ucraina.

Bandor ha affermato che un alto dirigente della banca ha informato i ministri sul “possibile utilizzo di valute alternative alle attuali valute negoziate a livello internazionale”.

“L’obiettivo è garantire che non cadiamo vittime di sanzioni che hanno effetti secondari su paesi che non sono intervenuti nelle questioni che hanno portato a sanzioni unilaterali”, ha affermato.

READ  Brett Favre rompe il silenzio sullo scandalo del welfare del Mississippi

I ministri hanno anche discusso i piani per inserire nuovi soci nel club. Bandor ha affermato che è necessario più lavoro per renderlo possibile e spera di avere un rapporto sulla questione pronto entro il vertice di agosto.

Il vice ministro cinese Ma Zhaoxu ha detto di aver accolto con favore la prospettiva che più paesi si uniscano all’organizzazione BRICS, il che aumenterebbe l’influenza dell’organizzazione e rafforzerebbe gli interessi dei paesi in via di sviluppo.

I BRICS erano “in netto contrasto con la ristretta cerchia di pochi paesi…

Il ministro degli esteri iraniano, Hossein Amir-Abdullahian, e il suo omologo saudita, il principe Faisal bin Farhan Al Saud, erano entrambi a Città del Capo per partecipare alla riunione dei BRICS in corso venerdì.

Due dei loro paesi, Venezuela, Argentina, Algeria ed Emirati Arabi Uniti, hanno formalmente chiesto o espresso interesse ad aderire ai BRICS, hanno detto i funzionari.

Segnalazioni aggiuntive di Garion du Plessis, Anite Miridjanian, Bharkav Acharya, Nellie Peyton e Alexander Winning a Johannesburg; Di Estelle Shirban; Montaggio di Joe Pavier, John Stonestreet, Ross Russell e Andrew Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *