I futures azionari sono contrastanti dopo Dow, S&P 500 cap per il mese peggiore da marzo 2020

Commercianti al NYSE floor, 7 settembre 2022.

Fonte: NYSE

I futures azionari sono stati contrastati lunedì mattina dopo che Wall Street ha registrato un altro trimestre negativo e sia l’S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average hanno chiuso in ribasso. Marzo ha concluso il mese peggiore dal 2020.

I futures Nasdaq 100 sono scesi dello 0,52%, mentre i futures collegati all’S&P 500 hanno perso lo 0,14%. I futures sulla media industriale del Dow Jones sono aumentati dello 0,07%, pari a 21 punti.

Il Dow è sceso di 500,10 punti, o dell’1,71%, sotto i 29.000 per la prima volta da novembre 2020, chiudendo venerdì un mese e un trimestre negativi per tutte le principali medie.

Per il trimestre, il Dow è sceso del 6,66%, la prima perdita di tre quarti dal terzo trimestre del 2015. L’S&P e il Nasdaq Composite sono scesi rispettivamente del 5,28% e del 4,11%, chiudendo il terzo trimestre negativo consecutivo. Per la prima volta dal 2009.

Il Dow è sceso dell’8,8% a settembre, mentre l’S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno perso rispettivamente il 9,3% e il 10,5%. Tutte le principali medie hanno registrato la loro sesta settimana negativa su sette.

Nel nuovo trimestre, tutti i settori dell’S&P 500 si trovano ad almeno il 10% di sconto sui massimi di 52 settimane. Nove settori hanno chiuso il trimestre in negativo. I beni voluttuari sono stati i migliori risultati, guadagnando oltre il 4,1%.

Nel quarto trimestre, l’inflazione elevata e l’intenzione della Federal Reserve di fermare l’aumento dei prezzi indipendentemente da ciò che ciò significhi per l’economia continueranno a pesare sui mercati, ha affermato Keith Lerner di Trust. Tuttavia, le condizioni di ipervenduto rendono il mercato vulnerabile a un forte rimbalzo a breve termine su buone notizie, ha aggiunto.

READ  Daniel si rafforza come il primo uragano atlantico della stagione 2022

“Penso che potremmo essere pronti per una sorta di ripresa, ma la tendenza di fondo a questo punto è ancora una tendenza al ribasso e acque continue”, ha detto Lerner.

Sul fronte economico, i dati sulla produzione Markit PMI e ISM usciranno lunedì, insieme alla spesa per l’edilizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.