Hubble rileva ammassi stellari celesti “filo di perle” nelle collisioni intergalattiche

Questo articolo è stato sottoposto a revisione paritaria da Science X Processo editoriale
E i principi.
Compilatori Hanno evidenziato i seguenti attributi garantendo l’autenticità del contenuto:

Fatto verificato

Pubblicazione sottoposta a revisione paritaria

Una fonte affidabile

Verifica


La galassia AM 1054-325 è stata deformata dalla sua normale spirale a forma di frittella in una forma a S dall’attrazione gravitazionale di una galassia vicina, vista in questa immagine del telescopio spaziale Hubble. Di conseguenza, grappoli di stelle appena nate si formano lungo una coda di marea che si estende per migliaia di anni luce, somigliando a un filo di perle. Si formano sotto l’attrazione gravitazionale dei nodi di gas per formare circa 1 milione di stelle neonate per ammasso. Crediti: NASA, ESA, STScI, Jayne English (Università di Manitoba)

× più vicino


La galassia AM 1054-325 è stata deformata dalla sua normale spirale a forma di frittella in una forma a S dall’attrazione gravitazionale di una galassia vicina, vista in questa immagine del telescopio spaziale Hubble. Di conseguenza, grappoli di stelle appena nate si formano lungo una coda di marea che si estende per migliaia di anni luce, somigliando a un filo di perle. Si formano sotto l’attrazione gravitazionale dei nodi di gas per formare circa 1 milione di stelle neonate per ammasso. Crediti: NASA, ESA, STScI, Jayne English (Università di Manitoba)

Quando si verificano eventi cosmici spettacolari come le collisioni interstellari, si innesca una reazione alla formazione di nuove stelle e di nuovi pianeti che altrimenti non si sarebbero formati. La forza gravitazionale che guida le collisioni tra queste galassie crea code: lunghe strisce sottili di stelle e gas interstellare.

Il campo visivo del telescopio spaziale Hubble è così nitido che si possono vedere ammassi di stelle appena nate in queste code di marea. Si formano sotto l’attrazione gravitazionale dei nodi di gas per formare circa 1 milione di stelle neonate per ammasso.

In particolare, il telescopio spaziale Hubble della NASA ospita 12 galassie interagenti con lunghe code di marea simili a girini di gas, polvere e abbondanti stelle. La straordinaria nitidezza e sensibilità alla luce ultravioletta di Hubble hanno rilevato 425 ammassi di stelle appena nate in queste code che sembrano fili di luci natalizie.

Ogni ammasso contiene 1 milione di stelle blu neonate.

Gli ammassi nelle code delle onde sono noti da decenni. Quando le galassie interagiscono, le forze gravitazionali tirano fuori lunghi filamenti di gas e polvere. Due esempi famosi sono le galassie Antenne e Mais con le loro proiezioni lunghe, strette e simili a dita.

In uno studio recentemente pubblicato Avvisi mensili della Royal Astronomical Society Gli astronomi hanno utilizzato le capacità a infrarossi del telescopio spaziale Hubble della NASA per studiare gli ammassi di code di marea e studiarne l’età e le masse, insieme alle proprietà delle galassie in fusione.

Michael Rodruck del Randolph-Macon College è l’autore principale dello studio, insieme a coautori tra cui gli scienziati dell’Arizona State University Sanjayeda Porthakur e Karen Kinnerman della School of Earth and Space Exploration.

Un team di astronomi ha utilizzato una combinazione di nuove osservazioni e dati d’archivio per ricavare l’età e le masse degli ammassi di comete mareali. Hanno scoperto che questi gruppi sono molto giovani: hanno 10 milioni di anni. E si formano alla stessa velocità in code che si estendono per migliaia di anni luce.

“Queste osservazioni ci dicono come si formano le stelle e cosa regola tali processi. Questa conoscenza è fondamentale per comprendere come si formano le stelle nella nostra galassia”, ha affermato la professoressa associata Sanjaeeta Porthakur, un’astronoma osservatrice specializzata in astronomia extragalattica presso la Scuola di Scienze della Terra dell’ASU. ed esplorazione dello spazio.

Le code sono come prendere il braccio a spirale di una galassia e allungarlo nello spazio. La parte esterna del braccio è attratta dall’attrazione gravitazionale tra una coppia di galassie interagenti.

Prima della fusione, le galassie erano piene di nubi polverose che potrebbero essere state semplicemente dormienti. Ma durante gli incontri le nuvole rimbombavano e si scontravano tra loro. Ciò ha compresso l’idrogeno, alimentando la tempesta di fuoco della nascita delle stelle.

Il destino di queste costellazioni è incerto. Possono rimanere gravitazionalmente intatti ed evolversi in ammassi globulari, come orbitare fuori dal piano della nostra Via Lattea. Oppure possono disperdersi per formare un alone di stelle attorno alla galassia ospite o diventare stelle intergalattiche erranti.

“È molto entusiasmante utilizzare i dati di Hubble provenienti da periodi diversi e quelli di altri telescopi per fornire il culmine di oltre due decenni di lavoro sugli ammassi stellari nelle code di marea”, ha affermato la professoressa Karen Kinierman, assistente autrice dello studio. “Ho iniziato a lavorare su questo progetto come studente universitario alla Penn State nel 1999, e gli stessi dati e risultati vengono utilizzati qui. Quando sono arrivato all’ASU nel 2007 (investigatore principale) abbiamo ottenuto più dati dal progetto Hubble. .”

Questa formazione stellare a filo di perla potrebbe essere stata più comune nell’universo primordiale, quando le galassie si scontravano più frequentemente. Queste galassie vicine osservate da Hubble sono una proxy di ciò che accadde molto tempo fa, e quindi ci permettono di vedere nel lontano passato.

“È sorprendente vedere così tanti oggetti giovani nelle code. Ci dice molto sulla capacità di raggruppamento”, ha detto Rodruck. “Con le code delle maree si crea una nuova generazione di stelle che altrimenti non sarebbero esistite.”

Maggiori informazioni:
Michael Rodruck et al., Ammassi stellari nei detriti delle maree, Avvisi mensili della Royal Astronomical Society (2023) DOI: 10.1093/mnras/stad2886 , accademic.oup.com/mnras/article/526/2/2341/7286662

Informazioni per la stampa:
Avvisi mensili della Royal Astronomical Society


READ  'Challengers' di Zendaya fa punti al botteghino durante il fine settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *