I cervi possono trasmettere Covid agli esseri umani più volte, suggerisce una nuova ricerca

Gli americani hanno trasmesso COVID-19 ai cervi selvatici centinaia di volte, suggerisce un’analisi di migliaia di campioni raccolti dagli animali, e le persone hanno catturato e diffuso varianti mutanti dai cervi almeno tre volte.

Analisi Pubblicato lunedì Deriva dal primo anno di uno sforzo federale pluriennale da parte del Servizio di ispezione per la salute degli animali e delle piante del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti, o APHIS, per studiare la diffusione del virus nella fauna selvatica degli Stati Uniti.

Da novembre 2021 ad aprile 2022, gli scienziati hanno analizzato 8.830 campioni raccolti da cervi selvatici dalla coda bianca in 26 stati e Washington, DC, testando il tipo di covid che ne ha infettati 282.

Confrontando le sequenze di virus nei cervi con altri campioni riportati pubblicamente Database di infezioni umane Sono stati in grado di tracciare la diffusione di queste variazioni tra esseri umani e animali in tutto il mondo.

Sono stati identificati un totale di 109 “eventi di spillover indipendenti”, con virus trovati nei cervi che corrispondono a precursori di esseri umani precedentemente infetti.

Una foto d’archivio di un cervo dalla coda bianca nel New Jersey

Agenzia Tayfun Coskun/Anadolu tramite Getty Images


Molti di questi virus sembrano ancora cambiare e diffondersi tra i cervi, compresi i tipi alfa, gamma e delta, portando a un aumento dei decessi all’inizio dell’epidemia, anche dopo che questi lignaggi sono stati sepolti da successive ondate di tipi omicron. Domina l’intero paese.

È stato riferito che diciotto campioni non avevano “sequenze SARS-CoV-2 umane geneticamente vicine nella stessa posizione”, il che ha ostacolato gli sforzi per rilevare la variazione dei precursori negli esseri umani.

“Nel complesso, questo studio ha dimostrato che i nuovi virus umani continuano a essere introdotti frequentemente nei cervi dalla coda bianca e che i COV SARS-CoV-2 sono in grado di persistere nei cervi dalla coda bianca anche dopo che tali varianti sono diventate rare nel popolazione umana”, hanno scritto gli autori dello studio.

Tutti e tre avevano mutazioni che corrispondevano a un modello unico di trasmissione prima da un essere umano al cervo, e poi dal cervo all’uomo in un altro cosiddetto “spillback”. Due di questi tipi di spillback si trovavano nella Carolina del Nord e uno nel Massachusetts.

Un’indagine con i Centers for Disease Control and Prevention ha rilevato tre individui infetti da una variante di questa mutazione caratteristica del cervo, oltre a una manciata di leoni dello zoo infettati dallo stesso ceppo.

Nessuno degli umani ha affermato di avere uno stretto rapporto con il cervo o lo zoo.

Malattie zoonotiche

Ricercatori APHIS sta studiando I cervi dalla coda bianca, tra molte specie selvatiche americane, possono agire come le cosiddette “specie di riserva” per lunghi periodi di tempo quando il virus muta? diffuso tra i cervi.

Rapporto precedente da Scienziati in Canada È stato rilevato un “lignaggio altamente divergente di SARS-CoV-2” trasmesso dai cervi agli esseri umani.

Mentre il virus si diffonde tra gli esseri umani e la fauna selvatica, gli scienziati del governo sono preoccupati per come potrebbe influenzare gli animali.

“I cervi interagiscono abitualmente con gli umani e si trovano comunemente negli ambienti umani – vicino alle nostre case, animali domestici, acque reflue e spazzatura”, ha detto il professore Xiu-Feng Wan dell’Università del Missouri in un comunicato stampa. liberazione Annunciare i risultati.

Gli autori del documento hanno indicato altri esempi di malattie che si diffondono tra persone e cervi, come la precedente epidemia di tubercolosi bovina tra i cervi. Quello era allegato Per gli sforzi locali di “integrazione” per aumentare le popolazioni di cervi selvatici nel Michigan.

Il CDC aveva precedentemente esortato gli americani a evitare il contatto ravvicinato con la fauna selvatica e i loro rifiuti, che riducono entrambi la trasmissione. di SARS-CoV-2 Così come altri cosiddetti pericolosi Malattie zoonotiche Diffuso tra umani e animali.

“Il potenziale di SARS-CoV-2, o di qualsiasi malattia zoonotica, di persistere ed evolversi nelle popolazioni di animali selvatici può comportare rischi unici per la salute pubblica”, ha affermato Wan.

READ  Funzionari statunitensi ordinano a Nvidia di interrompere le vendite dei migliori chip AI in Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *