Sciopero degli autisti di Uber e Lyft all’aeroporto internazionale O’Hare di Chicago – NBC Chicago

Hai bisogno di un passaggio da o per l’aeroporto internazionale O’Hare mercoledì? Poiché migliaia di conducenti di rideshare di Uber e Lyft pianificano di parcheggiare le loro auto e chiudere le loro app mentre migliaia partecipano allo sciopero per una migliore retribuzione, sicurezza e altro ancora, potresti voler pianificare in anticipo.

Secondo un annuncio della Coalizione Giustizia per i Lavoratori, gli autisti di Uber, Lyft e DoorDash terranno scioperi e manifesteranno mercoledì fuori dagli aeroporti in 10 città: Chicago; Filadelfia; Pittsburgh; Miami; Orlando e Tampa, Florida; Hartford, Connecticut; Newark, New Jersey; Austin, Texas; e Providence, Rhode Island.

Solo nell’Illinois, più di 30.000 conducenti sono membri della coalizione.

“Siamo stufi di lavorare 80 ore a settimana, temendo costantemente per la nostra sicurezza e preoccupandoci di essere disabili con un clic di un pulsante”, ha affermato la coalizione in una nota.

Gli autisti del ride-hailing si raduneranno nell’area di attesa del ride-share dell’aeroporto internazionale O’Hare dalle 11:00 alle 13:00 mercoledì, ha detto la coalizione. Disattiveranno le loro app e non accetteranno alcuna corsa da e per l’aeroporto mercoledì.

Uber ha dichiarato martedì che non si aspetta che lo sciopero di San Valentino abbia un grande impatto sulle sue operazioni.

“Questi tipi di eventi raramente hanno un impatto sui viaggi, sui prezzi o sulla disponibilità degli autisti”, ha affermato Uber in una nota. “Questo perché la maggior parte degli autisti è soddisfatta.” Uber ha dichiarato alla fine dell’anno scorso che gli autisti guadagnavano 33 dollari l’ora. L’azienda ha inoltre affermato che consente ai conducenti di negare la disattivazione.

“Lavoriamo costantemente per migliorare l’esperienza del conducente”, ha affermato Lyft in una nota. Lyft ha affermato che i suoi autisti statunitensi guadagnano in media 30,68 dollari l’ora, o 23,46 dollari l’ora al netto delle spese.

READ  Decine di feriti e stazioni di polizia attaccate nelle proteste in corso in Perù | Perù

All’inizio di questo mese, Lyft ha dichiarato di aver iniziato a garantire che gli autisti pagherebbero almeno il 70% della tariffa ogni settimana. Lyft ha anche rilasciato un nuovo pulsante in-app che consente ai conducenti di presentare ricorso contro le decisioni di licenziamento.

Gli autisti del rideshare chiedono anche maggiori protezioni di sicurezza come parte dello sciopero.

Il mese scorso, il dipartimento di polizia di Chicago ha emesso un avvertimento ai conducenti delle consegne.

I gruppi che difendono i lavoratori dei gig in città hanno chiesto maggiori misure di sicurezza dopo i recenti attacchi – alcuni dei quali mortali – contro gli autisti delle consegne e dei ride-hailing.

A gennaio, un autista di ride-hailing è stato ferito a morte in un tentativo di furto d’auto nell’isolato 900 di North LeClaire Avenue ad Austin, ha detto la polizia.

A dicembre, l’autista della Lyft Adriana Arocha-Duque è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nell’isolato 4800 di West Thomas Street nella stessa zona.

Un altro automobilista è rimasto ucciso in una sparatoria qualche settimana fa. Mohammed Al Hejoj stava guidando la sua Cadillac Escalade ESV nera del 2017 con quattro passeggeri nell’isolato 1700 di North Lotus Avenue il 3 dicembre intorno alle 17:40 quando qualcuno ha aperto il fuoco.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *