Gli equipaggi della stazione spaziale danno il benvenuto al sostituto della Soyuz durante i preparativi per il lancio della Crew Dragon in Florida

La navicella spaziale russa senza equipaggio Soyuz sabato ha effettuato un impeccabile attracco automatico con la Stazione Spaziale Internazionale. Nave barca danneggiataFornire una scialuppa di salvataggio affidabile per tre membri dell’equipaggio del laboratorio e un viaggio sicuro verso casa alla fine di una missione estesa.

L’attracco perfetto per l’immagine è stato un grande sollievo per i pianificatori americani e russi dopo che un attacco di micrometeoroidi ha paralizzato la Soyuz parcheggiata nel complesso del laboratorio.

La navetta Soyuz MS-23/69S si è avvicinata lentamente alla Stazione Spaziale Internazionale il 25 febbraio 2023, dopo un rendezvous automatizzato impeccabile, trasportando rifornimenti e attrezzature al posto dell’equipaggio. La nave sostituisce un’altra Soyuz che è stata danneggiata da un attacco di micrometroidi a dicembre.

NASA


Con un veicolo spaziale sostitutivo, la NASA è pronta a lanciare la capsula SpaceX Crew Dragon all’inizio di lunedì dal Kennedy Space Center in Florida, che trasporterà un altro equipaggio di quattro persone all’avamposto.

I responsabili della missione si sono incontrati sabato sera per una revisione formale della prontezza al lancio, hanno finalizzato alcune questioni aperte e hanno votato per continuare il conto alla rovescia.

“Oggi abbiamo avuto una buona revisione. Ho pensato che fosse abbastanza approfondita con tutti i sistemi Falcon 9, i sistemi (Crew) Dragon e i sistemi di terra”, ha dichiarato Steve Stich, manager del programma Commercial Crew della NASA.

“In quella revisione della preparazione al rilascio, abbiamo votato ‘vai’ per passare al rilascio. … È una sequenza temporale entusiasmante e non vediamo l’ora di un buon rilascio lunedì mattina.”

L’attracco della Soyuz ha segnato un’importante pietra miliare, attenuando le preoccupazioni su come riportare i tre volantini della stazione sani e salvi sulla Terra.

Una telecamera sulla navicella Soyuz in avvicinamento è in allineamento quasi perfetto con il bersaglio di attracco nel modulo Poisk della stazione spaziale pochi istanti prima che il veicolo entri in contatto.

NASA/Roscosmos


La navicella spaziale Soyuz MS-23/69S è decollata giovedì dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, trasportando rifornimenti e attrezzature invece di un equipaggio, e l’ha guidata verso un attracco automatizzato perfetto per le immagini al modulo russo Poisk di fronte allo spazio alle 19:58. E.T.

La nuova Soyuz sostituirà il veicolo MS-22 che ha portato in orbita Sergei Prokofiev, Dmitry Betlin e l’astronauta della NASA Frank Rubio lo scorso settembre.

Inizialmente avevano programmato di tornare sulla Terra il mese prossimo, ma il 14 dicembre il loro veicolo Soyuz MS-22 attaccato Una linea che porta il refrigerante ai radiatori esterni passa attraverso un micrometeoroide deformato. Di conseguenza, tutto il refrigerante disponibile è stato espulso nello spazio.

Dopo un’analisi, gli ingegneri russi hanno concluso che la navicella spaziale non poteva riportare in sicurezza i tre membri dell’equipaggio sulla Terra, data la possibilità di surriscaldamento dopo l’apertura di computer critici e altre apparecchiature sensibili.

Invece, hanno proceduto a lanciare il veicolo MS-23 per fungere da scialuppa di salvataggio in caso di emergenza di classe di evacuazione, evitandolo in modo che l’equipaggio potesse eventualmente tornare sulla Terra. Per rimettere in carreggiata il normale programma di rotazione dell’equipaggio, Prokofiev e il suo equipaggio avrebbero trascorso un anno intero nello spazio invece di sei mesi.

Ma con l’arrivo della navetta Soyuz MS-23, avranno ancora una volta una navetta affidabile per riportarli a casa in caso di emergenza medica o qualsiasi altro problema che richieda l’immediata evacuazione dalla stazione spaziale.

Il Falcon 9 dell’equipaggio 6 è atterrato sul pad 39A del Kennedy Space Center all’inizio di venerdì dopo un test del motore del primo stadio senza incidenti. Il lancio dell’equipaggio di quattro persone verso la Stazione Spaziale Internazionale è previsto per l’1:45 EST di lunedì.

NASA/Joel Koski


Gli altri quattro membri dell’equipaggio della stazione spaziale – il comandante dell’equipaggio-5 Nicole Mann, Josh Kasada, l’astronauta giapponese Koichi Wakata e l’astronauta Anna Kikina – sono stati lanciati nel laboratorio lo scorso ottobre a bordo della navicella SpaceX Crew Dragon. Hanno in programma di tornare sulla Terra il 6 marzo.

I loro sostituti – il comandante dell’equipaggio-6 Stephen Bowen, Woody Hoburg, l’astronauta Andrey Fedayev e l’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan Alnyadi – dovrebbero partire dal pad 39A del Kennedy Space Center all’1:45 di lunedì.

Bowen e il suo equipaggio si sono allacciati al loro Crew Dragon giovedì durante la notte e hanno preso parte a un conto alla rovescia per le prove generali. Ore dopo, dopo che l’equipaggio ha lasciato la piattaforma, gli ingegneri di SpaceX hanno testato i motori del primo stadio del Falcon 9 per verificarne la prontezza al volo.

L’equipaggio ha in programma di iniziare la cosa reale solo dopo le 23:00 di domenica. Supponendo un decollo puntuale lunedì, la navetta Crew-6 raggiungerà la stazione spaziale alle 2:38 di martedì e attraccherà nel porto rivolto verso lo spazio del modulo Harmony anteriore. I volantini Crew-5 chiuderanno la missione di 151 giorni sei giorni dopo.

READ  Il Dow è sceso di 200 punti in apertura poiché il controllo del Congresso è rimasto poco chiaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *