I colloqui su un nuovo cessate il fuoco a Gaza diventano urgenti mentre il leader di Hamas visita il Cairo

  • Di Yolande Knell
  • BBC Notizie, Gerusalemme

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine,

Si ritiene che più di 100 ostaggi siano vivi a Gaza, 10 settimane dopo l’attacco di Hamas a Israele.

Mentre un cessate il fuoco completo nella Striscia di Gaza resta ancora molto lontano, ci sono nuovi segnali che una nuova pausa nei combattimenti tra Israele e Hamas è possibile.

Tuttavia, ciò richiederebbe un cambiamento nella posizione pubblica di Hamas. Ha continuato a dire che rilascerà altri ostaggi israeliani in cambio di un cessate il fuoco permanente.

Il leader di Hamas Ismail Haniyeh, che di solito vive a Doha, si è ora recato al Cairo con una delegazione di “alto livello” per colloqui con il capo dell’intelligence egiziana, Abbas Kamel.

Indica il livello di gravità.

L’Egitto e il Qatar hanno entrambi svolto un ruolo chiave negli sforzi di mediazione e hanno contribuito a mediare un cessate il fuoco di una settimana alla fine del mese scorso.

Israele afferma che la guerra a Gaza finirà solo se verrà raggiunto l’obiettivo di rovesciare Hamas, che governa lì dal 2007.

Secondo quanto riportato dai principali media israeliani, Israele ha presentato ai mediatori un piano per rilasciare dai 30 ai 40 ostaggi. Dà la priorità alle donne e agli uomini rimasti che sono anziani o necessitano di cure mediche urgenti.

Si pensa che potrebbero essere scambiati con palestinesi detenuti nelle carceri israeliane condannati per crimini più gravi rispetto alle donne e ai minorenni rilasciati nell’accordo precedente, e una tregua durerebbe un paio di settimane.

didascalia dell’immagine,

Il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha parlato con i giornalisti iraniani a Doha prima di recarsi al Cairo per incontrare il ministro degli Esteri iraniano.

Martedì il presidente israeliano Isaac Herzog ha detto ai diplomatici stranieri di essere pronto per “un’altra pausa umanitaria e ulteriore assistenza umanitaria per liberare gli ostaggi”.

Successivamente, dopo aver incontrato un gruppo selezionato di famiglie con i propri cari tenuti prigionieri a Gaza, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che “l’obiettivo principale è salvarli”.

Ha confermato che il capo dell’agenzia di spionaggio israeliana Mossad ha visitato l’Europa due volte negli ultimi giorni per promuovere il nuovo accordo di estradizione. Lunedì, in Polonia, lui e il suo omologo americano hanno incontrato il primo ministro del Qatar.

Altro sulla guerra Israele-Gaza

I leader israeliani continuano a insistere sul fatto che solo una forte pressione militare su Hamas potrà portarlo al tavolo dei negoziati. Tuttavia, le famiglie dei restanti ostaggi hanno espresso i loro dubbi.

Nei giorni scorsi Hamas e la Jihad islamica, un gruppo armato più piccolo, hanno diffuso due video che mostrano un totale di cinque persone ancora tenute prigioniere, che chiedono di essere riportate a casa. Tutti sembrano deboli e gli oratori temono di cadere vittime dei bombardamenti israeliani.

La prossima settimana, il leader palestinese della Jihad islamica Ziyad al-Nakala si recherà al Cairo insieme ad altri alti funzionari del suo gruppo.

didascalia dell’immagine,

Alon Shamriz era uno dei tre ostaggi israeliani uccisi per errore dalle forze israeliane la scorsa settimana.

Si ritiene che più di 100 ostaggi fossero vivi a Gaza e alla fine di novembre erano stati rilasciati 105 civili, la maggior parte dei quali donne e bambini israeliani.

Prima di ciò quattro ostaggi erano stati liberati e uno era stato salvato dalle truppe israeliane.

Sono stati recuperati anche diversi corpi e l’ufficio del primo ministro israeliano ha confermato che più di 20 persone sono morte sotto la custodia di Hamas.

A livello globale, anche in seno all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sono in aumento le richieste per un cessate il fuoco completo.

Secondo i funzionari sanitari locali nel territorio controllato da Hamas, il bilancio delle vittime a Gaza è ora vicino a 20.000, con 1,9 milioni dei 2,3 milioni di residenti di Gaza che sono fuggiti o hanno perso le loro case, secondo le Nazioni Unite. Vi è una crescente preoccupazione per le limitate opportunità a disposizione delle agenzie umanitarie per aiutarli.

“Tra livelli inimmaginabili di sfollamenti e intense ostilità, il sistema di risposta umanitaria è al limite”, ha detto martedì al Consiglio di Sicurezza Tor Vennesland, coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente.

Sebbene i funzionari delle Nazioni Unite affermino che occorre fare di più, una nuova pausa nei combattimenti consentirebbe almeno di aumentare la consegna e la distribuzione degli aiuti.

READ  Aaron Rodgers non è motivato a giocare con i Jets e non pensa che la prossima stagione sarà l'ultima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *