I Knicks protestano con l’NBA per la sconfitta di lunedì contro i Rockets: fonte

I New York Knicks stanno protestando contro la sconfitta per 105-103 di lunedì contro gli Houston Rockets, ha confermato martedì una fonte della lega.

Con il punteggio pari a 103, la guardia dei Rockets Aaron Holiday ha segnato una tripla con 0,3 secondi rimasti. L’arbitro Jacyn Goble ha chiamato fallo la guardia dei Knicks Jalen Brunson per essersi scontrata con il tiratore. Holiday si è collegato su 2 dei 3 tentativi di tiro libero per vincere la partita per Houston.

Dopo il fumble finale, il presidente della squadra Ed Malloy ha ammesso in un’intervista che Brunson aveva avuto un “contatto accidentale” e che il gioco non avrebbe dovuto essere definito fallo. Se non fosse stato per il fischio, i Knicks e i Rockets sarebbero andati ai supplementari a quota 103.

“Dopo averlo visto durante la revisione post-partita, l’attaccante è riuscito a tornare in una posizione di gioco normale sul campo”, ha detto Malloy in un’intervista con un giornalista del biliardo. “Il contatto dopo il rilascio della palla è incidentale rispetto al tentativo di tiro e stretto e non deve essere fischiato.”

Il punto di vista dei Knicks

L’obiettivo sarà continuare il gioco. Se i Knicks vincono la resa dei conti, New York e Houston si incontreranno di nuovo e giocheranno cinque minuti di supplementari.

Lunedì, non appena è suonata la sirena finale a Houston, sono iniziate le voci secondo cui i Knicks stavano prendendo in considerazione una protesta. Naturalmente, vincere un’opposizione richiede qualcosa di più che ammettere una chiamata sbagliata, anche quando quella chiamata determina il risultato finale.

Una squadra dovrebbe dimostrare che gli arbitri hanno abusato di una regola, il che significa che i Knicks hanno una possibilità qui, e dovrebbero dimostrare che gli arbitri sono stati insolitamente ingannati lunedì.

READ  Manifestanti filo-palestinesi interrompono il traffico al Golden Gate, aeroporto O'Hare, per protestare contro il sostegno degli Stati Uniti a Israele nella guerra di Gaza.

New York può paragonare l’azione finale regolamentare all’ultima azione del primo tempo in cui si è svolta un’azione simile. In questo caso, la guardia dei Knicks Donte DiVincenzo si è impennata per una tripla profonda prima del segnale acustico. Gli arbitri hanno commesso fallo tre volte quando Holliday, correndo a coprirlo, si è tagliato una gamba.

Ma quando si è verificato l’errore sono dovuto andare al monitor per vedere se c’era l’ora sull’orologio. Una volta che si furono calmati per una frazione di secondo, i Rockets sfidarono l’attacco. Houston non solo ha vinto la sfida e ha cancellato il fallo su Holliday, ma ha ribaltato la chiamata di DiVincenzo, che ha buttato a terra Holliday e si è bloccato con il piede sul gioco.

I Knicks potrebbero sostenere che giocare alla fine della partita non è diverso da DiVincenzo. Dai un’occhiata da vicino al replay del fallo di Brunson Holiday e puoi vedere Holiday calciare leggermente una gamba. Ma il kickout nel quarto quarto è stato più subdolo di quello di DiVincenzo. Anche se i Knicks dimostrassero un’incoerenza tra queste due giocate, ciò non costituisce necessariamente un uso improprio delle regole.

C’è una ragione per cui le squadre raramente registrano le proteste. E quando lo fanno, c’è una ragione per cui raramente ci riescono. Dimostrare una chiamata gonfiata non è sufficiente. Oltre a ciò, non sarà facile dimostrare che i Knicks giocano qui. — Fred Katz, scrittore dello staff dei Knicks

Dove si posizionano i Rockets a questo riguardo?

Sembra che ai Rockets non interessi particolarmente l’opposizione dei Knicks. Per prima cosa, le possibilità di successo di una protesta sono scarse, essendo stata consentita l’ultima volta nella stagione regolare 2007-2008.

READ  Collisione sugli sci di Gwyneth Paltrow: quando due sciatori si schiantano, di chi è la colpa?

In secondo luogo, Houston ha attraversato un processo simile nel dicembre 2019, presentando una protesta per una schiacciata non rivelata di James Harden in una sconfitta per doppi tempi supplementari contro i San Antonio Spurs. L’ufficiale in carica quel giorno, James Capers, ha ammesso l’errore dopo la partita, ma la lega ha negato la richiesta dei Rockets dopo aver condotto le proprie indagini.

Il processo per presentare una protesta è un procedimento legale arduo e relativamente lungo, oltre alla tassa di protesta richiesta di $ 10.000. Certo, l’aspetto finanziario sembra una goccia nell’oceano per un miliardario, ma la quantità di lavoro richiesta per eseguire le procedure potrebbe non valere la seccatura, soprattutto se le probabilità sono storicamente a sfavore della squadra avversaria. — Kelly Ico, scrittrice dello staff dei Rockets

Lettura obbligatoria

(Foto di Jalen Brunson: Carmen Mantado/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *